rabindra nath  thakur   (tagore)

 

 

 

Tagore seemingly considered death as an inevitable episode, but not "the end."

He saw death as another beginning, if a soul is to be considered immortal, eternal. This philosophy is apparent in one of his quotes: “Death is not extinguishing the light; it is only putting out the lamp because the dawn has come.” ...
The poet also saw death as an offering, a validation of divine intervention...

Kari Waheed -   thedailystar.net - 68th Death Anniversary the world beyond

 

 

Rabindra Sangeet
Abdul Wadud has been one of the activists involved in organising many Rabindra Sangeet programmes and festivals since the '70s.
TDS: Were there any difficulties along the way?
Abdul Wadud: Rabindranath once fell into a dilemma about his song 'Bishwabeena Rob-ey.' Indira Devi knew it in one way. She witnessed Dinendranath teach this song in a different tune and notified it to Rabindranath (these two different compositions can be found in Shwaralipi 36 and 50). He then explained to her that he was aware of it and the modified version was not bad.
The relatively slower among the students of Rabindranath, of the class started claiming many things after his demise. If one said, 'I learned this song from Tagore in this way,' then another would say,'
Tagore taught me in that way.' Although these claims seem to be imaginary, there are no means by which they can be verified. In this way also, inconsistencies arose. The fact that nowadays in Bangladesh, many renowned faces are performing Tagore songs in different compositions is a continuation of that trend

thedailystar.net

 

favola fantasy - la terra delle carte
Tratta da un celebre dramma musicale indiano dello scrittore Rabindranath Tagore il film racconta le bizzarre avventure di un principe e del suo amico che, naufragati su un'isola da sogno, si imbattono in una strana società. Gli isolani sono tutti soldati che si fanno chiamare Carte e vivono secondo leggi che bandiscono ogni comportamento umano.
mymovies.it

 

 

When Tagore writes

 

death my death  whisper to me!

for you alone have I kept watch day after day romantic ecstasy surges through every word. For Tagore the soul was more real than any object, and he sang of death as a joyful voyage home to the eternity from which we sprang. In these poems we experience a dramatic alternative to the fearful Western view of death. Through the magic of Tagore's lyricism we begin to understand that by becoming familiar with death, and watching it grow closer, we can come to live fully in the present moment. As Tagore tells us so eloquently, if you weep because the sun has gone out your tears may blind you to the stars
amazon.com

death is not extinguishing the light
it is putting out the lamp
because the dawn has come

la morte non è una luce che si spegne
è mettere fuori la lampada
perchè è arrivata l'alba

 

my song

and when my voice is silenced in death
my song will speak in your living heart

l'eternità è verità

non c'è nulla che la possa misurare

la morte lo dimostra incessantemente

 

we are to play the game of death

tonight my bride and i.
the night is black the clouds

in the sky are capricious

and the waves are raving at sea.
we have left our bed of dreams

flung open the door

and come out my bride and i.
we sit upon a swing and the storm winds

give us a wild push from behind.
my bride starts up with fear and delight

 she trembles and clings to my breast.
long have i served her tenderly.
i made for her a bed of flowers

and i closed the doors

to shut out the rude light from her eyes.
i kissed her gently on her lips

and whispered softly in her ears

till she half swooned in languor.
she was lost in the endless

mist of vague sweetness.
she answered not to my touch

my songs failed to arouse her.
tonight has come to us the call of the storm

from the wild.
my bride has shivered and stood up

she has clasped my hand and come out.
her hair is flying in the wind her veil is fluttering

her garland rustles over her breast.
the push of death has swung her into life.
we are face to face and heart to heart my bride and i

poetry-archive.com







dammi il supremo conforto dell'amore
questa è la mia preghiera.
il conforto che mi permetterà di parlare
agire soffrire secondo la tua volontà
e di abbandonare ogni cosa

per non essere lasciato a me stesso.
fortificami nei pericoli

onorami con la tua sofferenza
aiutami a percorrere i cammini difficili
del sacrificio quotidiano.
dammi la suprema confidenza dell'amore
questa è la mia preghiera.
la confidenza nella vita che sfida la morte
che cambia la debolezza in forza
la sconfitta in vittoria.
innalzami perché la mia dignità

accettando l'offesa
disdegni di renderla.

