INUITS    -    TORO SEDUTO    -      SACAJAWEA    -     POESIA INDIANA

 

 

       INUIT    +    1       1a       

storia  SEDNA LINGUA curiosita clima poesia

 

native americans

the inuit - inuit indians - inuit tribe - eskimos

 

inuit

9 luglio - Nunavut Day in Canada

nascita del Nunavut - territorio autonomo degli inuit - indigeni del Nord America

 

territories

The Inuit are one of the eleven Aboriginal peoples officially recognized by the Government of Quebec. Their ancestral lands, above the 55th parallel, are now known as Nunavik. Together with the Cree, they undertook negotiations with the Quebec and Canadian governments to sign the James Bay and Northern Quebec Agreement in 1975. This historic agreement, the first of its kind between Native and non-Native parties, defines their territories and the rights attached to them.

language

Inuktitut, the language of the Inuit, is part of the Eskimo-Aleut linguistic family. "Inuit meaning "people" (the singular is "Inuk") has replaced the traditional term "Eskimo." Inuktitut is spoken by almost all Inuit in Quebec and is only one of three Native languages in Canada that seems assured of a secure future.

The new Government of Nunavut department known in English as the Department of Family Services will be called Inulirijikkut in the Inuit language .
The word is based on the term “inuliriji” - ''person who help people'' - ''social worker'' - ''person who works with people'' .
nunatsiaqonline.ca - facebook/inuitartzone

total population

The Inuit population in Quebec is estimated at 7,540 people, with almost 7,100 residents in one or the other of the Inuit communities in the province.

communities

Since the James Bay and Northern Quebec Agreement, Inuit communities have been run under a municipal government program, with administration being coordinated by the Quebec Ministry of Public Affairs. There are fourteen northern Inuit villages within Nunavik, the Inuit Nation in Quebec.

They include

Akulivik, Aupaluk, Inukjuak, Ivujivik, Kangiqsualujjuaq, Kangiqsujuaq, Kangirsuk, Kuujjuaq, Kuujjuarapik, Puvirnituk, Quaqtaq, Salluit, Tasiujaq, and Umiujaq. Nunavik also has two territories without any permanent residents: Kiggaluk and Killiniq. Another 60 or so Inuit live in the Cree community of Chisasibi.

Nunavut territory was created on 1st April, 1999.

organizations

Local administration is assured by the municipal council, as established by the Northern Village Corporation, under the terms of the James Bay and Northern Quebec Agreement. The different municipal councils are part of the Kativik Regional Authority. The Makivik Corporation, working towards Inuit economic development, and the Avataq Cultural Institut are two important Inuit institutions.

vada.nl/volkenen.htm

 

 

INUIT COME FROM

Archaeologists believe that the earliest people migrated to North America from Siberia. The Siberia North America connection was given further credence with the 1996 discovery of early stone tools near the Upstar river, north of Magada, a city in Siberia. These tools were the same as those found in parts of the Alaskan and Canadian Arctic.    

usask.ca
About 4,000 years ago, the first Inuit people migrated from Alaska to the Canadian Arctic, and started the Dorset culture.   

yellowknife.worldweb.com

Ancient DNA Sheds New Light on Arctic's Earliest People
First arrivals kept to themselves for thousands of years.
Inuit hunters in the Canadian Arctic have long told stories about a mysterious ancient people known as the Tunit, who once inhabited the far north. Tunit men, they recalled, possessed powerful magic and were strong enough to crush the neck of a walrus and singlehandedly haul the massive carcass home over the ice. Yet the stories described the Tunit as a reticent people who kept to themselves, avoiding contact with their neighbors.
Many researchers dismissed the tales as pure fiction, but a major new genetic study suggests that parts of these stories were based on actual events.
In a paper to be published Friday in Science, evolutionary geneticist Eske Willerslev and molecular biologist Maanasa Raghavan, both of the University of Copenhagen, Denmark, and their colleagues reveal for the first time that the earliest inhabitants of the Canadian Arctic—a group that archaeologists call the Paleo-Eskimos—lived in isolation from their neighbors for nearly 4,000 years, refraining from any mixture with Native Americans to the south or with the ancestors of the modern Inuit.
'Elsewhere, as soon as people meet each other, they have sex,' says Willerslev. 'Even potentially different species like Neanderthals [and modern humans] had sex, so this finding is extremely surprising.'
The new study also proposes a previously unknown migration. Research by other scientists has shown that the first Americans entered the New World at least 15,500 years ago, and that two smaller migrations of hunter-gatherers from Asia followed. The new study indicates that the Paleo-Eskimos entered the Arctic some 5,000 years ago, in a separate migration.

