THE BLACK CAT

inglese e italiano

 

by Edgar Allan Poe  - august 19, 1843 - the saturday evening post

 

For months I could not rid myself of the phantasm of the cat

 

FOR the most wild, yet most homely narrative which I am about to pen, I neither expect nor solicit belief. Mad indeed would I be to expect it, in a case where my very senses reject their own evidence. Yet, mad am I not --and very surely do I not dream. But to-morrow I die, and to-day I would unburthen my soul. My immediate purpose is to place before the world, plainly, succinctly, and without comment, a series of mere household events. In their consequences, these events have terrified --have tortured --have destroyed me. Yet I will not attempt to expound them. To me, they have presented little but Horror --to many they will seem less terrible than baroques. Hereafter, perhaps, some intellect may be found which will reduce my phantasm to the common-place --some intellect more calm, more logical, and far less excitable than my own, which will perceive, in the circumstances I detail with awe, nothing more than an ordinary succession of very natural causes and effects.
From my infancy I was noted for the docility and humanity of my disposition. My tenderness of heart was even so conspicuous as to make me the jest of my companions. I was especially fond of animals, and was indulged by my parents with a great variety of pets. With these I spent most of my time, and never was so happy as when feeding and caressing them. This peculiar of character grew with my growth, and in my manhood, I derived from it one of my principal sources of pleasure. To those who have cherished an affection for a faithful and sagacious dog, I need hardly be at the trouble of explaining the nature or the intensity of the gratification thus derivable. There is something in the unselfish and self-sacrificing love of a brute, which goes directly to the heart of him who has had frequent occasion to test the paltry friendship and gossamer fidelity of mere Man.
I married early, and was happy to find in my wife a disposition not uncongenial with my own. Observing my partiality for domestic pets, she lost no opportunity of procuring those of the most agreeable kind. We had birds, gold fish, a fine dog, rabbits, a small monkey, and a cat.
This latter was a remarkably large and beautiful animal, entirely black, and sagacious to an astonishing degree. In speaking of his intelligence, my wife, who at heart was not a little tinctured with superstition, made frequent allusion to the ancient popular notion, which regarded all black cats as witches in disguise. Not that she was ever serious upon this point --and I mention the matter at all for no better reason than that it happens, just now, to be remembered.
Pluto --this was the cat's name --was my favorite pet and playmate. I alone fed him, and he attended me wherever I went about the house. It was even with difficulty that I could prevent him from following me through the streets.
Our friendship lasted, in this manner, for several years, during which my general temperament and character --through the instrumentality of the Fiend Intemperance --had (I blush to confess it) experienced a radical alteration for the worse. I grew, day by day, more moody, more irritable, more regardless of the feelings of others. I suffered myself to use intemperate language to my At length, I even offered her personal violence. My pets, of course, were made to feel the change in my disposition. I not only neglected, but ill-used them. For Pluto, however, I still retained sufficient regard to restrain me from maltreating him, as I made no scruple of maltreating the rabbits, the monkey, or even the dog, when by accident, or through affection, they came in my way. But my disease grew upon me --for what disease is like Alcohol! --and at length even Pluto, who was now becoming old, and consequently somewhat peevish --even Pluto began to experience the effects of my ill temper.
One night, returning home, much intoxicated, from one of my haunts about town, I fancied that the cat avoided my presence. I seized him; when, in his fright at my violence, he inflicted a slight wound upon my hand with his teeth. The fury of a demon instantly possessed me. I knew myself no longer. My original soul seemed, at once, to take its flight from my body; and a more than fiendish malevolence, gin-nurtured, thrilled every fibre of my frame. I took from my waistcoat-pocket a pen-knife, opened it, grasped the poor beast by the throat, and deliberately cut one of its eyes from the socket! I blush, I burn, I shudder, while I pen the damnable atrocity.
When reason returned with the morning --when I had slept off the fumes of the night's debauch --I experienced a sentiment half of horror, half of remorse, for the crime of which I had been guilty; but it was, at best, a feeble and equivocal feeling, and the soul remained untouched. I again plunged into excess, and soon drowned in wine all memory of the deed.
In the meantime the cat slowly recovered. The socket of the lost eye presented, it is true, a frightful appearance, but he no longer appeared to suffer any pain. He went about the house as usual, but, as might be expected, fled in extreme terror at my approach. I had so much of my old heart left, as to be at first grieved by this evident dislike on the part of a creature which had once so loved me. But this feeling soon gave place to irritation. And then came, as if to my final and irrevocable overthrow, the spirit of PERVERSENESS. Of this spirit philosophy takes no account. Yet I am not more sure that my soul lives, than I am that perverseness is one of the primitive impulses of the human heart --one of the indivisible primary faculties, or sentiments, which give direction to the character of Man. Who has not, a hundred times, found himself committing a vile or a silly action, for no other reason than because he knows he should not? Have we not a perpetual inclination, in the teeth of our best judgment, to violate that which is Law, merely because we understand it to be such? This spirit of perverseness, I say, came to my final overthrow. It was this unfathomable longing of the soul to vex itself --to offer violence to its own nature --to do wrong for the wrong's sake only --that urged me to continue and finally to consummate the injury I had inflicted upon the unoffending brute. One morning, in cool blood, I slipped a noose about its neck and hung it to the limb of a tree; --hung it with the tears streaming from my eyes, and with the bitterest remorse at my heart; --hung it because I knew that it had loved me, and because I felt it had given me no reason of offence; --hung it because I knew that in so doing I was committing a sin --a deadly sin that would so jeopardize my immortal soul as to place it --if such a thing were possible --even beyond the reach of the infinite mercy of the Most Merciful and Most Terrible God.
On the night of the day on which this cruel deed was done, I was aroused from sleep by the cry of fire. The curtains of my bed were in flames. The whole house was blazing. It was with great difficulty that my wife, a servant, and myself, made our escape from the conflagration. The destruction was complete. My entire worldly wealth was swallowed up, and I resigned myself thenceforward to despair.
I am above the weakness of seeking to establish a sequence of cause and effect, between the disaster and the atrocity. But I am detailing a chain of facts --and wish not to leave even a possible link imperfect. On the day succeeding the fire, I visited the ruins. The walls, with one exception, had fallen in. This exception was found in a compartment wall, not very thick, which stood about the middle of the house, and against which had rested the head of my bed. The plastering had here, in great measure, resisted the action of the fire --a fact which I attributed to its having been recently spread. About this wall a dense crowd were collected, and many persons seemed to be examining a particular portion of it with every minute and eager attention. The words "strange!" "singular!" and other similar expressions, excited my curiosity. I approached and saw, as if graven in bas relief upon the white surface, the figure of a gigantic cat. The impression was given with an accuracy truly marvellous. There was a rope about the animal's neck.
When I first beheld this apparition --for I could scarcely regard it as less --my wonder and my terror were extreme. But at length reflection came to my aid. The cat, I remembered, had been hung in a garden adjacent to the house. Upon the alarm of fire, this garden had been immediately filled by the crowd --by some one of whom the animal must have been cut from the tree and thrown, through an open window, into my chamber. This had probably been done with the view of arousing me from sleep. The falling of other walls had compressed the victim of my cruelty into the substance of the freshly-spread plaster; the lime of which, had then with the flames, and the ammonia from the carcass, accomplished the portraiture as I saw it.