 

 

 

 

 

Era di maggio. Il pomeriggio afoso
sembrava interminabile. La terra riarsa
si spaccava nel gran caldo, assetata.
Dalla riva del fiume udii una voce
che gridava: “Vieni, tesoro mio”.
Chiusi il mio libro e aprii la finestra
per guardare fuori.
Vidi presso il fiume un grande bufalo

coperto di fango
che guardava in giro con occhi placidi e pazienti
un ragazzo, nell’acqua fino al ginocchio

lo chiamava per farlo bagnare.
Sorrisi compiacente ed ebbi un senso di dolcezza
che m’invase il cuore.
il giardiniere 1912

 

 

 

 


The sun of the first day
Put the question
To the new manifestation of life
Who are you?
There was no answer.
Years passed by.
The last sun of the last day
Uttered the question
on the shore of the western sea
In the hush of evening
Who are you?
No answer came .
selected letters - uni cambridge - google e book

 



 

 

 

Quando sei sparita, tu moristi
a tutto quello che m’era estraneo,
svanendo dalle mille cose del mondo
per rimanere completamente nel mio dolore.
Io sentii allora che la vita era diventata
amore perfetto, uomo e donna diventati
in me una sola persona, per sempre.
(da Dono d’amore)
Sei solo un’immagine, e non vera
come quelle stelle e questa polvere
che fremono d’un brivido vitale?
Mentre tu sei immensamente lontana,
nella tua calma, forma dipinta.
Un tempo camminavi con me,
caldo era il tuo respiro, il tuo corpo
cantava la vita.
Il mio mondo parlava con la tua voce
e mi toccò il cuore con il tuo viso.
Ti sei fermata all’improvviso nel tuo cammino,
all’ombra dell’Eterno, io ho continuato solo.
La vita ride come un bimbo,
scotendo nella corsa il suo sonaglio di morte
mi chiama, e io seguo l’invisibile;
ma tu sei là, dove ti sei fermata,
dietro quella polvere e quelle stelle,
e sei solo un’immagine.
No, non può essere. Se il movimento della vita
si fosse concluso per sempre con te,
fermerebbe il fiume nella sua corrente,
e il procedere del giorno nel suo ritmo di colori.
Se il luminoso tramonto dei tuoi capelli
fosse sparito nel buio della disperazione,
l’ombra estiva della foresta
morirebbe con i suoi sogni.
Può essere vero che t’ho dimenticato?
Disattenti proseguiamo, dimenticando
i fiori della siepe che fiancheggia la strada.
Tuttavia essi profumano, incoscienti
della nostra dimenticanza, riempiendola
di musica.
Tu sei partita da questo mio mondo
per prenderti lo spazio alle radici
della mia vita, perciò quest’oblio
è una memoria sparita nella sua profondità.
Non sei più davanti ai miei canti
ma una sola con essi.
Sei venuta con la prima luce dell’alba,
t’ho preso con l’ultimo raggio di sole del tramonto.
Da allora sempre ti trovo attraversando il buio.
No, tu non sei solo un’immagine !





 

 

I touch God in my song
as the hill touches the far-away sea
with its waterfall.
The butterfly counts not months but moments
and has time enough.
Let my love   like sunlight   surround you
and yet give you illumined freedom.
Love remains a secret even when spoken,
for only a lover truly knows that he is loved.
Emancipation from the bondage of the soil
is no freedom for thee.
In love I pay my endless debt to thee
for what thou art.

the fugitive

 

 

 

 

Face To Face
Day after day, O lord of my life,
shall I stand before thee face to face.
With folded hands, O lord of all worlds,
shall I stand before thee face to face ?
Under thy great sky in solitude and silence,
with humble heart

shall I stand before thee face to face ?
In this laborious world of thine

tumultuous with toil
and with struggle, among hurrying crowds
shall I stand before thee face to face ?
And when my work shall be done in this world,
O King of kings, alone and speechless
shall I stand before thee face to face?
poems - google e book

 

 

 

 



l'ultima canzone
Finisci allora quest'ultima canzone
Finisci allora quest' ultima canzone e separiamoci.
Scorda questa notte ora che la notte è finita.
Chi cerco di serrare tra le braccia? I sogni
non si possono fare prigionieri.
Con mani avide stringo al mio cuore il vuoto,
ed esso mi ferisce il petto.
.