heather pringle/national geographic

 

 

 

 

 

 

Tools - primi occhiali da sole - arco e freccia
Pisiksi the bow and arrow, made from animal parts, was the most common Inuit hunting tool during summer.
Iggaak – Inuit wore iggaak  - snow goggles -  in spring to prevent snow blindness — a condition caused by the sun’s reflection off the snow. The goggles were handcrafted using various animal parts, tusk, ivory, or bone. Some areas of the High Arctic experience 24-hour sunlight throughout the season, so iggaak were a daily necessity.
itk.ca/about-inuit

the inuit invented goggles to prevent snow blindness.    they utilized bone antler and ivory as the medium and carved them for use.   the oldest pair was found in canada and dated back to 1200 ad.
facebook.com/native.encyclopedia
itk.ca/about-inuit

www.facebook.com/inuitartzone

 

 

 

 

 

 

 

 

STIVALI

In Inuit language each "boot" has a name.

Ones with no hair are called Kamiik  -  water proof. Ones with caribou fur are called Mitquliik/Miqquliik among Aivilingmiut and Nattilingmiut and some of Kivallirmiut. Mitquliik/miqquliik are winter "boots."

Ones with fur made of seal skin are called Niururiak by Aivilingmiut and some other Kivallirmiut. Niururiat(plural) are stylish, made to look pretty. inland Inuit can dehair caribou skin and make "Kamiik." the body part as the main kamik part and the caribou bull's neck as atunga (sole).

coastal Inuit  use seal skin for kamiik and use Ugjuk/Ugruk skin as atunga as it is thicker than seal skin and also made ugjuk/ugruk skin for ropes.

fbook.com/inuitartzone

http://en.wikipedia.org/wiki/Mukluk

 

 

 

 

 

 

Tactile Maps of Greenland  - MAPPE TATTILI
Like everybody else, the Inuit people of Greenland have been making maps to navigate the rugged coastline, but unlike maps made on paper, their maps are carved on wood that could be read in the dark by feeling. Often made of driftwood, these maps represent the contours of the coastline in a continuous line up one side of the wood and down the other. The contours of the land are highly exaggerated, allowing users to navigate entirely by feel. The navigator would often carry them under his mittens and feel the contours with his fingers to discern patterns in the coastline. Being made of wood, they are buoyant, so they float if accidentally dropped and could be easily retrieved.

kaushik - amusingplanet.com

 

 

 

 

 

 

 

.

PANNELLI SOLARI PER GLI INUIT - FriendsEastGreenland - DALLE MARCHE ALLA GROENLANDIA
Obiettivo? ' Donare nuovi pannelli agli Inuit e riscaldare altre case, per rendere più semplice la difficile scelta di un popolo cacciatore di continuare a vivere nei villaggi isolati della parte più difficile della Groenlandia ' .
Grazie a un crowdfounding, l’associazione sta lanciando in Europa una campagna di 'adozione' dei pannelli solari ad aria che verranno montati sulle case degli Inuit.
ilrestodelcarlino.it - 2018

.