Although I thus readily accounted to my reason, if not altogether to my conscience, for the startling fact 'just detailed, it did not the less fall to make a deep impression upon my fancy. For months I could not rid myself of the phantasm of the cat; and, during this period, there came back into my spirit a half-sentiment that seemed, but was not, remorse. I went so far as to regret the loss of the animal, and to look about me, among the vile haunts which I now habitually frequented, for another pet of the same species, and of somewhat similar appearance, with which to supply its place.
One night as I sat, half stupefied, in a den of more than infamy, my attention was suddenly drawn to some black object, reposing upon the head of one of the immense hogsheads of Gin, or of Rum, which constituted the chief furniture of the apartment. I had been looking steadily at the top of this hogshead for some minutes, and what now caused me surprise was the fact that I had not sooner perceived the object thereupon. I approached it, and touched it with my hand. It was a black cat --a very large one --fully as large as Pluto, and closely resembling him in every respect but one. Pluto had not a white hair upon any portion of his body; but this cat had a large, although indefinite splotch of white, covering nearly the whole region of the breast.
Upon my touching him, he immediately arose, purred loudly, rubbed against my hand, and appeared delighted with my notice. This, then, was the very creature of which I was in search. I at once offered to purchase it of the landlord; but this person made no claim to it --knew nothing of it --had never seen it before.
I continued my caresses, and, when I prepared to go home, the animal evinced a disposition to accompany me. I permitted it to do so; occasionally stooping and patting it as I proceeded. When it reached the house it domesticated itself at once, and became immediately a great favorite with my wife.
For my own part, I soon found a dislike to it arising within me. This was just the reverse of what I had anticipated; but I know not how or why it was --its evident fondness for myself rather disgusted and annoyed. By slow degrees, these feelings of disgust and annoyance rose into the bitterness of hatred. I avoided the creature; a certain sense of shame, and the remembrance of my former deed of cruelty, preventing me from physically abusing it. I did not, for some weeks, strike, or otherwise violently ill use it; but gradually --very gradually --I came to look upon it with unutterable loathing, and to flee silently from its odious presence, as from the breath of a pestilence.
What added, no doubt, to my hatred of the beast, was the discovery, on the morning after I brought it home, that, like Pluto, it also had been deprived of one of its eyes. This circumstance, however, only endeared it to my wife, who, as I have already said, possessed, in a high degree, that humanity of feeling which had once been my distinguishing trait, and the source of many of my simplest and purest pleasures.
With my aversion to this cat, however, its partiality for myself seemed to increase. It followed my footsteps with a pertinacity which it would be difficult to make the reader comprehend. Whenever I sat, it would crouch beneath my chair, or spring upon my knees, covering me with its loathsome caresses. If I arose to walk it would get between my feet and thus nearly throw me down, or, fastening its long and sharp claws in my dress, clamber, in this manner, to my breast. At such times, although I longed to destroy it with a blow, I was yet withheld from so doing, partly it at by a memory of my former crime, but chiefly --let me confess it at once --by absolute dread of the beast.
This dread was not exactly a dread of physical evil-and yet I should be at a loss how otherwise to define it. I am almost ashamed to own --yes, even in this felon's cell, I am almost ashamed to own --that the terror and horror with which the animal inspired me, had been heightened by one of the merest chimaeras it would be possible to conceive. My wife had called my attention, more than once, to the character of the mark of white hair, of which I have spoken, and which constituted the sole visible difference between the strange beast and the one I had y si destroyed. The reader will remember that this mark, although large, had been originally very indefinite; but, by slow degrees --degrees nearly imperceptible, and which for a long time my Reason struggled to reject as fanciful --it had, at length, assumed a rigorous distinctness of outline. It was now the representation of an object that I shudder to name --and for this, above all, I loathed, and dreaded, and would have rid myself of the monster had I dared --it was now, I say, the image of a hideous --of a ghastly thing --of the GALLOWS! --oh, mournful and terrible engine of Horror and of Crime --of Agony and of Death!
And now was I indeed wretched beyond the wretchedness of mere Humanity. And a brute beast --whose fellow I had contemptuously destroyed --a brute beast to work out for me --for me a man, fashioned in the image of the High God --so much of insufferable wo! Alas! neither by day nor by night knew I the blessing of Rest any more! During the former the creature left me no moment alone; and, in the latter, I started, hourly, from dreams of unutterable fear, to find the hot breath of the thing upon my face, and its vast weight --an incarnate Night-Mare that I had no power to shake off --incumbent eternally upon my heart! Beneath the pressure of torments such as these, the feeble remnant of the good within me succumbed. Evil thoughts became my sole intimates --the darkest and most evil of thoughts. The moodiness of my usual temper increased to hatred of all things and of all mankind; while, from the sudden, frequent, and ungovernable outbursts of a fury to which I now blindly abandoned myself, my uncomplaining wife, alas! was the most usual and the most patient of sufferers.
One day she accompanied me, upon some household errand, into the cellar of the old building which our poverty compelled us to inhabit. The cat followed me down the steep stairs, and, nearly throwing me headlong, exasperated me to madness. Uplifting an axe, and forgetting, in my wrath, the childish dread which had hitherto stayed my hand, I aimed a blow at the animal which, of course, would have proved instantly fatal had it descended as I wished. But this blow was arrested by the hand of my wife. Goaded, by the interference, into a rage more than demoniacal, I withdrew my arm from her grasp and buried the axe in her brain. She fell dead upon the spot, without a groan.
This hideous murder accomplished, I set myself forthwith, and with entire deliberation, to the task of concealing the body. I knew that I could not remove it from the house, either by day or by night, without the risk of being observed by the neighbors. Many projects entered my mind. At one period I thought of cutting the corpse into minute fragments, and destroying them by fire. At another, I resolved to dig a grave for it in the floor of the cellar. Again, I deliberated about casting it in the well in the yard --about packing it in a box, as if merchandize, with the usual arrangements, and so getting a porter to take it from the house. Finally I hit upon what I considered a far better expedient than either of these. I determined to wall it up in the cellar --as the monks of the middle ages are recorded to have walled up their victims.
For a purpose such as this the cellar was well adapted. Its walls were loosely constructed, and had lately been plastered throughout with a rough plaster, which the dampness of the atmosphere had prevented from hardening. Moreover, in one of the walls was a projection, caused by a false chimney, or fireplace, that had been filled up, and made to resemble the rest of the cellar. I made no doubt that I could readily displace the at this point, insert the corpse, and wall the whole up as before, so that no eye could detect anything suspicious.
And in this calculation I was not deceived. By means of a crow-bar I easily dislodged the bricks, and, having carefully deposited the body against the inner wall, I propped it in that position, while, with little trouble, I re-laid the whole structure as it originally stood. Having procured mortar, sand, and hair, with every possible precaution, I prepared a plaster could not every poss be distinguished from the old, and with this I very carefully went over the new brick-work. When I had finished, I felt satisfied that all was right. The wall did not present the slightest appearance of having been disturbed. The rubbish on the floor was picked up with the minutest care. I looked around triumphantly, and said to myself --"Here at least, then, my labor has not been in vain."
My next step was to look for the beast which had been the cause of so much wretchedness; for I had, at length, firmly resolved to put it to death. Had I been able to meet with it, at the moment, there could have been no doubt of its fate; but it appeared that the crafty animal had been alarmed at the violence of my previous anger, and forebore to present itself in my present mood.