Then finish the last song and let us leave.
Forget this night when the night is no more.
Whom do I try to clasp in my arms?
Dreams can never be made captive.
My eager hands press emptiness to
my heart and it bruises my breast.






la farfalla

non conta gli anni

ma gli istanti

per questo

il suo breve tempo

le basta

i miti  - mondadori

 

Tagore Song Sung by Rabindranath Tagore Himself

http://youtu.be/kvTim1Kg_F8



I BAMBINI S'INCONTRANO
SULLA SPIAGGIA DI MONDI SCONFINATI.
SOPRA DI LORO IL CIELO È IMMOBILE
NELLA SUA IMMENSITÀ
MA L'ACQUA DEL MARE CHE NON CONOSCE RIPOSO
SI AGITA TEMPESTOSA.
I BAMBINI S'INCONTRANO CON GRIDA E DANZE
SULLA SPIAGGIA DI MONDI SCONFINATI.
COSTRUISCONO CASTELLI DI SABBIA
E GIOVANO CON CONCHIGLIE VUOTE.
CON FOGLIE SECCHE INTESSONO BARCHETTE
E SORRIDENDO LE FANNO GALLEGGIARE
SULLA SUPERFICIE AMPIA DEL MARE.
I BAMBINI GIOCANO SULLA SPIAGGIA DEI MONDI.
NON SANNO NUOTARE
NÉ SANNO GETTARE LE RETI.
I PESCATORI DI PERLE SI TUFFANO PER CERCARE
I MERCANTI NAVIGANO SULLE LORO NAVI
I BAMBINI RACCOLGONO SASSOLINI
E POI LI GETTANO DI NUOVO NEL MARE.
NON CERCANO TESORI NASCOSTI
NON SANNO GETTARE LE RETI.
RIDE IL MARE INCRESPANDOSI
RIDE LA SPIAGGIA LUCCICANDO PALLIDAMENTE.
LE ONDE PORTATRICI DI MORTE
CANTANO AI BAMBINI CANTILENE SENZA SENSO
COME FA LA MADRE
QUANDO DONDOLA LA CULLA DEL SUO BIMBO.
IL MARE GIOCA CON I BAMBINI
E LA SPIAGGIA RIDE LUCCICANDO PALLIDAMENTE.
I BAMBINI S'INCONTRANO
SULLA SPIAGGIA DI MONDI SCONFINATI.
NEL CIELO SENZA SENTIERI VAGA LA TEMPESTA
NEL MARE SENZA SENTIERI NAUFRAGANO LE NAVI
LA MORTE È IN GIRO E I BAMBINI GIOCANO.
SULLA SPIAGGIA DI MONDI SCONFINATI
C'È UN GRANDE CONVEGNO DI BAMBINI.

 

       tagore_einstein     

 

We can't solve problems by using the same kind of thinking

we used when we created them
albert einstein

 

1926 - a casa di eninstein a berlino

 


brainpickings.org/when-einstein-met-tagore

poeticliterature.com/anthropomorphism.html



 