 

 

 

 

 

iglu 'casa' igloo2.gif (2225 bytes)

How to stay warm in the cold -  The Igloo  
The igloo is an invention of the Inuit tribes. Here the hunters sleep in ice holes, their only chance of survival from the cold as the temperature drops to minus 40 degrees centigrade at night. The windows of the igloo always face towards the side which receive the most daylight.
Igloos are only built in the Canadian Arctic and in Thule in Greenland. In Southern and Eastern Greenland, dugouts braced with whalebone and rock are favoured as digs. The Inuit also created large snow domes for singing, dancing, and competitions for the long winter nights. The community igloos contained skylights, not that there was much sun outside during the long bleak winter where the sun doesn’t rise for 3 whole months. The stars and moon provide “light” indoors.

pilotguides.com -
mce.k12tn.net

La costruzione dell’Igloo
Il termine Igloo significa casa. L’entrata solitamente è bassa, affinché il calore possa rimanere nella stanza ricavata, e ci possono anche essere più ambienti. Quando la neve compatta dei blocchi si scioglie all’interno, subito si congela, formando un ulteriore supporto isolante. Questo ciclo è continuo e fa dell’Igloo un rifugio sicuro per periodi brevi dovuti alla necessità di andare a caccia e a pesca oppure gli Igloo possono anche essere delle case permanenti.
Per costruire un Igloo è importante che la neve adoperata sia asciugata dal vento e compatta.
Con una sega da neve si preparano i mattoni, che dovrebbero avere una lunghezza di 90 cm, un’altezza di 45 cm e una profondità di 12 cm. I bordi vanno arrotondati. I primi blocchi devono essere posti in circolo. A mano a mano che si cresce in altezza, i blocchi diventano più piccoli e vanno modellati in modo da formare una cupola. Alla fine si inserisce l’ultimo blocco, modellato apposta come un tronco di cono. E’ relativamente semplice plasmare la neve ghiacciata. I blocchi sono abbastanza leggeri. All’esterno dell’Igloo possiamo anche avere una temperatura di -50°C, ma all’interno c’è una temperatura potenziale di 0°C. Le mura bloccano il vento, che quando è intenso abbassa la temperatura. La neve e il ghiaccio funzionano da ‘trappola’ per il calore che c’è nell’Igloo.
Preventivamente, in fase di costruzione, si deve scavare un canale, per passare dall’esterno all’interno, entrati nella cupola, si scava per ricavare un’entrata. Viene preferita l’entrata a L, al fine di proteggersi meglio dal vento. Per chiudere l’apertura si adoperano blocchi di neve ghiacciata. Nei blocchi della casa vanno scavati dei fori per avere una giusta quantità di aria negli ambienti.
Si può benissimo cucinare nell’Igloo, utilizzando una stufa a carbone, essendoci i fori di ventilazione, non si rischia di rimanere soffocati.

daniela asaro romanoff - wateronline.info

http://it.wikihow.com/Costruire-un-Igloo

http://youtu.be/mTP4LzCiTMY

 
Abitazioni
Le abitazioni inuit  - nella lingua locale iglu 'casa' -  
sono di due tipi: tende in pelle di foca o tricheco in estate e capanne o case in inverno. Le abitazioni tradizionali invernali sono generalmente di pietra, con la struttura in legno o in osso di balena e un'apertura bassa e allungata, che consente l'ingresso soltanto carponi. La costruzione di case di ghiaccio, tipica di alcuni gruppi inuit del Canada centrale e orientale, è poco diffusa in Groenlandia e sconosciuta in Alaska. Attualmente, tuttavia, molti inuit vivono in città, in alloggi moderni costruiti dallo stato.

kidslink.scuole.bo.it

 

 

katajjaq CANTO DI GOLA DELLE  DONNE INUIT
forma  particolare di canto tipica degli Inuit... Il katajjaq può essere chiamato anche in modi diversi, pirkusirtuk o nipaquhiit in lingua Inuit, throat singing in inglese (anche se questa non è la traduzione letterale di katajjaq), canto di gola, gioco di gola o canto ansimato in italiano. Esso è una sorta di competizione canora che di solito avviene tra due donne...... la gara finisce quando una delle due cantanti non ha più fiato o incespica con la voce e si mette a ridere, decretando la vittoria della contendente......   originariamente le donne Inuit praticavano il katajjaq quando i loro uomini erano via per la caccia....