It is impossible to describe, or to imagine, the deep, the blissful sense of relief which the absence of the detested creature occasioned in my bosom. It did not make its appearance during the night --and thus for one night at least, since its introduction into the house, I soundly and tranquilly slept; aye, slept even with the burden of murder upon my soul!
The second and the third day passed, and still my tormentor came not. Once again I breathed as a free-man. The monster, in terror, had fled the premises forever! I should behold it no more! My happiness was supreme! The guilt of my dark deed disturbed me but little. Some few inquiries had been made, but these had been readily answered. Even a search had been instituted --but of course nothing was to be discovered. I looked upon my future felicity as secured.
Upon the fourth day of the assassination, a party of the police came, very unexpectedly, into the house, and proceeded again to make rigorous investigation of the premises. Secure, however, in the inscrutability of my place of concealment, I felt no embarrassment whatever. The officers bade me accompany them in their search. They left no nook or corner unexplored. At length, for the third or fourth time, they descended into the cellar. I quivered not in a muscle. My heart beat calmly as that of one who slumbers in innocence. I walked the cellar from end to end. I folded my arms upon my bosom, and roamed easily to and fro. The police were thoroughly satisfied and prepared to depart. The glee at my heart was too strong to be restrained. I burned to say if but one word, by way of triumph, and to render doubly sure their assurance of my guiltlessness.
"Gentlemen I said at last, as the party ascended the steps, "I delight to have allayed your suspicions. I wish you all health, and a little more courtesy. By the bye, gentlemen, this --this is a very well constructed house." (In the rabid desire to say something easily, I scarcely knew what I uttered at all.) --"I may say an excellently well constructed house. These walls --are you going, gentlemen? --these walls are solidly put together"; and here, through the mere phrenzy of bravado, I rapped heavily, with a cane which I held in my hand, upon that very portion of the brick-work behind which stood the corpse of the wife of my bosom.
But may God shield and deliver me from the fangs of the Arch-Fiend! No sooner had the reverberation of my blows sunk into silence than I was answered by a voice from within the tomb! --by a cry, at first muffled and broken, like the sobbing of a child, and then quickly swelling into one long, loud, and continuous scream, utterly anomalous and inhuman --a howl --a wailing shriek, half of horror and half of triumph, such as might have arisen only out of hell, conjointly from the throats of the damned in their agony and of the demons that exult in the damnation.
Of my own thoughts it is folly to speak. Swooning, I staggered to the opposite wall. For one instant the party upon the stairs remained motionless, through extremity of terror and of awe. In the next, a dozen stout arms were tolling at the wall. It fell bodily. The corpse, already greatly decayed and clotted with gore, stood erect before the eyes of the spectators. Upon its head, with red extended mouth and solitary eye of fire, sat the hideous beast whose craft had seduced me into murder, and whose informing voice had consigned me to the hangman. 

I had walled the monster up within the tomb !
poedecoder.com  -   saturdayeveningpost.com

 

In real life, Poe and Virginia had a cat named Catterina  ...

 

 

POE   1  -  2  -  3  -  4

 

 

 

il gatto nero

 

