Colin Gerald Dryden Thubron
viaggiare per capire l'interiorita' del mondo

14 giugno 1939 londra


Biography
Award-winning travel writer and novelist Colin Thubron was born in London on 14 June 1939. Educated at Eton College, he worked briefly for the publishers Hutchinson and as a freelance television film-maker in Turkey, Japan and Morocco. His first book, Mirror to Damascus, was published in 1967. He continued to write about the Middle East in The Hills of Adonis: A Quest in Lebanon (1968) and Jerusalem (1969).
Among the Russians (1983) describes a journey he made by car through western Russia during the Brezhnev era. Behind the Wall: A Journey through China (1987) won both the Hawthornden Prize and the Thomas Cook Travel Book Award. The Lost Heart of Asia (1994) narrates his travels through the newly-independent central Asian republics, exploring the effects of the collapse of the Soviet Union on the region. He returned to Russia for his most recent travel narrative, In Siberia (1999).
Colin Thubron is also the author of several novels, including a historical fiction, Emperor (1978), set in A.D. 312; A Cruel Madness (1984), winner of the PEN/Macmillan Silver Pen Award; Falling (1989); Turning Back the Sun (1991), a haunting tale of love and exile; and Distance (1996). His new novel, To the Last City (2002), tells the story of a group of travellers in Peru.
A Fellow of the Royal Society of Literature since 1969, Colin Thubron is a regular contributor and reviewer for magazines and newspapers including The Times, the Times Literary Supplement and The Spectator. He lives in London. His latest travel book is Shadows of the Silk Road (2006), an account of his 7,000-mile journey along the route of the Silk Road.
.

A gentle sense of comedy is never far from the author’s mind. Who could possibly forget the enthusiastic innocence of the Russian who wanted to buy a pair of Thubron’s jeans? 'He seized them and dashed into a nearby camping hut to change. A moment later he emerged encapsulated in jeans and gasping with triumph like one of Cinderella’s ugly sisters who had fitted the slipper. Where the jeans began, his whole body tapered away like a tadpole’s, while above them his chest bloomed in a monstrous burst of held breath and pigeon ribs. He looked terrible.
'Wonderful'  he said  'perfect' .
.

Thubron is not always an easy writer to read. His work is erudite, heavily layered and closely compacted: reading him is more like eating a rich meal than a light snack, but, to follow the eating metaphor, he provides delightful flavours and worthwhile nutrients, food for the mind, that satisfies long after the meal is finished.
amanda thursfield - 
http://literature.britishcouncil.org/colin-thubron

http://en.wikipedia.org/wiki/Colin_Thubron
zam.it

 

Critical Reception
Reviewers have consistently praised Thubron's travel writing, noting how he deeply immerses himself into foreign countries and have lauded the numerous cultural insights found in his travelogues. Philip Marsden has stated that, “Of all his generation of travel writers (Paul Theroux, Jonathan Raban and Bruce Chatwin), Thubron is the one who manages best to get beneath the skin of his subjects.” Thubron's sense of humor and stark honesty in his descriptive passages has also been applauded by critics. Many commentators have appreciated Thubron's mixture of personal and historical references in his travel writing, though some reviewers have argued that this blend of the objective and subjective has contributed to a number of factual inaccuracies in Thubron's works. In terms of his writing style, critics have drawn attention to the lyrical quality of his prose. Guy Mannes-Abbott has stated that, “[Thubron's] writing is intelligent, reflective and evinces a quietly singular style.” Thubron's novels have not received the same critical attention as his travel writing, with some critics charging that Thubron's fictional works are not nearly as engaging or fully realized as his nonfiction works. Though some reviewers have commended his use of symbolism and historical detail in his novels, others have complained that Thubron's characterizations and plotlines are weak and ill-conceived.
enotes.com

 

 