È uno dei pochi casi al mondo di canto di gola, un metodo unico di produzione del suono che è altrimenti conosciuto in Sardegna.

"The old woman who teaches the children corrects sloppy intonation of contours, poorly meshed phase displacements, and vague rhythms exactly like a Western vocal coach."

(Nattiez 1990, p. 57)
"La donna anziana che insegna ai bambini corregge i dettagli dell'intonazione, gli sfasamenti ritmici che si sovrappongono per errore e le incoerenze ritmiche esattamente come farebbe un maestro di coro occidentale."
musicadiversa.blogspot.com . wikipedia

 

 

CANI ALFA

Groenlandia: il villaggio dei Cani Alfa  - Tinitequilaaq -- è il luogo dove si supera il finis terrae della vita. Tra i ghiacci gli animali da slitta sono l'unica risorsa degli inuit

I cani sono l'unica ricchezza della popolazione inuit. Oggi vengono utilizzati per spostarsi d'inverno sulla neve, ma nei tempi passati rappresentavano per lui la sola possibilità di sopravvivere nei momenti difficili. I vecchi del villaggio ricordano come i loro padri raccontavano che nei momenti di carestia, quando tutto era stato mangiato, perché tutto ciò che l'inuit possedeva era commestibile: le coperte di pelli di foca, la frusta per condurre la muta, il grasso combustibile della lampada, le cinghie e i finimenti della slitta, i cani rappresentavano per lui e la sua famiglia l'ultima possibilità di alimentazione.
ottorino tosti - mentelocale.it

 

 

 

 

Kayak -  umiak
canoa  originaria e tipica degli inuit.
diversa dalla canoa canadese perchè ideata per la propulsione e manovra di una pagaia a doppia pala - la canoa canadese è manovrata della pagaia a pala singola.
"kayak" significa “barca degli uomini” –
"umiak" barca delle donne".
I primi kayak erano di legno ricoperti da pelli e costruiti da chi doveva usarli.

wikipedia
1900 - uomo con kayak - pinterest

 

 

 

 

 

 

'inuit'    -    uomini

termine usato da questo popolo per designarsi

'eschimesi'     -      mangiatori di carne cruda

il  significato eschimesi nasconde una sfumatura dispregiativa, viene usato dalle popolazioni vicine.
Gli Inuit vivono nelle terre artiche del continente americano - Alaska (Usa), Canada e Groenlandia (Danimarca) - e nella Siberia nord orientale. La comunità più numerosa è quella groenlandese, la più esigua quella siberiana. Tra gli Inuit delle aree citate esistono alcune differenze, soprattutto a livello linguistico (parlano dialetti diversi).
Fino a poco tempo fa gli Inuit erano cacciatori nomadi, si spostavano su slitte trainate da cani o con i kajak (imbarcazione monoposto usata per cacciare, formata da un'intelaiatura in legno rivestita di pelli) e gli umyak (imbarcazione più grande del kajak ma costruita nello stesso modo, generalmente usata dalle donne). D'inverno abitavano negli igloo, alloggi seminterrati ricoperti di neve (dai quali deriva l'igloolak, capanna semisferica fatta di blocchi di ghiaccio propria degli Eschimesi del Canada), d'estate in tende coniche con struttura di legno rivestita di pelli. Cacciavano con l'arco composto a doppia curvatura e con l'arpione a testa mobile, alimentavano le lampade con olio di foca e costruivano utensili in osso.
 

guidegratis.it        groenlandia.it

Gli Inuit sono i tipici rappresentanti della vita umana alle massime latitutidini. Per intenderci stiamo parlando degli ‘eschimesi’, ma non chiamateli così, perché per loro sarebbe offensivo, quasi come chiamare un italiano ‘mangiaspaghetti’. Questo nome è infatti stato affibbiato loro da altri nativi americani, che volevano etichettare la loro abitudine di mangiare carne cruda. Oggi si trovano ancora in alcune zone del Canada, dell’Alaska e della Groenlandia, con alcune propaggini anche all’estremità della Siberia.
fabio perelli - agoravox.it