Edgar Allan Poe

Per il racconto piu' straordinario, e al medesimo tempo piu' comune, che sto per narrare, non aspetto ne' pretendo di essere creduto. Sarei davvero pazzo a pretendere che si presti fede a un fatto a cui persino i miei sensi respingono la loro stessa testimonianza. Eppure pazzo non sono, e certamente non vaneggio. Ma domani morro', e oggi voglio scaricare la mia anima. Mio scopo immediato e' di porre innanzi al mondo, in modo piano, succinto, e senza commenti, una serie di casi semplicemente domestici. Nel loro concatenarsi questi fatti mi hanno terrificato, mi hanno torturato, mi hanno annientato. Non tentero' tuttavia di spiegarli. Per me essi non hanno rappresentato che orrore; a molti invece piu' che terribili essi sembreranno BAROQUES. In seguito forse un intelletto sapra' condurre il mio fantasma al senso comune, un intelletto piu' calmo, piu' logico, meno eccitabile del mio, il quale scorgera' nelle circostanze che io descrivo con terrore, null'altroche un normale susseguirsi di cause e di effetti naturalissimi. Sin dall'infanzia sono stato conosciuto per la docilita' e la mitezza del mio carattere. Ero talmente tenero di cuore, anzi, che i miei compagni mi avevano preso a soggetto delle loro beffe. Amavo soprattutto gli animali, e i miei genitori mi avevano concesso di possedere una grande varieta' di bestiole preferite. Passavo con questi animaletti la maggior parte del mio tempo, e la mia piu' perfetta felicita' consisteva nel nutrirli e nell'accarezzarli. Questo tratto caratteristico della mia indole crebbe in me coll'andare degli anni e, divenuto adulto, trassi da cio' una delle mie principali fonti di soddisfazione. A coloro che abbiano provato un vivo affetto verso un cane fedele e intelligente non occorrera' che io spieghi la natura e l'intensita' del piacere derivante da questa tendenza. Vi e' qualcosa nell'amore spoglio di egoismo e ricco di sacrificio di una bestia senz'anima, che va direttamente al cuore di colui che abbia frequenti occasioni di saggiare la pacchiana amicizia e l'instabile fedelta' del cosidetto UOMO. Mi sposai giovane, e fui felice di ritrovare in mia moglie una tendenza non contrastante con la mia. Avendo notato la mia debolezza verso gli animali domestici, non perdeva occasione di procurarmi quelli che mi piacevano. Avevamo diversi uccelli, dei pesciolini, un bel cane, alcuni conigli, una scimmietta, e UN GATTO. Quest'ultimo era un animale bellissimo, di grossezza notevole, completamente nero, e straordinariamente intelligente. Parlando della sua intelligenza, mia moglie che in cuor suo non era scevra di una certa punta di superstizione, faceva frequenti allusioni all'antica credenza popolare secondo la quale tutti i gatti neri siano streghe travestite. Non che ella si esprimesse mai SERIAMENTE su questo punto, e cito questo particolare soltanto perche' mi capita ora, proprio per caso, di ricordarlo. Pluto, cosi' si chiamava il gatto, era il mio animale preferito e il mio compagno di giochi. Io soltanto gli davo da mangiare, ed egli mi seguiva dovunque, per casa: anzi duravo fatica a impedirgli di accompagnarmi persino per la strada. La nostra amicizia si protrasse cosi' per parecchi anni, durante i quali il mio temperamento e il mio carattere in genere, ad opera del demone Intemperanza (arrossisco nel confessarlo), subirono un radicale mutamento verso il peggio. Ero divenuto di giorno in giorno piu' scontroso, piu' irritabile, sempre piu' incurante dei sentimenti altrui. Ero giunto a usare verso mia moglie un linguaggio sconveniente. Alla fine arrivai persino alla violenza personale contro di lei. Naturalmente anche le mie besrtiole ebbero a soffrire di questo mutamento del mio carattere. Non solo le trascuravo, ma le maltrattavo. Verso Pluto comunque sentivo ancora abbastanza tenerezza per trattenermi dal picchiarlo, mentre non mi facevo scrupolo di perquotere i conigli, la scimmia, persino il cane, se essi per caso o per affetto mi si mettevano tra i piedi. Ma il mio male peggiorava, quale male infatti e' peggiore dell'alcool? E infine persino Pluto, il quale ormai invecchiava, ed era di conseguenza alquanto stizzoso, persino Pluto comincio' a subire gli effetti del mio cattivo carattere. Una sera, ritornando a casa dai miei vagabondaggi per la citta', ubriaco fradicio, ebbi la sensazione che il gatto evitasse la mia presenza. Lo afferrai, e l'animale, allora, spaventato dalla mia violenza, mi produsse sulla mano, con i suoi denti, una lieve ferita. In un attimo fui invaso da una furia demonica. Non mi riconoscevo piu'. Era come se la mia anima originaria mi si fosse a un tratto spiccata dal corpo, e una malvagita' peggio che infernale, alimentata dal gin, pervase ogni fibra del mio essere. Mi tolsi di tasca un temperino, lo apersi, afferrai la povera bestia per la gola, e deliberatamente gli feci saltare l'occhio dall'orbita. Arrossisco, avvampo, rabbrividisco, mentre la mia penna descrive questa inaudita atrocita'. Allorche' col mattino la ragione mi ritorno', dopo che il sonno aveva fatto dileguare lungi da me i fumi dell'orgia notturna, provai un sentimento per meta' di orrore, per meta' di rimorso, per il delitto di cui mi ero reso colpevole; ma non era che un sentimento debole e ambiguo, e l'anima ne rimase intatta. Mi rituffai nei miei eccessi, e ben presto affogai nel vino ogni ricordo del mio misfatto. Coll'andare del tempo tuttavia il gatto guari'. Certo la sua occhiaia vuota aveva un aspetto pauroso, ma l'animale non pareva soffrire piu' alcun dolore. Si aggirava per la casa come al solito, ma com'era da aspettarsi, fuggiva terrorizzato non appena mi vedeva. Mi era rimasto ancora abbastanza del mio vecchio cuore per sentirmi a tutta prima addolorato da questo evidente disgusto da parte di una creatura che un tempo mi aveva tanto amato. Ben presto pero' a questo sentimento succedette una viva irritazione. E infine si impadroni' di me, per sommergermi in modo definitivo e irrevocabile, lo spirito della PERVERSITA'. Di questo spirito la filosofia non si cura. Eppure sono sicuro, quanto sono sicuro che la mia anima vive, che la perversita' e' uno degli impulsi piu' primitivi del cuore umano, una di quelle facolta' o sentimenti primari non analizzabili che dirigono il carattere dell'Uomo. Chi non ha almeno cento volte commessa un'azione sciocca o vile, per nessun altro motivo se non perche' sa che non dovrebbe commetterla? Non proviamo noi una tendenza perenne, a dispetto di ogni nostra migliore saggezza, a violare cio' che e' la LEGGE, soltanto perche' la riconosciamo tale? Questo spirito di perversita', ripeto, produsse in me il decadimento finale. Era questo insondabile anelito dell'anima A TORTURARE SE STESSA, a violentare la propria stessa natura, a fare il male soltanto per amore del male, che mi sospinse a continuare e infine a consumare l'offesa che avevo inflitta alla bestia innocente. Un mattino, a sangue freddo le passai un cappio al collo e la impiccai al ramo di un albero; la impiccai, con le lagrime che mi sgorgavano dagli occhi e col piu' amaro rimorso nel cuore; la impiccai PERCHE' sapevo che mi aveva amato, e PERCHE' sentivo che non mi aveva dato alcun motivo di offesa; la impiccai PERCHE' sapevo che cosi' facendo commettevo un peccato, un peccato mortale che avrebbe posto in tale pericolo la mia anima immortale da sottrarla (se una cosa simile fosse possibile) perfina all'infinita misericordia dell'Infinitamente Misericordioso e Infinitamente Terribile Iddio. La notte di quel giorno in cui avevo compiuto questo gesto crudele fui risvegliato nel sonno da grida di "al fuoco! Al fuoco!". I cortinaggi del mio letto erano in fiamme, tutta la casa ardeva. Fu con grande difficolta' che mia moglie, una domestica e io stesso riuscimmo a salvarci dall'incendio. La distruzione fu totale. Tutta la mia sostanza venne inghiottita dal disastro, e da quel momento in avanti io mi abbandonai alla disperazione. Non ho affatto la debolezza di cercar di stabilire un nesso di causa e di effetto tra questa sciagura e l'atrocita' da me commessa. Ma sto enumerando una catena di fatti, e non desidero percio' lasciare incompiuto anche un solo eventuale anello. Il giorno successivo all'incendio mi recai