Colin Thubron, membre de la Royal Society of Litterature et Commander

of the British Empire, est l’un des derniers gentlemen travellers. Lointain descendant de John Dryden (l’auteur anglais le plus influent du 17ème siècle) il naît le 14 juin 1939 à Londres. Etudiant au prestigieux Eton College, il travaille ensuite comme éditeur entre Londres et New-York puis comme réalisateur pour la télévision en Turquie, au Japon et au Maroc.
Colin Thubron s’inscrit dans une tradition littéraire anglaise qui remonte aux écrivains voyageurs anglais de l’époque élisabéthaine. Extrêmement documenté, il prépare toujours méticuleusement ses voyages. L’histoire des lieux, leur géographie, les us et coutumes… il va jusqu’à apprendre une langue nouvelle lorsque c’est nécessaire (Mandarin ou Russe) et même ses connaissances en botanique sont impressionnantes. C’est que, selon lui l’histoire, la géographie, les constructions humaines et les peuples entretiennent des relations totalement intimes. Ses récits s’attachent donc à montrer comment l’Histoire peut façonner les peuples et les paysages. S’il est un arpenteur de mondes hors pairs, il est aussi l’explorateur des relations humaines, de la mémoire, et n’a de cesse de mesurer la distance qui sépare l’idéal du réel.
Poursuivi par le KGB à Kiev, en position incns, Colin Thubron sait faire passer dans ses récits toute l’âme du voyage, le comique ou le ridicule des rencontres lorsque deux mondes nouveaux se rapprochent pour la première fois, la solitude ou le découragement ressentis sur la route, la peur, jusqu’à craindre pour sa vie.onfortable dans un bain avec un nabab chinois ou presque contraint de vendre ses jeans à un géant russe qui rentre à grand peine deda

etonnants-voyageurs.com

.

lei è stato svariate volte in Cina, per cui è uno dei non molti occidentali che l'hanno vista negli anni Ottanta del secolo Ventesimo e poi di nuovo nel Ventunesimo. Le trasformazioni sono state enormi, ma può dirci quali l'hanno colpita di più.
La trasformazione economica della costa orientale della Cina è senz'altro stupefacente. Ed è penetrata anche in certe città dell'interno (come Xian). Ma io desideravo dare voce in particolare agli abitanti delle regioni più povere, che il virtuale abbandono del comunismo ha abbandonato a se stessi, sotto il profilo materiale come in termini di convinzioni. Sono le vittime silenti del miracolo.
mario biondi - infinitestorie.it

.
di tutti gli animali nocivi, il più nocivo è il turista” scrive il suo conterraneo viaggiatore Francis Kilvert. Per riscoprire la magia del viaggio dobbiamo tornare a fare i pellegrini ?
In realtà il turismo mondiale segue rotte molto ben definite e prevedibili, quindi non è poi così difficile tornare ad essere dei pellegrini: basta semplicemente deviare anche leggermente dalle rotte consolidate; non sarà un miraggio così lontano, un lavoro cosi difficile: basta non seguire le cose convenzionali e più banali. È un passo molto breve deviare da questi percorsi prestabiliti e programmati e ci sono mondi meravigliosi e scoperte da fare, basta fare questo piccolo gesto.

Mister Thubron i suoi viaggi l'hanno in qualche modo cambiata? Le sono serviti a scoprire qualcosa di se stesso, a ritrovare una parte inesplorata di sé ?
È abbastanza difficile determinare in che cosa un viaggio mi abbia cambiato. Sono più gli altri forse che potrebbero vedere in cosa sono cambiato. Non è certo un cambiamento consapevole. Forse l’ambito nel quale il viaggio mi ha cambiato è quello della mia consapevolezza culturale, cioè io mi vedo come prodotto della cultura inglese da fuori e sono estremamente critico, vedo in che misura sono stato determinato da questa cultura.

redazione - viaggiatori.com


bio

Colin Thuborn    14 giugno 1939  Londra

dopo gli studi al college di Eton, ha lavorato per un breve periodo per l'editore Hutchinson e come regista freelance per la televisione in Turchia, Giappone e Marocco. Infaticabile viaggiatore e grande conoscitore dei Paesi dell’Asia centrale e della Cina, è autore di numerosi libri che testimoniano le sue esplorazioni. Il suo primo libro Mirror to Damascus è stato pubblicato nel 1967. Ha continuato a scrivere sul medio oriente in particolare in The Hills of Adonis: A Quest in Lebanon (1968) e Jerusalem (1969).
I suoi viaggi nascono sempre dalla necessità di comprendere e poi restituire con la scrittura lo spirito dei luoghi che attraversa, cercando di colmare l'abisso che separa l'abitante dallo straniero. La costanza con la quale incontra le persone, la fiducia che dimostra nei loro confronti, il rispetto per il loro vivere sono la carta vincente del viaggiatore inglese.
In Ombre sulla Via della Seta racconta il viaggio con cui ha percorso tutta la Via della Seta, da Xian, antica capitale imperiale cinese, fino ad Antiochia, che ne costituiva il terminale più importante sul Mediterraneo, attraversando Gansu, il Sinkiang degli uiguri (o Turkestan cinese), Kyrgzstan, Tagikistan, Uzbekistan, l’Afghanistan durante l'invasione americana, l’Iran e finalmente la Turcha.
Quando non viaggia Thubron vive a Londra, è membro della Royal Society of Literature dal 1969, ed è giornalista per il Times, per il Times Literary Supplement e The Spectator.

festivaletteratura.it

 

 

My travel books spring from curiosity about worlds which my generation has found threatening

China, Russia, Islam and perhaps from a desire to humanise and understand them.