 


Trikaus ha esaminato i piedi di antichi nativi americani e degli Inuit. I primi usavano sandali o mocassini, i secondi invece veri e propri stivali. E così ha visto che i nativi americani avevano dita dei piedi più robuste di quelle degli eschimesi.
150.146.47.106/rivistaonline 

''Quando si cammina scalzi - SOSIENE Trinkaus - le dita afferrano la terra, come riflesso naturale. Poiché le scarpe con una pianta dura hanno migliorato sia l'equilibrio che l'impugnatura, le persone che hanno iniziato a calzarle regolarmente hanno sviluppato dita dei piedi più piccole e deboli".
.....ha messo a confronto le dita dei piedi dei primi nativi americani, che camminavano sempre scalzi, e quelle degli
Inuit dell'Alaska, che indossavano pesanti scarponi in pelle di foca. E ha identificato dita più lunghe e segmentate nelle popolazioni che camminavano regolarmente senza scarpe.
Il confronto prova dunque che le dita dei piedi di chi calzava scarpe sono diventate più fragili semplicemente per il minor stress a cui erano sottoposte e non a un cambiamento evolutivo.

corriere.it 

 

 

 

INUIT  ESCHIMESI   -  i custodi della tundra
Spesso i nomi che vengono usati comunemente usati per designare i popoli indigeni nascondono un significato dispregiativo. I Lakota, ad esempio, vennero ribattezzati Sioux dai missionari gesuiti, che si ispirarono al termine nado-we-siu (vipere) adoperato da alcuni popoli nemici.
Non fanno eccezione gli Inuit, da sempre noti come Eschimesi (mangiatori di carne cruda), termine dispregiativo di origine algonchina.
I popoli indigeni del continente americano provengono da varie parti dell'Asia attraverso varie ondate migratorie che risalgono ad oltre 40.000 anni fa. Gli Inuit, come si capisce osservando i loro tratti somatici, sono originari delle fredde distese siberiane.
Abitano la regione della tundra e vivono di caccia, pesca e piccole attività agricole. Non mancano quelli che coltivano le arti figurative (in genere pittura e scultura), come ha documentato una bella mostra tenutasi a Verona nel 1995.
Oggi gli Inuit sono poco più di 100.000 e vivono divisi fra Canada (Québec, Labrador e Nunavut), Stati Uniti (Alaska), Groenlandia e penisola di Chukotka (Russia). Alle diverse collocazioni geografiche corrispondono differenze di vario tipo. Anzitutto la lingua: ad un paio di idiomi-base si aggiunge una grande varietà dialettale. Quelli che vivono in Russia costituiscono la comunità più esigua (1.500 persone), e questo aumenta il pericolo dell'assimilazione culturale. In Groenlandia, al contrario, rappresentano l'85% della popolazione, anche se molti groenlandesi sono meticci dano-eschimesi: l'isola è infatti un territorio autonomo sotto la corona danese.
Fondamentalmente nomade, disperso su spazi sconfinati, per lunghi scoli il popolo eschimese non conosce l'unità. Al tempo stesso, deve fronteggiare condizioni di vita durissime, con una natura spietata sempre in agguato. I pericoli della caccia, la malnutrizione e l'elevata mortalità infantile rendono molto bassa l'età media (30-35 anni). E' così che la vita degli aborigeni polari trascorre per circa 4.000 annisnza produrre una storia (almeno nel senso che noi attribuiamo a questo termine).
I grandi mutamenti arrivano soltanto verso la metà del diciannovesimo secolo, quando i missionari anglicani codificano l'alfabeto inuit prendendo a prestito i caratteri degli indiani Cree. ...  

gfbv.it

 

 

