arturo  pérez-reverte

 

PAGINA  1  -  2

 

         

 

       

https://youtu.be/5f-mwQ7cyNU  -  hay un episodio de espionaje en mi vida - 2017

 

en Croacia

El 14 de septiembre de 1991 Márquez y yo caminábamos por las calles desiertas de Petrinja .

La ciudad había sido evacuada ante el avance de las tropas serbias. Teníamos hambre, y un rato antes habíamos saqueado los estantes de un supermercado: chocolate, pan duro y latas de conservas. Al lado había una tienda de ropa con el escaparate roto, y Márquez cogió de allí una corbata de pajarita y se la puso en el cuello sucio de la camisa, bajo su barba de tres días. Íbamos así, explorando aquello, en la dirección en la que sonaban los tiros, procurando no recortarnos en puertas ni ventanas, atentos a los francotiradores. Pegados a los edificios porque de vez en cuando caía algo cerca. Y en ésas, al pasar ante un inmueble grande, oímos un ruido dentro. Como un gemido. Entramos a curiosear, encendimos las linternas, y en el sótano encontramos a una docena de personas tumbadas en camillas y en el suelo. Era el asilo de ancianos; y los cuidadores, al huir de los serbios, habían abandonado allí a los inválidos. Los pobres viejos llevaban tres días sin agua ni comida, entre el zumbido de las moscas y el hedor de sus propios excrementos. Un par de ellos estaban muertos; y el resto, cerca de estarlo. Gemían y lloraban aterrorizados, y cuando sonaba alguna bomba cerca chillaban enloquecidos de terror. Suplicándonos. Nada podíamos hacer por ellos, así que encendimos el flash y los grabamos a todos para el telediario de las nueve, para que el siempre sonriente Javier Solana, fino negociador comunitario, pudiera salir luego diciendo en Bruselas que todo estaba controlado en los Balcanes, que en el fondo los serbios eran buenos chicos y que las negociaciones de paz iban de puta madre.

Trabajamos así durante diez minutos, sin hablar ni mirarnos el uno al otro. Luego dejamos en las camillas toda la comida y el agua que teníamos y nos largamos de allí sin hacer comentarios. Antes de salir a la calle vimos otro muerto: una bomba había arrancado la pared, y frente al agujero estaba un cadáver sentado en una silla y cubierto de polvo gris. Nos detuvimos a grabarlo -era un abuelete como los otros, y la bomba lo había matado cuando se ataba los zapatos para escapar-

y discutimos un poco porque yo le dije a Márquez que le grabara la cara y él dijo que prefería grabarlo de espaldas. «Que te den por saco», zanjó. Ésas fueron las únicas palabras que Márquez y yo pronunciamos en el asilo de Petrinja.
www.perezreverte.com/articulo/patentes-corso/729/el-asilo-de-petrinja  - 2012

 

LIBRI

2018

l'ultima carta e' la morte

LA CABALLERA -  BAJO DOS BANDERAS

Los perros duros no bailan

2017

il codice dello scorpione

2016

Falcó - eva - sabotaje

todo alatriste

2015

DUE UOMINI BUONI

la guerra civil CONTADA A LOS JOVENES

2014

don quijote

PERROS E HIJOS DE PERRA

2013

 Il cecchino paziente - graffitari urbani

2012

IL PICCOLO OPLITA  -  per bambini

EL TANGO DE LA GUARDIA VIEJA

IL PONTE DEGLI ASSASSINI

le barche si perdono a terra

2011

LA CARTA SFERICA

2010

EL ASEDIO

IL GIOCATORE OCCULTO

2009

Ojos azules

2008

il maestro di scherma

il cavaliere dal farsetto giallo

sun over breda

2007

Corsarios de Levante

la pelle del tamburo - film 2014

IL PITTORE DI BATTAGLIE

SUN OVER BREDA

2006

L'ORO DEL RE

LA TAVOLA FIAMMINGA

L'USSARO
Purity of Blood

2005
Queen of the South
Captain Alatriste

TERRITORIO COMANCHE
2003
Seville Communion
Dumas Club
Fencing Master
Flanders Panel
2002
Nautical Chart
unilibro.it

infinitestorie.it

it.wikipedia.org

 

 

FILM

2006

IL DESTINO DI UN  GUERRIERO

2005

alatriste

2000

GITANO
1999

CAMINO DE SANTIAGO

LA NOVENA PUERTA
1997

TERRITORIO COMANCHE
1995

CACHITO
1994

LA TABLA DE FLANDES

1992

EL MAESTRO DE ESGRIMA

 

*

España

es una versión

trágica

de Italia

la cual a su vez

es una

versión cómica

de España.