a ispezionare le macerie. Tutti i muri della casa erano caduti, a eccezione di uno solo. Si trattava di un muro divisorio, non molto massiccio, che si trovava verso il mezzo della casa, e contro il quale aveva sempre poggiato la testa del mio letto. In questo punto l'intonaco aveva in gran parte resistito all'azione del fuoco, un particolare che io attribuii al fatto essere stata quella parete appunto ripulita di fresco. Intorno a questo muro si era radunata una densa folla, e molte persone sembravano esaminare un certo tratto di parete con attenzione minutissima e ansiosa. Le parole "Strano!", e "Incredibile!", e altre espressioni consimili eccitarono la mia curiosita'. Mi avvicinai e vidi, quasi fosse scolpita in BAS-RELIEF sulla superficie bianca, l'immagine di un gatto gigantesco. L'effetto era reso con una precisione che aveva veramente del fantastico. Intorno al collo dell'animale penzolava una corda. A tutta prima, nel trovarmi di fronte a quella apparizione, poiche' non potevo considerarla altrimenti, fui invaso da uno sbalordimento e da un terrore incontrollabili. Ma in seguito la ragione mi venne in soccorso. Mi rammentai di avere impiccato il gatto in un giardino adiacente alla casa. Quando era stato dato l'allarme d'incendio questo giardino era stato immediatamente invaso dalla folla, e tra questa qualcuno doveva aver tolto l'animale dall'albero e doveva averlo gettato attraverso la finestra aperta, nella mia stanza. Forse avevano fatto questo con l'intenzione di svegliarmi. La caduta di altre pareti aveva schiacciato la vittima della mia crudelta' nella massa dell'intonaco spalmato di fresco; e la calce di questo, unitamente alle fiamme a all'AMMONIA esalante dalla carogna avevano poi compiuto la raffigurazione che io ora vedevo dinanzi. Per quanto riuscissi a placare con questa riflessione il mio cervello, se non completamente la mia coscienza, e giustificare cosi' il fatto sorprendente che ho teste' narrato, non mi fu tuttavia possibile sottrarmi alla profonda impressione che esso aveva provocato sulla mia fantasia. Per mesi interi non riuscii a liberarmi del fantasma del gatto, e durante tutto quel tempo il mio spirito fu tormentato da un sentimento indefinito che poteva sembrare, ma non era, rimorso. Giunsi sino al punto di rimpiangere la perdita dell'animale e a guardarmi attorno, nei sordidi ambienti che ormai frequentavo d'abitudine, in cerca di qualche altro esemplare della stessa specie, se non proprio del tutto identico, da poter coccolare, e grazie al quale sostituire la bestiola perduta. Una notte, mentre sedevo, in stato di semistupidimento, in una taverna malfamata, la mia attenzione fu improvvisamente attratta da un oggetto nero che posava sul coperchio di una delle tante botti enormi piene di gin o di rum costituenti il principale arredamento della stanza. Gia' da alcuni minuti stavi fissando proprio il coperchio di quella botte, e fui percio' sorpreso di non essermi accorto prima dell'oggetto che vi era adagiato sopra. Mi avvicinai e lo toccai con la mano. Era un gatto nero enorme, grosso quanto Pluto, e che gli assomigliava in tutto tranne che per un unico particolare. Pluto non aveva un solo pelo bianco in tutto il corpo, mentre questo gatto aveva l'intera zona del petto ricoperta di una larga se pure indefinita macchia bianca. Non appena lo toccai l'animale si alzo' immediatamente, si mise a ronfare forte, si strofino' contro la mia mano, parve insomma felice della mia attenzione verso di lui. Era dunque proprio il gatto di cui andavo in cerca. Offersi subito al taverniere di acquistarlo, ma l'uomo dichiaro' di non avere alcun diritto su quella bestia, poiche' non ne sapeva nulla, ne' mai l'aveva veduta prima. Seguitai ad accarezzarlo, e mentre mi disponevo a ritornare a casa, l'animale dimostro' subito una evidente intenzione di accompagnarmi. Naturalmente ne fui ben contento, e di quando in quando mi chinavo a lisciargli il pelo pur seguitando a procedere nel mio cammino. Non appena giunto a casa la bestia si addomestico' subito e divenne immediatamente il coccolo di mia moglie. Per parte mia mi accorsi ben presto che in me sorgeva contro l'animale una viva antipatia. Era proprio il contrario di quanto avevo preveduto, ma non so perche' o come fosse, la sua manifesta tenerezza verso la mia persona mi indispettiva e disgustava. Gradatamente questi sentimenti di ribrezzo e di insofferenza si tramutarono in un odio profondo. Evitavo l'animale; un vago senso di vergogna e il ricordo del mio precedente atto di crudelta' mi impediva di maltrattarlo fisicamente. Per alcune settimane mi trattenni dal picchiarlo, o dal fargli comunque del danno, ma a poco a poco, oh, per lentissimi gradi, giunsi a considerarlo con un ribrezzo indescrivibile e a fuggire silenziosamente la sua odiosa presenza come sarei fuggito dal lezzo pestilenziale di una malattia contagiosa. Quel che alimentava senza dubbio il mio odio verso l'animale era stata la scoperta, il mattino successivo alla sua venuta nella mia casa, che anche questo gatto, al pari di Pluto, era cieco di un occhio. Questo particolare invece non aveva fatto che renderlo ancora piu' caro a mia moglie, la quale, come gia' ho detto, possedeva in sommo grado quella umanita' di sentimenti che era stata un tempo il mio tratto caratteristico, e la fonte di molte tra le mie piu' semplici e piu' pure soddisfazioni. Ma quanto piu' la mia avversione per questo gatto cresceva, tanto piu' sembrava aumentare da parte sua la tenerezza verso di me. Seguiva i miei passi con una ostinazione che sarebbe difficile far comprendere al lettore. Dovunque mi sedessi, subito si accovacciava sotto la mia seggiola, o mi balzava sulle ginocchia, importunandomi con le sue insopportabili feste. Se mi alzavo per passeggiare, ecco che correva a mettermisi fra i piedie per poco non mi faceva cadere, oppure conficcando nel mio vestito i suoi unghioli lunghi e aguzzi, si arrampicava con questo sistema sino al mio petto. In quei momenti, benche' mi divorasse il desiderio di distruggerlo con un colpo solo, ero trattenuto dal far cio', in parte dal ricordo del mio precedente delitto, ma soprattutto, lasciate che lo confessi subito, da un vero e proprio TERRORE dell'animale. Questo terrore non era esattamente il terrore di un possibile male fisico, e tuttavia non saprei come altrimenti definirlo. Ho quasi vergogna di ammettere - si', persino in questa cella d'infamia, ho quasi vergogna d'ammettere, - che il terrore e l'orrore ispiratimi dall'animale erano stati rafforzati da una tra le piu' chimeriche assurdita' che sia possibile immaginare. Mia moglie aveva piu' d'una volta richiamata la mia attenzione sulla stranezza della macchia di peli bianchi di cui ho gia' accennato, e che costituiva la sola differenza visibile tra questo misterioso gatto e quello che io avevo ucciso. Il lettore si rammentera' che questo segno, per quanto grande, dapprincipio era molto indefinito, mentre invece in seguito (per gradi lentissimi, quasi impercettibili, e che la mia Ragione si rifiuto' a lungo di ammettere, respingendoli come un'assurda fantasia) aveva infine assunto nettezza di contorni e una forma precisa. Esso era divenuto ora la rappresentazione di un oggetto che rabbrividisco a nominare, e per questo soprattutto odiavo e paventavo e avrei voluto sbarazzarmi di quel mostro SE SOLTANTO LO AVESSI OSATO, poiche' questo segno, ripeto, si era finalmente trasformato nella figurazione limpidissima di un oggetto odioso e ributtante: era divenuto una FORCA, oh, lugubre e terribile macchina di orrore e di delitto, di agonia e di morte! E adesso la mia miseria superava la miseria tutta dell'Umanita' intera. E una BESTIA BRUTA, il cui simile io avevo cosi' sprezzantemente annientato, una BESTIA BRUTA doveva foggiare per ME, per me uomo, fatto a immagine dell'Altissimo Iddio, un cosi' intollerabile tormento? Ahime'! Non conobbi piu' ne' di notte ne' di giorno la benedizione del riposo! Di giorno l'animale non mi lasciava solo neppure per un istante; e di notte mi svegliavo di ora in ora di soprassalto, da incubi grevi di indicibile paura, per sentirmi l'alito caldo di QUELLA COSA sulla faccia, e la vasta massa del suo corpo. Incubo incarnato che