La storia
Il dominio nell'Artico è cominciato nel 1670 con l'Hudson Bay, compagnia britannica. Il primo titolo ufficiale di appartenenza fu attribuito all'azienda, oggi canadese, dal re Carlo II. Nel 1821 la proprietà fu ampliata per includere i Territori del Nord Ovest e Nunavut. La Compagnia Hudson Bay cedette poi il titolo di sovranità al Canada nel 1869. Nel 1880 il Canada accettò, dalla Gran Bretagna, di essere curatore ufficiale di tutto l'Arcipelago Artico. E così, quella che era stata l'avventura britannica, diventò canadese. I principali rivali sono sempre stati gli scandinavi. All'inizio la battaglia tra scandinavi e americani era più forte, escludendo i canadesi. Dopo la Seconda guerra mondiale, gli americani costruirono una catena di stazioni radar per scoprire missili, razzi e aerei sovietici. E i canadesi, per avere la sovranità nella zona, risposero in modo, definito da loro stessi inumano, spostando un villaggio di inuit dal Quebec all'Artico, con la motivazione che nella provincia francese morivano di fame. Così dal Quebec, gli inuit furono costretti a vivere a 1.500 chilometri dal Polo Nord. Ancora oggi gli inuit sono i principali componenti dei Rangers dell'Artico, un corpo speciale dell'armata canadese.
ilmanifesto.it

Alaska: trovato reperto in bronzo  -   Da rivedere la storia degli eschimesi
Di certa provenienza asiatica, probabilmente più vecchio del VII secolo d. C.
rinvenuto dal gruppo di John Hoffecker dell'Università del Colorado a Boulder - misura circa 2,50 centimetri per 5, ed è s
pesso meno di 2 e mezzo.... potrebbe essere una fibbia e, prima di giungere in Alaska, potrebbe essere stata utilizzata nella bardatura di un cavallo.

In Alaska la lavorazione del bronzo in quell'epoca era sconosciuta.... si pensa quindi provenga da una zona situata nell'area tra Corea, Cina, Manciuria o Siberia meridionale...
Gli Iñupiat sono gli antenati diretti dei moderni eschimesi e si pensa che migrarono in Alaska dalla Siberia circa 1.500 anni fa e possono aver portato l'oggetto con loro durante l'attraversamento dello stretto di Bering...
Prima degli Inupiat la penisola Seward, che si estende come un dito verso la Siberia, fu come un ponte per le popolazioni che 14 mila anni fa passarono dall'Asia all'America sfruttando il livello del mare inferiore di circa 100 metri all'attuale durante l'ultima fase glaciale.

redazione - corriere.it

 

groenlandia scoperte sepolture inuit XIII sec
Gli esquimesi costruivano cimiteri tra i ghiacci della Groenlandia settentrionale già ottocento anni fa: lo ha scoperto un gruppo di archeologi danesi, groenlandesi e canadesi, che ha trovato per la prima volta nel grande nord della Groenlandia alcune sepolture Inuit molto antiche, risalenti probabilmente all'epoca del nostro Alto medioevo. Lo ha annunciato oggi un membro della spedizione archeologica alla radio Knr di Nuuk, capitale della Groenlandia.
Si tratta di tre cimiteri, rinvenuti nei pressi di Ingefield Land, cento chilometri a nord della città di Qaanaaq, nel nord-ovest dell'isola, che sono databili al XIII secolo secondo il conservatore del Museo nazionale della Groenlandia, Hans Lange. Il gruppo dei sette archeologi autori della scoperta ha trovato inoltre utensili di pietra, anelli e resti di abitazioni che risalirebbero, secondo le stime, a circa duemila anni fa.
La spedizione, durata sei settimane, aveva lo scopo di ritrovare tracce dei principali periodi della storia degli Inuit: la cultura Dorset (dal 900 a.C. al 1350 d.C. circa) e la cultura Thulè (fino al 1650). La spedizione era promossa e sovvenzionata da fondi americani nel quadro di un progetto per la commemorazione dell'esploratore Robert Peary, che raggiunse per primo il Polo Nord nel 1909. Il nord della Groenlandia porta il suo nome: Terra di Peary
 