Indro Montanelli

 

*

 diventato in pochi anni lo scrittore

 spagnolo più venduto al mondo

Ha ricevuto numerosi premi

internazionali tra cui

 

 

. Premio Jean Monnet -  1997

. Vallombrosa Gregor von Rezzori

 . pordenonelegge - friuladria   -  2008

. PREMIO SALGARI  - 2012

. PREMIO ILCORSARONERO - SALGARI - 2012

 . Cavaliere dell’Ordine

delle Arti e delle Lettere di Francia

. dal 2003 membro Real Academia Española

. Premio Nacional de Periodismo - 2013

. premio CWA International Dagger - 2014

. PREMIO PERIODISMO EL MUNDO - 2015

. Premio Columnistas del Mundo - 2015

. premio literario Jacques Audiberti - 2017
.
premio Internacional  Barcino de Novela Histórica - 2017

 

 

 

girodivite.it/antenati_reverte.htm

http://it.wikipedia.org/wiki/Arturo_Perez-Reverte

festivaletteratura.it

EL ASEDIO -  premio CWA International Dagger 2014
pOr 'su admiración por la manera en que el autor retrata la claustrofobia del asedio de Cádiz - por ambos bandos - durante la Guerra de la Independencia, acontecimiento que sirve de telón de fondo de la investigación y la plasmación de las intenciones éticas del autor.
perezreverte.com - 2014

la pelle del tamburo 

Premio Jean Monnet  Letteratura Europea  1997  - diventa film nel 2014  -  The Seville Communion
“Estamos encantadas de trabajar en este proyecto increíble”, declaró Sarah Pillsbury, quien junto a Midge Sanford adquirieron los derechos mundiales para el cine de la obra publicada en 1995 por Pérez Reverte, uno de los escritores españoles más leídos y traducidos en el mundo.
De esta novela sobre un pirata informático que irrumpe en el ordenador personal del Papa y avisa de que se está produciendo una serie de muertes en una pequeña iglesia de Sevilla (España) les atrajo su trama de suspense y romance, dijo Pillsbury.
El sacerdote Lorenzo Quart, enviado por El Vaticano para investigar e intentar descubrir quién es el “hacker” es un papel protagonista “fabuloso”, que en el guión ha sido rodeado por papeles secundarios “desarrollados con mucha riqueza”, agregó.

elcorreoweb.es - 2014

Premio Columnistas del Mundo 2015
En mi opinión (y he viajado y visto lo suficiente para tenerla), las horas que radio, televisión o periódicos dedican en España a analizar el funcionamiento interno de los partidos, no tienen equivalente en el mundo democrático. Y aburren hasta a las ovejas. Hacen que los lectores deserten. Se desinteresen de lo que se les cuenta. Y es difícil culparlos por ello ...
Gracias, director. Gracias, amigos. Gracias a todos.
elmundo.es - 2015

 

 

 

 

 

 

El tango de la Guardia Vieja - ebook dal 2013

Varias situaciones de El tango de la Guardia Vieja transcurren en Sorrento. Es decisiva una de las primeras, cuando Max vigila de lejos, desde la mesa de un bar, a la mujer a la que cree haber reconocido por la calle, treinta años después de su último encuentro en Niza. El bar Fauno y su terraza parecen adecuados para situar la escena; así que procuro sentarme exactamente a la mesa que habría ocupado Max y mirar desde allí la terraza, la plaza Tasso y la entrada cercana del hotel. Ensordece el ruido de automóviles y motos, que en la imaginación sustituyo por Fiats sesentones, Vespas y Lambrettas. En la habitación del Vittoria, para ambientarme el día, acabo de ver los deuvedés de Il Sorpasso y Sapore di mare, así que me siento en buena forma. La imaginación funciona bien engrasada, sin mucho esfuerzo. Encargo a un camarero un Cinzano rojo con aceitunas —imagino uno de aquellos antiguos ceniceros metálicos triangulares sobre la mesa— y luego pido que me combinen un Negroni, para ambientarme. Es lo que habría bebido el personaje. Ya sólo faltaría escuchar como música de fondo Una rotonda sul mare, por ejemplo. O algo más agitado: un twist de Rita Pavone. La sensación es muy agradable, como siempre que localizo exteriores y sale bien la cosa. O parece que sale. Puede funcionar, me digo. Pero mientras tomo notas, surge el problema. La duda frecuente y maldita. El Fauno, ¿estaba ya abierto en 1966? ¿Se llamaba así, o de otra manera? ¿Tenía la misma terraza que ahora? Proceloso misterio. Los dos camareros con los que converso me dicen que el bar lleva abierto mucho tiempo, desde los años setenta por lo menos, pero no conocen la fecha exacta de apertura. Y el encargado, que sabe, dicen, no está. En cualquier caso decido correr el riesgo, pues la localización de la terraza es perfecta. Ya tendré ocasión, más adelante, de confirmar fechas. Y así es. Semanas después, trasteando en Internet, consigo establecer el asunto. En 1966, el Fauno ya estaba abierto y se llamaba de ese modo. Consigo también fotografías de entonces en blanco y negro. La terraza era más pequeña que la actual, con menos gente sentada afuera; pero ese detalle no altera mucho las cosas. O no las altera nada. Así que, decidido. Aquella mañana de septiembre u octubre de 1966, Max Costa estuvo sentado en la terraza del bar Fauno. Sin advertir el lío en que se estaba metiendo.