non avevo il potere di scuotermi di dosso, eternamente incombente sul mio CUORE! Sotto l'incalzare di siffatte torture, quel poco di bene che ancora restava in me scomparve. Pensieri malvagi divennero i miei soli compagni, ed erano i piu' tetri, i piu' malvagi dei pensieri. L'ombrosita' abituale del mio carattere si tramuto' in un odio forsennato di tutte le cose e dell'intera umanita'; mentre degli scoppi improvvisi, frequenti, incontrollabili di collera ai quali ora io ciecamente mi abbandonavo, la mia docile moglie, era divenuta, ahime! la vittima piu' consueta e piu' paziente. Un giorno ella mi accompagno' per necessita' domestiche nello scantinato del vecchio edificio dove la nostra poverta' ci costringeva ora ad abitare. Il gatto naturalmente mi aveva seguito giu' per i ripidi scalini, e, avendo io evitato per vero miracolo di cadere lungo disteso per causa sua, mi aveva esasperato sino alla follia. Sollevai una scure e dimenticando nella mia collera il terrore puerile che sino a quel momento mi aveva trattenuto la mano, diressi contro l'animale un colpo che certo lo avrebbe ucciso all'istante se fosse calato come io avrei voluto. Ma questo colpo fu arrestato dalla mano di mia moglie. La sua intromissione mi colmo' di furore demoniaco e liberando violentemente il mio braccio dala sua stretta le affondai la scure nel cervello. Ella cadde morta stecchita, senza emettere un gemito. Appena compiuto questo odioso crimine, mi posi immediatamente e con frdda deliberazione all'impresa di occultare il cadavere. Sapevo che non mi era possibile rimuoverlo dalla casa, ne' di giorno ne' di notte, senza correre il rischio di essere notato dai vicini. Formai nella mia mente molti progetti. A tutta prima pensai di tagliare il cadavere in PEZZI minuti e di distruggerli nel fuoco. In un secondo tempo decisi di scavare una fossa nel pavimento della cantina. Poi architettai di gettarlo nel pozzo del cortile, oppure di porlo dentro una scatola, come se fosse della merce, e ordinare al portiere di portarlo via da casa. Infine escogitai quello che mi parve l'espediente migliore. Decisi di murarlo nella cantina stessa, come si narra solessero murare le proprie vittime i monaci medievali. La cantina era adattissima a uno scopo come il mio. Le sue pareti erano state costruite rozzamente, e di fresco intonacate con cemento grossolano, cui l'umidita' atmosferica aveva impedito d'indurirsi. Inoltre in una delle pareti vi era uno sporto, provocato da un falso camino, o caminetto, che era stato riempito e trasformato in modo da somigliare al resto dello scantinato. Mi assicurai che mi sarebbe stato facile spostare i mattoni in quel punto, inserirvi il cadavere, e tornare a murare il tutto come prima, in modo che nessun occhio umano potesse scorgervi alcunche' di sospetto. I miei calcoli non dovevano ingannarmi. Con l'aiuto di una sbarra di ferro scostai facilmente i mattoni, e dopo avere accuratamente deposto il cadavere contro la parete interna, lo puntellai in quella posizione mentre andavo via via riaccomodando senza fatica l'intera opera muraria cosi' come era stata originariamente costruita. Mi ero procurato con tutte le possibili cautele della calce e della sabbia, avevo preparato l'intonaco in modo che non era assolutamente possibile distinguerlo dal vecchio, e con esso ricopersi accuratamente la nuova opera muraria. Quando ebbi finito mi accorsi con soddisfazione di aver compiuto un buon lavoro. Il muro non sembrava essere stato manomesso minimamente. Spazzai con attenzione minutissima il pavimento dei rifiuti e delle scorie di cui lo avevo sporcato. Mi guardai attorno trionfante e dissi a me stesso: "Meno male! Le mie fatiche non sono state vane". Subito dopo, il mio primo pensiero fu quello di andare in cerca dell'animale che era stata la causa di tanta sciagura, poiche' ero ormai fermamente deciso ad ucciderlo. Se fossi stato in grado di acchiapparlo in quel momento, il suo destino sarebbe stato indubbiamente segnato, ma, a quel che pareva, l'astuta bestia si era spaventata del mio precedente accesso di collera, e si guardava bene dal presentarsi al mio cospetto, date le attuali condizioni del mio umore. Mi e' impossibile descrivere, o fare immaginare al lettore, il senso profondo, quasi estatico di sollievo che la constatazione della scomparsa dell'odiata creatura suscito' nel mio petto. Per tutta quella notte non si fece vedere, e cosi' per una notte almeno, da quando si era introdotto nella mia casa, riuscii a dormire di un sonno profondo e pacifico; si', DORMII nonostante il peso del delitto che mi gravava sull'anima! Passo' il secondo giorno, passo' il terzo, ma il mio tormentatore non comparve. Tornai a respirare come un uomo libero. Certo il mostro, spaventato, era fuggito dalla mia casa per sempre! Non lo avrei piu' veduto! La mia felicita' era al colmo! Non sentivo quasi la colpa del mio truce misfatto. Mi erano state rivolte alcune domande, ma avevo saputo rispondere a tutte in modo soddisfacente. Era stata persino ordinata un'inchiesta, ma naturalmente nessuno aveva scoperto nulla. Ero certo di avere ormai assicurato un avvenire tranquillo e sereno. Il quarto giorno successivo all'assassinio entro' pero' inaspettatamente in casa mia una squadra di poliziontti che procedette a un rigoroso esame dei locali. Sicuro pero' della inaccessibilita' del mio nascondiglio non provai alcun imbarazzo. I funzionari di polizia mi pregarono di accompagnarli nela loro perquisizione. Ogni angolo, ogni ripostiglio fu attentamente esplorato. Infine scesero in cantina per la terza o quarta volta. Non uno solo dei miei muscoli tremo'. Il mio cuore batteva calmo come batte a chi dorme nel sonno dell'innocenza. Percorsi la cantina da un capo all'altro, tenendo le braccia incrociate sul petto, e aggirandomi di qua e di la' con disinvoltura. I poliziotti si dichiararono soddisfatti e si disposero ad andarsene. L'esultanza del mio cuore era troppo intensa perche' potessi trattenerla. Bruciavo dal dire ancora una parola sola, per rafforzare il mio trionfo, e rassicurarli doppiamente dela mia innocenza. - Signori, - dissi infine, mentre gia' stavano salendo i gradini, - sono lieto di avere calmato i vostri sospetti. Vi auguro buona salute, e vi porgo i miei omaggi. A proposito, signori, questa... questa e' una casa costruita meravigliosamente bene. - (Nel desiderio morboso di parlare con disinvoltura, quasi non mi rendevo conto delle parole che proferivo). - Posso dire anzi che e' una casa costruita in maniera ECCELLENTE. Queste pareti, ve ne state gia' andando, signori? queste pareti, guardate come sono solide! - E a questo punto, in una vera frenesia di sfida, picchiai pesantemente con la mazza che tenevo in mano proprio su quel tratto di opera muraria dietro al quale stava il cadavere della moglie che io avevo tanto amata. Ma possa Iddio proteggermi e liberarmi dagli artigli dell'Arcidemonio! Non appena gli echi dei miei colpi si furono spenti nel silenzio, ecco che ad essi una voce rispose dal segreto loculo! Era un pianto, dapprima soffocato e interrotto, come il singhiozzare di un bambino, che rapidamente si enfio' sino a divenire un unico lungo, alto, continuo urlo, indicibilmente strano e inumano, un ululato, uno strido guaiolante, per meta' di orrore e per meta' di trionfo, quale solo avrebbe potuto levarsi dal fondo dell'inferno, se le gole di tutti i dannati nella loro angoscia e tutti i demoni nell'esultanza della dannazione umana si fossero insieme congiunte. Di quel che fossero i miei pensieri in quel momento e' follia parlare. Sentendomi venir meno, arretrai barcollando verso la parete opposta. Per un attimo i poliziotti, giunti gia' in cima alle scale ristettero immobili, raggelati dall'orrore e da una specie di arcana paura. Un attimo dopo dodici braccia robuste si davano da fare attorno alla parete. Questa cadde di colpo in tutta la sua massa. Il cadavere, gia' quasi interamente decomposto e chiazzato di sangue raggrumato, apparve eretto dinazi agli occhi degli agenti. Sul suo capo, con la sua rossa bocca spalancata e l'unico occhio di fiamma, sedeva lo spaventoso animale la cui malizia mi aveva indotto al delitto, e la cui voce rivelatrice mi aveva consegnato al boia.