  

tio.ch

I primi contatti con gli europei risalirebbero al XVI secolo, ma la vera "conoscenza" degli eschimesi si verificò nel 1742, anno in cui gli occidentali scoprirono lo stretto di Bering. Nel regno dei ghiacci, però, misero piede per primi i vichinghi islandesi intorno al 980. Secondo le saghe, fu Erik il Rosso a condurre il suo popolo nella "Terra verde" (da qui il nome Green Land, da cui deriva Groenlandia), insidiandosi nella parte sud-orientale. Questa colonia portò avanti con l'Europa (e con il Papato in particolare) il commercio soprattutto delle pelli e dell'avorio delle zanne dei trichechi. Secondo gli storici, per procurarsi queste merci i vichinghi fecero spedizioni di caccia più a Nord ...
maurizio perriello - tgcom24 2017

 

 

toponimi
in Canada, un caso per così dire esemplare riguarda i toponimi del più antico popolo del Nord America, gli Inuit («la gente») noti correntemente come Eschimesi. Anche se gli Inuit si vantano di non essere stati mai sottomessi, avevano dovuto subire l’imposizione di toponimi per lo più inglesi, ma nel corso del secondo dopoguerra si sono vigorosamente battuti per la reintegrazione dei toponimi originali, e ce l’hanno fatta. Così, se dovete visitare, poniamo, la sterminata e fascinosa isola di Baffin, vi accorgerete che tutti i toponimi, senza eccezione, sono Inuit. La città storicamente più nota si chiamava Frobisher Bay, dal nome di un celebrato esploratore, ma il suo nome, oggi, è Iqaluit.   

korazym.org  
 

 

 

CLIMA E RISCHI PER  LA POPOLAZIONE
Il riscaldamento del pianeta nel Nord del Canada sta creando effetti molto seri. Tra le altre bizzarrie ambientali create dall'effetto serra, sono comparse nell'Artico le zanzare, insetti sconosciuti ai nonni inuit
In queste regioni remote, i condizionatori fino a oggi non venivano neppure presi in considerazione non solo perche' l'ultimo problema da affrontare era il tempo torrido, ma anche per i costi troppo alti dell’elettricità.
canada.blogosfere.it  

Un popolo in serio pericolo - Attualmente la cultura e la stessa sopravvivenza degli eschimesi sono fortemente minacciate dallo sfruttamento delle risorse naturali e dai cambiamenti climatici, nonché dalla maggiore influenza della cultura e degli stili di vita occidentali ...
maurizio perriello - tgcom24 2017

 

http://youtu.be/FcLqzj-4vMg   -   ThuleTuvalu - Trailer - trailer - cambiamenti climatici

La Groenlandia

in danese:   Grønland   -  letteralmente    terra verde

e in groenlandese: Kalaallit Nunaat   -  letteralmente      Terra degli uomini

è la più grande isola del mondo

coperta da ghiacci per l'84% della superficie

it.wikipedia.irg

.

https://youtu.be/XQ4hfj6KYjQ  -  Kalaallit Nunaat

http://youtu.be/x1qA4zCtHVU  -  Kim Leine - The Prophets of Eternal Fjord

 

 

***


Il clima che cambia
minaccia gli orsi polari
Lo scioglimento dei ghiacci dell'Artico sta causando la progressiva scomparsa delle popolazioni di orso polare, lo conferma l'ultimo rapporto dell'IUCN

Gli USA hanno rimandato la decisione di includere o meno gli orsi nella lista delle specie da proteggere contenuta nell’Endangered Species Act. Un rapporto dell’U.S. Geological Survey dello scorso settembre, basato sulle tendenze ora in atto, prevede la sparizione di due terzi di tutti gli orsi polari esistenti entro i prossimi 40 anni.
ecoblog.it     canadianpress.google.com     news.nationalgeographic.com  

 

 

GLI ORSI AFFAMATI NON TROVANDO CIBO  DIVENTANO CANNIBALI  E DIVORANO I PROPRI CUCCIOLI

 