 14 luglio 1930

this is the last photograph ever taken
of rabindranath tagore - 1941

fb/nobelprize - 2018
einstein met tagore 1930
EINSTEIN
The word species is used in German for all human beings, as a matter of fact, even the apes and the frogs would belong to it.
TAGORE
In science we go through the discipline of eliminating the personal limitations of our individual minds and thus reach that comprehension of Truth which is in the mind of the Universal Man.
EINSTEIN
Even in our everyday life we feel compelled to ascribe a reality independent of man to the objects we use. We do this to connect the experiences of our senses in a reasonable way. For instance, if nobody is in this house, yet that table remains where it is.
TAGORE
Yes, it remains outside the individual mind, but not the universal mind. The table which I perceive is perceptible by the same kind of consciousness which I possess.
EINSTEIN
If nobody would be in the house the table would exist all the same — but this is already illegitimate from your point of view — because we cannot explain what it means that the table is there, independently of us.
Our natural point of view in regard to the existence of truth apart from humanity cannot be explained or proved, but it is a belief which nobody can lack — no primitive beings even. We attribute to Truth a super-human objectivity; it is indispensable for us, this reality which is independent of our existence and our experience and our mind — though we cannot say what it means.
TAGORE
Science has proved that the table as a solid object is an appearance and therefore that which the human mind perceives as a table would not exist if that mind were naught. At the same time it must be admitted that the fact, that the ultimate physical reality is nothing but a multitude of separate revolving centres of electric force, also belongs to the human mind.
In the apprehension of Truth there is an eternal conflict between the universal human mind and the same mind confined in the individual. The perpetual process of reconciliation is being carried on in our science, philosophy, in our ethics. In any case, if there be any Truth absolutely unrelated to humanity then for us it is absolutely non-existing.
It is not difficult to imagine a mind to which the sequence of things happens not in space but only in time like the sequence of notes in music. For such a mind such conception of reality is akin to the musical reality in which Pythagorean geometry can have no meaning. There is the reality of paper, infinitely different from the reality of literature. For the kind of mind possessed by the moth which eats that paper literature is absolutely non-existent, yet for Man’s mind literature has a greater value of Truth than the paper itself. In a similar manner if there be some Truth which has no sensuous or rational relation to the human mind, it will ever remain as nothing so long as we remain human beings.
EINSTEIN
Then I am more religious than you are!
TAGORE
My religion is in the reconciliation of the Super-personal Man, the universal human spirit, in my own individual being.

maria popova  -  brainpickings.org

 

 

 

 

Tagore's historic Moscow visit remembered

Moscow: Leading Russian Indologists celebrated the 70th anniversary of Indian  Nobel laureate Rabindranath Tagore's visit to Moscow, describing it as a landmark event  that bought the people of India and the erstwhile Soviet Union closer together.  The event was held at Moscow's famous Friendship House and was attended by a  large of people, including those fond of Tagore's literature and poetry, members of  the Russian-Indian and Russian Bangladesh Friendship Societies and diplomats  from all three countries. 

Arun Mohanty     Oct 16, 2000     newsarchives.indiainfo.com

 

 

TAGORE IN SOUTH AMERICA

Tagore in the United States : A Brief Discussion   -   Recently I have heard certain questions being raised pertaining to Rabindranath Tagore's relationship with the United States.

cs.brockport.edu

leggi

 

 

RABINDRANATH TAGORE 1861-1841

RabindranAth Thakur (Tagore), escritor indiano, nasceu em Calcutá em 1861 e morreu em Bengala em 1941. Depois de educação tradicional na Índia, completou a formação na Inglaterra entre os anos de 1878 e 1880. Começou sua carreira poética com volumes de versos em língua bengali. 

"pelo seu profundamente sensível, fresco e belo poema, pelo qual, com consumada perícia, ele fez do seu pensamento poético, expresso nas suas próprias palavras inglesas, uma parte da literatura do ocidente"         NOBEL LITERATURA 1913

lunaeamigos.com.br

Rabindranath Tagore, conosciuto anche con il nome di Gurudev, originariamente si chiamava Rabíndranáth Thákhur. Nacque a Calcutta il 6 maggio 1861, da una famiglia nobile e ricca, illustre anche per tradizioni culturali e spirituali.
Da ragazzo aveva studiato in casa il bengali con lezioni di inglese nel pomeriggio. Sin da bambino aveva letto i poeti bengalesi e cominciò a comporre poesie all’età di otto anni e, crescendo, la passione di scrittore e poeta si sviluppò in lui sempre più. La sua straordinaria creatività artistica lo indirizzò anche verso la
musica, la danza e la pittura. Compose liriche che musicò lui stesso e tradusse in inglese, e dipinse quadri che l’Occidente conobbe nelle esposizioni che vi fece. Con la sua attività artistica, di poeta musicista scrittore drammaturgo pittore, e la sua visione filosofico-religiosa, nel tempo divenne molto noto e fu apprezzato in tutto il mondo.