Avevo murato il mostro dentro la tomba !

-FINE-

http://web.tiscali.it/manuel_ger/linked/gat_lin.htm 

http://cronologia.leonardo.it/poe/Catnero.htm
http://youtu.be/8MPPf3XaBEg
http://youtu.be/JQ-r5QdHaBo

https://youtu.be/v_JKeEnOvto  - animation
http://youtu.be/tbqQDV2ezpc

 

inglese

 


SINTESI

Trovare due temi come quello della pazzia e quello della domesticità presenti contemporaneamente in questo passo, anzi legati intimamente da un rapporto di opposizione e complementarità, dà al testo di Poe un carattere tutto particolare. Quello che rende più spaventoso, e quindi anche più attraente, l'orrore nelle sue novelle è proprio il fatto che esso si mescola alla quotidianità. Se è vero che, spesso, bisogna che un personaggio si trovi in uno scenario adeguatamente spaventoso affinché gli succeda qualcosa di "diverso" (un cimitero, una grotta, un castello), qui ci troviamo di fronte a un caso in cui lo spaventoso nasce direttamente da «una serie di puri eventi familiari», dal «luogo comune». Dopo Poe, non è più possibile guardare il mondo conosciuto, familiare, impacchettato dai nostri luoghi comuni senza lasciargli un margine di magia, di libertà di sfuggire al raziocinio umano. Ricordiamo in proposito che moltissimi critici spiegano l'origine della letteratura dell'orrore e del gusto gotico come una reazione delle forze più oscure dell'uomo, dell'istinto, della paura, di fronte all'atteggiamento eccessivamente razionale di una società scientifica e determinista, come quella, appunto, che andò sviluppandosi in Inghilterra a partire dal '700.
letteratour.it

 

 

 

 

 

 

BRONX
... one of America's greatest writers—Edgar Allan Poe—wrote some of his finest work in a small, unassuming house in the Bronx. The Poe Cottage still stands today as a small testament to the proto-horror author's life and work.
Edgar Allan Poe lived in the Bronx before it was the Bronx. He and his wife, Virginia (who was also his cousin—yeah, you read that right) moved to the area in 1846, when it was still known as the village of Fordham, New York, in what was then Westchester. Virginia had consumption, the deadliest disease of its day, and Poe thought the fresh country air would do her some good. (Alas, she died a year later.) ...
lilit marcus - ny.curbed.com - 2016

https://youtu.be/uc66y7DGww0  - cottage

 

Deep into that darkness peering, long I stood there, wondering, fearing
Doubting, dreaming dreams no mortal ever dared to dream before
the raven  -  1844

written by Poe for his final collection
of poetry The Raven and other Poems

fb/126worksofeap - 2013

 

 

 

 

 

...
And the Raven, never flitting

still is sitting, still is sitting
On the pallid bust of Pallas

just above my chamber door
And his eyes have all the seeming

of a demon’s that is dreaming
And the lamp-light o’er him streaming

throws his shadow on the floor
And my soul from out that shadow

that lies floating on the floor
Shall be lifted-nevermore !

1985 - the new york evening mirror

 

 



 

 

 

 

Giant Bird Sculpture Made of 5,000 Nails

Flies  In front of  Flatiron
inspired by The Raven
of eap  

artist will ryman

2013

 

 

www.bostonpoe.org - foundation of boston

www.facebook.com/bostonpoe

 

2009 bicentenario della nascita

TRE ROSSE  DISPOSTE IN UN PRECISO ORDINE E MEZZA BOTTIGLIA DI COGNAC FRANCESE

DAL 2010 LA TRADIZIONE E FINITA DOPO 75 ANNI

tradizione Misteriosa  fuorché inattesa. Alle tre di notte, come accade ormai dal 1949 (centenario della morte di Poe), un uomo tutto vestito di nero, OMBRELLO, in testa un cappello di feltro e il viso nascosto da una sciarpa (anch'essi neri), ha deposto tre rose rosse (che rappresenterebbero Poe, la moglie Virginia Clemm - che era anche sua cugina - e la zia-suocera Maria Clemm) e una mezza bottiglia di cognac francese sulla tomba dello scrittore Edgar Allan Poe nel cimitero di Westminster Hall a Baltimora.

isinsardegna.it      radio.rai.it      rci.ch

 