The novels seem to be reactions against this, and mostly arise from more introverted, personal concerns

often being set in enclosed places - a prison, a mental hospital, an amnesiac's head.

My writing swings between the two genres

 


 

 

La Siberia

raccontata dal viaggiatore inglese Colin Thubron. A Ekaterinburg, dove venne ucciso l'ultimo zar Nicola II, ha inizio un lungo peregrinare a bordo di treni e battelli alla ricerca dello spirito delle terre siberiane, incontrando un popolo attraverso i segni del passato e le povertà del presente, per cercare di comprendere cosa abbia preso il posto dell'ideologia e quali siano le speranze, tra modernità e antiche tradizioni, delle genti che vivono al di là dei Monti Urali.
infolibro.it


La storia millenaria, e in gran parte consegnata alla leggenda, della Via della Seta

continua ad affascinare segretamente la modernità. In un viaggio tra misticismo, conflittualità, mistero, Colin Thubron ripercorre le strade che per secoli hanno dato vita a una "globalizzazione", arcaica quanto febbrile, di cui la seta divenne il simbolo. Il confronto con l'attualità suggerisce che neppure le devastazioni più feroci - dalle orde di Tamerlano al flagello della SARS - possono cancellare simili legami ancestrali. La Cina moderna, lo smarrimento delle repubbliche ex URSS, l'Afghanistan dilaniato da decenni di conflitti, le contraddizioni dell'Islam: tutto questo rivive nel racconto di Thubron, in una ricerca minuziosa fra le rovine di epoche lontane che riemergono nei resti di un minareto nel deserto, nelle iscrizioni intraducibili di un tempio perduto, nei tratti somatici delle persone incontrate. La Via della Seta finisce per assumere su di sé il significato più oscuro - pauroso quanto attraente - del viaggio stesso: la sensazione di partire e, come il fantasma del mercante sogdiano che si annida fra le pagine del racconto, di smarrirsi nel deserto
ibs.it

britannica.com
dotspikes.com

 

 

2011   VERSO LA MONTAGNA SACRA - PELLEGRINAGGIO IN TIBET

Verso la montagna sacra custodisce un’ulteriore dimensione: l’autore ha di recente assistito alla morte della madre. Sta compiendo un pellegrinaggio anche lui. Il suo percorso attorno alla grande montagna, venerata da una moltitudine di altri pellegrini, risveglia un paesaggio interiore di solitudine, amore e dolore, ridando vita a preziosi frammenti delle sue stesse origini.

2006     Ombre sulla via della seta
La storia millenaria, e in gran parte consegnata alla leggenda, della Via della Seta continua ad affascinare segretamente la modernità. In un viaggio tra misticismo, conflittualità e mistero..
2002      Verso l'ultima città
Cinque turisti affrontano un difficile trekking nel cuore delle Ande peruviane. La meta è Vilcabamba, un luogo abbandonato alla giungla da oltre quattro secoli...
2001     
Oltre la muraglia  Un viaggio in Cina
una terra di sconcertante diversità. Dalla frontiera con la Birmania al deserto di Gobi, dal Mar Giallo alle pendici del Tibet, il libro è un mosaico di scene e di incontri.
2000     
In Siberia
A Ekaterinburg, dove è stato ucciso lo zar Nicola II con la sua famiglia, inizia il viaggio di Thubron in Siberia,  attraverso la Mongolia e poi a Est verso il Pacifico muovendosi tra i popoli che più hanno risentito della fine del regime comunista ..          

viaggio lungo 25000 chilometri ..
1995    
Il cuore perduto dell'Asi -  In treno dal Turkmenistan al Pamir
La regione geografica descritta è l'Asia centrale e l'autore resta rigorosamente all'interno dei confini di quella che  era la vecchia Urss, perché si tratta di una terra dimenticata, rare volte meta di viaggi turistici.
unilibro   -     ibs 