http://digilander.libero.it/luceeombra/index_file/page11.htm

Bio

http://it.wikipedia.org/wiki/Rabindranath_Tagore

 

 

tagore   

In uno dei più riusciti e forse meno noti drammi di Tagore, intitolato Mukta-Dhara, tradotto letteralmente La cascata e pubblicato per la prima volta nel Bengala nel 1922, l'autore sembra alludere in modo tragico alla colonizzazione dell'India e, più in particolare, ispirarsi a quella vasta opera di costruzione di dighe cominciata nei primi decenni del secolo in America negli interessi dei grossi gruppi industriali, ma socialmente ingiuste poiché privavano della terra coltivabile interi villaggi e portavano al loro trasferimento altrove. Il problema è tuttora vivo in India, come dimostra il caso della cosiddetta Teri Dam. Ma ecco l'intreccio dell'atto unico di Tagore. Mukta-Dhara è un villaggio in pianura, irrigato da acque che discendono da una montagna elevatasi altissima al di sopra di esso. Il re del villaggio che si erge sul monte decide di interromperne il flusso costruendo una diga. Lutto e tristezza sono il risultato di questa azione egoistica per gli abitanti della valle. Ma qualcuno vendicherà le vittime dell'arroganza e del malvolere del re. Il suo figlio putativo, chiamato Yuvarajah...

Mukta-Dhara può essere interpretato a vari livelli, uno dei quali è nell'ambito del simbolismo cristiano. Lo Yuvarajah è una immagine di Cristo che redime il suo popolo attraverso la percezione della verità e attraverso la propria capacità di sacrificio e di abnegazione. Egli è altresì inquadrabile nelle tendenze ecumeniche di Tagore, seppure vissute dall'angolo prospettico di una solida posizione induista. Il rapporto, che Tagore ebbe in svariate occasioni con le fasce più economicamente depresse della popolazione indiana (ad esempio, nelle terre paterne di Shilaidah), si traduce letterariamente nello spirito compassionevole espresso nei confronti della miseria e della sofferenza degli abitanti del villaggio. E' anche possibile scoprire nella breve composizione teatrale vari elementi di sensibilità e cultura buddista (le simpatie di Tagore per il buddismo sono ben note, ne parlò ampiamente Edward Thompson nel 1926, riferendosi sia all'antica letteratura bengalese che ne era, a suo dire, impregnata, sia al poeta stesso.

Mukta-Dhara può essere letto altresì come una specie di manifesto anti-imperialista da apprezzare,

insieme ad altri scritti di Tagore, alla luce dell'atteggiamento dell'autore negli anni precedenti all'Indipendenza, come incitamento al conflitto politico e alla ribellione contro il dominio britannico. Le popolazioni indiane, rappresentate in Mukta-Dhara dagli abitanti della valle, possono essere viste come vittime ed il loro paese come una terra saccheggiata da conquistatori stranieri (quelli che nel dramma sono indicati come i foreigners), privata di tutti i suoi beni, della fonte stessa di vita. L'atto ha inizio e si conclude con la ripetizione di parole bellicose che incitano alla riscossa e alla vittoria: "Shankara, Shankara, Vittoria, Vittoria, Vittoria!"