Misteriosa la mano che mette sulla tomba di Edgar Allan Poe una bottiglia di cognac e tre rose ogni 19 gennaio, giorno di nascita del ROMANZIere. La cerimonia si ripete dal 1949, centenario della morte, ed essendo passato oltre mezzo secolo non è escluso che si tratti dell'opera non di un singolo individuo ma di una setta.
storiainrete.com - lastampa.it - 2003

fastol.com -  2004

 

Poe Toaster - in the 1930’s a tradition began
The nickname was given to a mysterious man that
dressed in black with a wide-brimmed hat, white scarf, roses, and a bottle of cognac. The unknown man shows up every year since the 1930’s on January 19th at Poe’s gravesite and pours himself a glass of cognac in which he toasts Poe’s memory.
After the cognac, he arranges the roses in a very specific order on the tombstone and leaves the half-empty bottle as well. Attempts have been made several times to catch of glimpse of the unknown man and discover his true identity, yet each has been unsuccessful. Fans of the Toaster became nervous as the years went on that eventually the man would have to stop coming, yet after leaving several notes it is now assumed that a younger “son” has emerged to take on the Toaster’s responsibility !
omg-facts.com

2009   -   Boston  Baltimora   Richmond   Filadelfia e New York  -   cinque citta' americane unite nel nome di Edgard Allan Poe  di cui nel 2009 si celebra il bicentenario della nascita.

2010   -   nessun omaggio sulla tomba di poe nel giorno del suo compleanno  - interrotto il rito 75nnale.   morte o desiderio di smettere ?  non si sa e il gruppo di curiosi e rimasto in attesa invano .

2010

Cynthia Pelayo, of Chicago, leaves roses and cognac at the burial site of Edgar Allen Poe Tuesday, Jan. 19, 2010 in Baltimore. She left the roses and cognac after a mysterious visitor who has left roses and cognac at the grave of Edgar Allan Poe each year on the writer's birthday failed to show early Tuesday, breaking with a ritual that began more than 60 years ago.
news.yahoo.com

2015 - nuovo Poe Toaster
Dal 1930 fino al 2009, un visitatore misterioso lasciava tre rose e una bottiglia di cognac sulla tomba di Poe nella notte del suo compleanno.     quando queste visite notturne cessarono la Maryland Historical Society, Poe Baltimora e Westminster Burying Grounds organizzarono un concorso per far rivivere la tradizione . Il vincitore è scelto a scrutinio segreto.

colin campbell - baltimoresun.com - washingtontimes.com -
2015



 

ROSE & COGNAC .. & MONETE ..

TRADIZIONE PER I VISITATORI LASCIARE  QUALCHE PENNY

 

in 1849 Edgar Allan Poe was buried in an unmarked grave at Baltimore’s Westminster Presbyterian Church and Cemetery after being found in a delirious state and dying of unknown causes the night before.
In 1875 a new memorial gravestone was designed by Baltimore City Hall architect George A. Frederick and placed on the gravesite.

fb/126 Works of EAP - 2013

 

eapoe.org/balt/poegrave.htm

www.poeforevermore.com/events.html

In 2010 there was no visit by the Toaster nor did he appear  in 2011 or 2012 . triggering speculation that  the 75-year tradition had ended . 

en.wikipedia.org - 2013

ROSE E COGNAC PER CONTINUARE LA 'TRADIZIONE' . tomba originaria  a baltimora .

2013 

rose rosse e monetine. in ricordo di    "Pennies per Poe"  raccolti dai bambini - campagna del 1870 che ha finanziato la costruzione del monumento -  a destra -  sempre a baltimora  .
poeforevermore.com - 2013

the tradition started in 1949 - the centennial anniversary of Poe’s death -  and carried on until 2009 which was the poet’s 200th birthday.    But after three consecutive years without an appearance by the toaster - last year fans said that the tradition would be nothing more than a dream within a dream.

thewire.com - 2014

  




Three of the "Roses" in his life ... surely meant so much to him ... His mother, Aunt, and wife, two of which are buried along side him.
fb/126worksofEAP - 2014

E.A. Poe

http://einsteinfreun.de/stoff/zeitung/literatur/index.htm

www.eapoe.org

www.poemuseum.org

www.poedecoder.com 

 

 

 oval mural portrait - philadelphia

 

edgarallanpoe.it/articoli/casa-museo-poe-filadelfia
www.nps.gov/edal/planyourvisit/hours.htm

CASA DI EAP   -  RESTAURO  2013


IL LAGO

Nel fior di giovinezza, ebbi in sorte
d'abitar del vasto mondo un luogo
che non poteva ch'essermi caro
e diletto -
tanto m'era dolce d'un ermo lago
la selvaggia bellezza
cinto di nere rocce
con alti pini torreggianti intorno.
Ma poi che Notte come su tutto
aveva lì disteso il suo manto
e il mistico vento e melodioso
passava sussurrando - oh allora
con un sussulto io mi destavo
al terrore di quel solitario lago.

Pure, non mi dava spavento
quel terrore
ma anzi un tiepido diletto -
un diletto che nè miniere di gemme
nè lusinghe o donativi
mai potrebbero
indurmi a definir qual era -
e neanche Amore -
fosse anche l'Amor tuo.
Morte abitava
in quelle acque attossicate
e una tomba nel profondo gorgo
era disposta
per chi sapesse ricavarne
un sollievo al suo immaginare:
il solingo spirito sapesse fare
un Eden di quell'oscuro lago.

EAPOE HOUSE MUSEUM

The house, a National Historic Landmark, was built in the early 19th century, and functioned as a private residence until 1939 when it was acquired by the City of Baltimore. The city then leased it to the Edgar Allan Poe Society of Baltimore, which began operating the house as a museum in 1949.
nps.gov    -  
www.eapoe.org/balt/poehse.htm
The photograph was taken about 1980, showing the Baltimore Poe House as it appears today. To the left is a row of houses erected in 1938 under the Housing Authority of the city of Baltimore. The second half of the duplex, which would have been on the left when Poe lived here, was removed during construction of these newer homes.
eapoe.org

Poe Baltimore, Inc. seeks to hire a temporary, part-time independent contractor to oversee, manage and plan fundraising efforts towards the re-opening of the Edgar Allan Poe House and National Historic Landmark in 2014 .
facebook/eap

The Poe House Museum  will be open weekends only in and through one  month  and then close again for an unknown period of time as money is raised to re-open sometime in the future in the hopes of keeping it open permanently.

fb/eap - 2013/2014

riaperta anche se per poco tempo The Edgar Allan Poe House & Museum dopo le difficoltà economiche precedenti. si trova a 203 Nord Amity Street a Baltimora Maryland - casa di Edgar Allan Poe nel 1830. E 'anche sede del Edgar Allan Poe Society of Baltimore - designato monumento storico nazionale nel 1972. 

fb/eap - 2013/2014/2015

 

 

POE   1  -  2  -  3  -  4                        

 

 

 

altri autori          home

PRIVACY