 
Prizes and awards
1967     Book Society Choice, Mirror to Damascus
1985     PEN/Macmillan Silver Pen Award, A Cruel Madness
1988     Hawthornden Prize, Behind the Wall: A journey through China
1988     Thomas Cook Travel Book Award, Behind the Wall: A Journey through China
1991     Fellow of the Royal Asiatic Society
2000     Mungo Park Medal of the Royal Scottish Geographical Society
2001     Lawrence of Arabia Memorial Medal of the Royal Society for Asian
Affairs
2002     Hon.D Lit University of
Warwick
2003-9  Vice-President, The Royal Society of Literature
2007     Commander of the Order of the British Empire (CBE), New Year's Honours
2008     Society of Authors Travel Award
2009     President, The Royal Society of Literature
2010     Prix Bouvier, France, In Siberia
2011     Ness Award of the Royal Geographical Society
2014     International Prize, Spanish Geographical Society

en.wikipedia.org

 

rainews24 - festivaletteratura mantova 2007

 
wmv
  video rai


Lei viaggia per scrivere o scrive per viaggiare?
Se devo fare una distinzione, io sono uno scrittore che viaggia. Amo scrivere e amo anche viaggiare.

Quando sto facendo un viaggio per raccontarlo, io penso al libro. Questo non mi piace molto perché mi rende fin troppo consapevole di ogni cosa. Ma non posso impedirmi di pensare al libro, di pensare a quale potrebbe essere una scena interessante, mentre sto conversando con qualcuno, improvvisamente qualcosa mi colpisce e penso in modo orribilmente giornalistico “questo può servirmi”. Quello che a una persona potrebbe sembrare una semplice conversazione amichevole, per me diventa parte della mia professione. Non è il mio obiettivo, ma accade continuamente, sono sempre consapevole di essere un autore in viaggio.”

Potrebbe immaginare di viaggiare in quei Paesi senza scrivere nulla?
Potrei, ma non viaggerei così pericolosamente. Quando viaggio sapendo che ne farò un libro, faccio cose che normalmente non farei mai. Mi comporto senza considerazione per me stesso, penso al libro tutto il tempo e non penso a me stesso. Penso alla società del posto che sto visitando e nella mia mente io sparisco come se qualcuno mi avesse fatto fuori/fatto sparire. Ci sono due me stesso, uno che viaggia e uno che scriverà del viaggio, che osserva seduto sulla spalla del primo. Quando quello che viaggia viene fatto fuori o aggredito e se la vede male, l’altro prende il suo posto e siccome è un’ottima copia del primo posso usare quello.


Lei spesso nonostante cerchi di capire quello che vede, racconta la sua impressione di non riuscire a capire.
Penso si tratti di una sensazione che ho anche nella vita di tutti i giorni

anche in Occidente. Ma soprattutto nelle società così lontane da noi, come quella cinese, sono costantemente tormentato dalla consapevolezza di non poter davvero capire. E’ lo sforzo di viaggiare e scrivere, che è un esercizio per cercare di capire, e non solo intellettualmente, ma emotivamente, com’è fatta una società. E per tutto il tempo hai la sensazione di essere inadeguato, o almeno questo è ciò che accade a me. Ogni individuo mi appare come un mistero e questo credo faccia parte del mio temperamento perché lo faccio continuamente. Lo sento particolarmente quando viaggio in grandi Paesi, come l’Iran, la Cina o l’Unione Sovietica. Non sono adeguato al mio compito, questa è la mia sensazione.

Perché viaggia sempre solo?
Perché nessuno è abbastanza stupido da venire con me. E perché mi piace l’idea di essere sensibile e vulnerabile nei confronti dell’ambiente circostante. Se viaggi con qualcun altro, della tua stessa cultura, tu condividi con quella persona un mondo, confermi il tuo punto di vista all’altro. “Questo è divertente, questo è strano…” E trovi che il mondo sia strano o addirittura ridicolo. Se sei solo, sei tu quello strano o ridicolo nel contesto. E devi arrivare più velocemente alla comprensione del posto in cui ti trovi, sei costretto a farlo. Forse è più scomodo, ma sei più sensibile, più suscettibile a quello che ti circonda.
luciano minerva - anna mazzina - rainews24

 

 

Prendo appunti tutto il tempo ...

costruisco un’immagine del paese attraverso il linguaggio. le parole creano una rappresentazione dei posti che visito.