La posizione di Tagore si differenzia per molti aspetti da quella di molti intellettuali e uomini politici indiani, primo fra tutti Gandhi. Sono argomenti che devono necessariamente avere qui una trattazione breve, ma si deve ricordare che tra i grandi meriti non propriamente gandhiani del poeta indiano vi fu sia quello di attuare una rinascita delle tradizioni artistiche del proprio paese che quello di comunicarne il valore all'Occidente. Nel 1920 Tagore scrisse contro il concetto antico di ahimsa, non violenza, il perno del pensiero politico gandhiano, asserendo che "essa non andava considerata per se stessa una forza morale, ma poteva essere usata sia contro la verità sia a favore di essa". L'ideale di Tagore circa il rapporto tra civiltà distanti l'una dall'altra come l'India e l'Inghilterra è basato su un concetto generoso e cavalleresco che faccia sì che un paese si avvicini all'altro con generosità rinunciando all'esplicazione dei propri distruttivi egoismi.    

stm.it

*

Secondo l’eminente poeta Rabindranath Tagore il carattere distintivo della cultura indiana consiste nell’aver definito la vita nella foresta come la più alta forma di evoluzione culturale.
Nel suo Tapovan Tagore scrive che
«la civiltà indiana si è caratterizzata per il fatto di aver attribuito alla foresta e non alla città la sua fonte di rigenerazione, materiale e intellettuale...».
E ancora: «La cultura scaturita dalla foresta è stata influenzata dai diversi processi di rinnovamento della vita, processi che sono sempre in atto nella foresta e variano da specie a specie, da stagione a stagione per aspetto, suono e odore. Il principio unificante della vita nella diversità, del pluralismo democratico è diventato quindi il principio della civiltà indiana».

Per fare un albero di Vandana Shiva   - unita.it

 

rabindranath tagore on education

As one of the earliest educators to think in terms of the global village, rabindranath Tagore’s educational model has a unique sensitivity and aptness for education within multi-racial, multi-lingual and multi-cultural situations, amidst conditions of acknowledged economic discrepancy and political imbalance .

Kathleen M. O'Connell explores Rabindranath Tagore’s contribution.

infed.org   -   preservearticles.com

The aims reflected in the institution founded by Tagore:
1.    Self realisation:    Spiritual is the essence of humanism. Manifestation of personality depends upon the self-realisation and spiritual knowledge of individual.
2.    Intellectual Development:
     It means development of imagination, creative free thinking, constant curiosity, alertness ofthe mind.

       Freedom of child to adopt his own way of learning, which would lead to all-round development.
3.    Physical development:     Sound and healthy physique through yoga, games, sports as integral part of education.
4.    Love for Humanity:    Education for international understanding and universal brotherhood. Education should teach people to realise oneness.
5.    Freedom:    Education is a man-making process, it explores the innate power that exists within man, it is not an imposition, but a liberal process

       that provides utmost freedom for development.
6.    Co-relation of objects:    A peaceful world is only possible when correlation between man and nature will be established.
7.    Mother-tongue as medium of instruction:     Language is the true vehicle of expression.
8.    Moral and spiritual development:     It is more important than bookish knowledge for an integral development of human personality, by encouraging

       selfless acts, co-operation, sharing and fellow-feeling among students.
9.    Social Development:    ‘Brahma’ the supreme soul manifests through men and all creatures.

       He is the source of all life. Brotherhood should be cultivated from the beginning of life.

shreyasfoundation.in/rabindranath-tagore-education.html

 

Tuyo es el mundo, todo y para siempre.

Mas como Tú no necesitas nada, Rey mío,  no le sacas gusto a tu riqueza. ¡Es lo mismo que si no la tuvieras! Por eso tú, día tras día, me vas dando lo que es tuyo, y así te ganas, día tras día, tu reino en mí. Día tras día compras a mi corazón su aurora; y así ves tu amor esculpido en la estatua de mi vida. Tu diste canciones a los pájaros, y los pájaros te devolvieron canciones.  A mi sólo me diste voz, y me pediste más, y yo canté. Tú hiciste ligeros tus vientos, y tus vientos son ligeros en servirte.  A mi me cargaste las manos, porque yo mismo las aligerara, y yo he  ganado para tu servicio la ingrávida libertad.  Tú le llenaste a tu tierra sus sombras con chispas de luz, y te  quedaste entre ellas. A mi me dejaste en el polvo, sin nada entre las manos para hacer tu cielo. A todas las cosas les das. A mi me pides. Así, el sol y la lluvia van madurando mi vida solitaria, y cojo más que tú sembraste, y te alegro el corazón,  Señor del granero de oro!