International Polar Year  -  Anno Polare internazionale 

ipy.org

 49° stato federato USA dal 3.1.1959

 

***

 

i canadesi conoscono poco gli Inuit
Nonostante una maggiore attenzione negli ultimi anni per il nord del Canada a causa dello scioglimento dei ghiacci, l'aumento delle tensioni geopolitiche … hanno risposto a un sondaggio … commissionato dalla Inuit Tapiriit Kanatami  - organizzazione nazionale degli Inuit..
Quasi tre quarti delle persone intervistate erroneamente credono che facciano parte delle "First Nations"   -   in questa recente definizione sono incluse le popolazioni  ‘indiane’  ma non gli inuit.

canada.com

INUIT
... Hanno una buona manualità gli inuit in generale e molta grazia, le forme sono sempre morbide, i soggetti teneri, siano che escano da mani di donna o da mani grosse e corte maschili. In genere le donne lavorano su una sola dimensione creando arazzi di lana cotta, decorando gli interni delle loro bellissime calzature di pelo di foca- i kamiki- e usando colori intensi e non presenti in natura, forse solo sognati e desiderati.
Uomini e donne, bambini e vecchi ad Arviat parlano ancora la loro lingua inuktitut, ma poi crescendo i bambini si anglicizzano, usano l'inglese a scuola e dimenticano la loro lingua; con la lingua scompare la memoria di una stile di vita e con questa affonda tutto un mondo. E con questo affonda l'identità e affiora lo spaesamento, la disperazione.
Ci si può procurare alcool allora, o droghe o ambedue, perché come si fa a capire se ha più senso comprare junk food al supermercato e guardare non stop le soap opera americane e canadesi, o piuttosto andare a caccia di caribù di foche e orsi e cantare dondolandosi al ritmo di un tamburo?
E noi, i civilizzati, i sedentari - sempre puliti, sempre alla temperatura giusta né troppo calda né troppo fredda, sempre ben vestiti e ben carrozzati - vorremmo difenderli con due leggine che concedono qualche privilegio a questi pochi superstiti dell'era glaciale? Troppo tardi, ahimè, sono già sulla via dell'estinzione, poiché siedono su un territorio minato da tutti i nostri comfort di cui non avevano bisogno.
...
ada grilli - ecodibergamo.it

 

 

 

15 marzo

giornata internazionale delle foche

 

protezione foca
Il 98% delle foche uccise hanno un età tra i 12 giorni di vita e i 3 mesi di vita: sono quindi “cuccioli” a tutti gli effetti considerato che questi mammiferi possono raggiungere i 30 anni d’età.
Caccia

la maggior parte dei cuccioli sono morti alla nascita perché dati alla luce nelle acque a causa delle condizioni climatiche che stanno sciogliendo i ghiacciai e non in grado di nuotare nelle prime settimane di vita. La maggior parte delle foche sopravissute sono state uccise a fucilate, a distanza, dalle barche e poi recuperate spesso agonizzanti.

http://gattivity.blogosfere.it

ifaw.org/in 

> VIDEO

 

oipa.org petizione

inuit senza foche causa clima   .PDF

inuit oggi    .pdf

 

http://youtu.be/m4kOIzMqso0  -   Nanook of the North 1922 - Classic Documentary

i popoli artici tollerano grandi quantità di acidi grassi animali grazie a una mutazione genetica selezionata dal clima estremo che determina anche la loro statura
elena meli - corriere.it

BALENA - Whale   

www.greenpeace.org       www.humanesociety.org

 

La balena della Groenlandia è protetta dal 1946

La caccia di sussistenza è attualmente concessa solo in alcune zone .   Il commercio internazionale è del tutto vietato

 

 

SAVE THE ARTIC

www.savethearctic.org/it

*

       INUIT    +    1       1a       

storia  SEDNA LINGUA curiosita clima poesia

 

INUITS    -    TORO SEDUTO    -      SACAJAWEA    -     POESIA INDIANA


 

      home

 

PRIVACY