In tal senso, una fotografia rischierebbe di disturbare questa mia ricostruzione personale che propongo al lettore, poiché, come detto, gli restituirebbe la facoltà di vedere con i suoi occhi.

mai scritto un racconto di viaggio per il web? come credi che il web influenzi il processo di scrittura?
No, non ho mai scritto per il web. Penso che a uno scrittore del web sia richiesto di scrivere pezzi più brevi e più frequentemente, ma poiché nessuno mi ha mai proposto di provarci, non so come questa esperienza possa influenzare il mio modo di raccontare il viaggio.

ome sei cambiato tu, nel frattempo? e come siamo cambiati noi, come occidentali?
Questa è senza dubbio una domanda complessa !

Molto più arduo  dire come sono cambiato io.
Mi piace pensare che io sia diventato più tollerante e sensibile alla diversità, ma non sono sicuro che sia vero.
In effetti, nonostante i mie viaggi, mi sento ancora molto inglese nel modo di pensare; riconosco che le mie reazioni, i miei giudizi sull’Altro, sono sempre molto occidentali e, aggiungerei, inglesi. Di certo ti posso dire che quando sei giovane viaggi con molta più energia e sei molto più incline ai cambiamenti, mentre invecchiando si diventa meno emotivamente influenzabili. Infine, il cambiamento dell’Occidente, soprattutto in relazione alla Cina, credo consista soprattutto nel fatto che fino a qualche decina di anni fa non pensavamo neppure alla Cina, non sapevamo nulla su questo paese e non ce ne importava granché. Quando scrissi Oltre la Muraglia, la Cina aveva appena aperto le sue frontiere e tutti noi eravamo completamente ignoranti su cosa aspettarci, ignoravamo tutto, ad eccezione di qualche notizia su Mao Zedong e la Rivoluzione Culturale.

Al contrario, oggi non solo siamo desiderosi, ma, in un certo qual modo, addirittura obbligati a conoscere qualcosa in più sulla Cina, per riuscire a rapportarci con il suo ruolo sempre più dominante nel panorama politico mondiale.
stefano calzati - fucinemute.it - 2013

 

 

 

 

 

 

 

 

jlf 2016

For his critically acclaimed travelogue, Thubron travelled to Mount Kailash in the western Himalaya in tragic circumstances, after the death of his mother, the last of his living family. “According to Hindu mythology, more than 2000 years ago, appeared a mystic mountain. From it flowed out four rivers that nourish the earth: The Ganges, the Brahmaputra, the Sutlej and the Indus. In time this mountain became associated with a real mountain. The Kailash is an island of extraordinary isolated beauty. It is a site that is also controversial, since it is in Tibet. But it is venerated by both Hindus and Buddhists, so much so that one fifth of humankind regards this mountain as the heart of the world,” said Thubron.
What we make is more important than what we are, particularly if making is our profession.   -ct
jaipur literature festival 2016
aasheesh sharma - hindustantimes.com - 2016

 

 

 

 

 

Cento motivi reclamano la partenza

Si parte per entrare in contatto con altre identità umane, per riempire una mappa vuota. Si ha la sensazione che quello sia il cuore del mondo.

Si parte per incontrare le molteplici forme della fede.

Si parte perché si è ancora giovani e si desidera ardentemente essere pervasi dall'eccitazione, sentire lo scricchiolio degli stivali nella polvere -  si va perché si è vecchi e si sente il bisogno di capire qualcosa prima che sia troppo tardi.

Si parte per vedere quello che succederà.
Tuttavia, seguire la Via della Seta significa seguire un fantasma. Si dipana attraverso il cuore dell'Asia ma ufficialmente è scomparsa lasciandosi alle spalle il tracciato della propria irrequietezza: confini alterati, popoli non riportati sulle carte.     La Via si biforca e vaga ovunque voi siate.     Non è una sola strada, ma molte: una rete di scelte.   

La mia si allunga per più di undicimila chilometri, e di quando in quando si fa pericolosa.
ombre sulla via della seta

 

 



 
http://youtu.be/o6WChHpHu68  -  2007



Colin Thubron talks about the magic of travelling
losing his Englishness to be objective and his experiences in Nepal and Tibet
http://youtu.be/Un6l4-gIfbM  - Lit for Life 2014: The Constant Traveller


***


Da bambino avevo la convinzione

che da qualche parte ci fosse un centro dimenticato
Il cuore perduto dell’Asia

 

 

 

 

 

14 GIUGNO .. AUGURI !

 

 

 

 

altri autori          home

PRIVACY