Rabindranath Tagore  -   Poemas de su libro "La Cosecha"   - inicia.es

 

BIBLIOGRAFIA mondadoristore.it/libri/Rabindranath-Tagore   -    libreriauniversitaria.it/libri-autore_tagore+rabindranath

 

 

 

Rabindranath Tagore's Nobel Prize stolen  - 2004  -  rubata la medaglia del Nobel  Tagore

In a burglary at the Uttarayan complex of Visva Bharati University in Shantiniketan,  the Nobel Prize medal, a watch, a bangle and important citations belonging to  Rabindranath Tagore were stolen ...      

in.rediff.com

INDAGINI SONO CONCLUSE SENZA  INDIZI FONDAMENTALI - 2009

 

GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA - 2012

L’acqua che Dio ha creato deve esser semplicemente acqua e la terra non può mai esser altro che terra.
La legge che le ha fatte acqua e terra è la stessa legge di Dio per la quale Egli ha messo dei limiti al giocatore
in questi limiti consiste appunto il piacere del giocatore stesso.

*

la vera essenza della vita
Io ti adorerò nei fiori
nelle piante della foresta
in cima alla tua fronte
poserò i colori dell’amore
ti legherò con lacci variopinti.
Farò l’altalena sulle onde
dell’oceano della gioia
con nuovi canti e melodie.
Non ho più orgoglio
per la vita umana
fissato al tuo volto materno
di un verde tenero
ho amato la tua terra
la tua polvere.

la barca d’oro
booksblog.it

 

Vita e morte
Io ho amato questa terra:
di crogiuolo in crogiuolo,
di difficoltà in difficoltà
ho legato ad essa la mia vita.
La luce e le tenebre
dell'aurora e del tramonto
andarono navigando nel mio spirito.
Infine
la mia vita e la mia terra
divennero una cosa sola.
Ho amato la luce della terra
per questo amo la vita.

Tuttavia conosco la realtà
bisogna morire!
Un giorno le mie parole
non avranno più suono
il mio occhio non cercherà più dentro la luce
il mio cuore non batterà più
al richiamo ardente dell'aurora
la notte più non sussurrerà al mio orecchio
misteriose parole.
Dopo il mio ultimo sguardo
dopo le mie estreme parole
bisognerà andare.
Quanto è reale
la necessità di restare
tanto è reale
la necessità di andare.
In tutto questo c'è unione
altrimenti l'universo per tanto tempo
non avrebbe sopportato,
sorridente, tale inganno crudele
in questo tempo la sua luce
come fiore colpito dal verme
sarebbe diventata tenebre.

surul 14 gennaio 1915 - mattino - da balaka

altrestorie.org

Al risveglio ho trovato
con la luce una lettera.
Ma non posso sapere
che dice: non so leggere.
E non voglio distrarre
un sapiente dai libri:
ciò che c’è scritto forse
non lo saprebbe leggere.
La terrò sulla fronte
la terrò stretta al cuore.
Quando scende la notte
ed escono le stelle
la porterò sul grembo
e resterò in silenzio.
E me la leggeranno
le foglie che stormiscono
e ne farà il ruscello
col suo scorrere un canto
che a me ripeterà
anche l’Orsa dal cielo.
Io non lo so trovare
quel che cerco, o capire
cosa dovrei imparare
ma so che questa lettera
che non ho letto, ha reso
più lieve il mio fardello
e tutti i miei pensieri
ha mutato in canzoni.
.
I woke and found his letter with the morning.
I do not know what it says, for I cannot read.
I shall leave the wise man alone with his books
I shall not trouble him, for who knows
if he can read what the letter says.
Let me hold it to my forehead
and press it to my heart.
When the night grows still
and stars come out
one by one I will spread it on my lap
and stay silent.
The rustling leaves
will read it aloud to me
the rushing stream will chant it
and the seven wise stars
will sing it to me from the sky.
I cannot find what I seek
I cannot understand what I would learn
but this unread letter
has lightened my burdens
and turned my thoughts into songs.

 

 1   -  1a  -   2

 

altri autori           home

PRIVACY