novelaenconstruccion.com
REVERTE ENAMORADO  -  El tango de la Guardia Vieja’ puede acabar apareciendo entre la obra de Arturo Pérez-Reverte como el giro definitivo de este peculiar novelista que hace de la técnica una de sus grandes bazas. Que destripa sus obsesiones y las socializa entre una legión de seguidores sin dejar de fruncir el ceño. O todos advierten que el patrón juega de farol o éste es un gañán fantástico y divertidísimo que engaña a todos.
xavier grau - novelaenconstruccion.com - 2012

"Non è un'idea, è un assioma, una verità monolitica, lapidaria. La donna è il testimone, senza dubbio. La donna è giudice, avvocato, giuria, e boia. Uno sguardo ammirato di una donna superiore è il maggior premio che un uomo possa avere nella vita. E' quello a cui pi può aspirare. Ci sono uomini capaci di attraversare oceani, di uccidere, di morire, pur di essere guardati con ammirazione da una donna. Ci sono sguardi per i quali un uomo si farebbe uccidere subi to ed è vero, è successo, è che storicamente è una verità.

Non c'è maggior disprezzo di essere ignorato da una donna così"
E a chi lo accusa di machismo  "La donna è una macchina pensante molto più preparata dell'uomo. Ci sono donne che sono un premio; una donna superiore è il maggior bottino che ti possa dare la vita. La donna intelligente è di per sé incapace di avere questi limiti che l'uomo sì ha. L'uomo ha atteggiamenti virilmente idioti e chi crede che io sia machista non ha la minima idea, si nota che non mi ha letto.     Dubito che esista qualcuno che abbia scritto in modo così ammirato e così attento come faccio io con le donne".   apr
rottasudovest.typepad.com - 2012

youtube.com/watch?v=eLYyiNUxw3Q

classifica spagnola best seller vendite - elcultural.es
1. Arturo Pérez-Reverte – El tango de la Guardia Vieja

libreriamo.it - dic 2012

Non sono un intellettuale .
Per molto tempo la letteratura è stata sequestrata da una banda di intellettuali snob che sostenevano che l’unico romanzo possibile fosse quello in cui si diceva che non era possibile scrivere un romanzo.
Si deve a costoro se i lettori hanno disertato la lettura preferendole la televisione.

libreriamo - 2013

pordenonelegge 2013
Arturo Pérez-Reverte con la consueta raffinatezza ci porta nel cuore di una storia d’amore dove i due amanti faranno i conti con trent'anni di reciproci inganni tradimenti e rimpianti. IL TANGO DELLA VECCHIA GUARDIA .

ilsole24ore - 2013

INTERVISTA

un feuilleton ?
Questo non ha nulla di ottocentesco. Riguarda l’inizio del Ventesimo secolo, quando i romanzi a puntate parlavano di un mondo molto diverso. Ne ho letti tantissimi, e devo dire che sono di pessima qualità -  mi sono serviti come mattoni per costruire Il tango della Vecchia Guardia.
alla fine, pur sconfitto, ritroverà l’ombra. Grazie a Mecha, invecchiata come lui, a distanza, ma sempre innamorata almeno quanto lui.
Mecha è un po’ come Wendy per Peter Pan -  gli ricuce l’ombra addosso. Anche per questo è secondo me il cuore del romanzo, il personaggio principale, proprio in quanto donna. È sempre stato così: la femminilità e le nostre ombre vanno di pari passo: è sempre una donna che le ruba o le restituisce.
come nel tango?
Come in tutti i miei romanzi. C’è sempre un eroe stanco.
maio baudino - lastampa.it - 2013

Scrivo pensando a quel guerrigliero che creava trappole per i nemici
Per me ogni romanzo nasce da un piano preciso, racconta Reverte, da una struttura portante, è come un treno con dei vagoni, e ogni vagone è diverso dall’altro. Non sono un artista, sono uno scrittore professionista.

Conosco le strategie per scrivere un buon romanzo e le applico. Ogni capitolo deve creare suspense nel lettore, e questo effetto è frutto di una strategia, di una pianificazione.

Quando ero reporter un guerrigliero mi spiegò che piazzava le mine in modo da attirare i militari verso una radura che sembrava offrire protezione e invece era il luogo dell’imboscata, i suoi uomini aprivano il fuoco con le mitragliatrici.
euronews.it . mario anton orefice - pordenonelegge - 2013

L'AUTORE A SORRENTO PER LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO - ott 2014

www.perezreverte.com/articulo/patentes-corso/942/la-pizzera-de-napoles  - La pizzera de Nápoles - nov 2014

Una donna non è mai soltanto una donna, caro Max.   È anche e soprattutto gli uomini che ha avuto, che ha e che potrebbe avere.     Nessuna si può spiegare senza di loro     E chi ha accesso a quei registri possiede le chiavi della cassaforte .   Il segreto dei suoi segreti .
il tango della vecchia guardia - cap. I - il ballerino mondano

 

 

 

 

 

 

GRAFFITI - IL CECCHINO PAZIENTE - http://youtu.be/cCjApJNgq2w

“Es una novela de guerrilla urbana, la parte más radical del grafiti linda con la guerrilla urbana”, explica el autor. “Ese sector más agresivo ve sus acciones como una batalla contra la sociedad y emplea palabras como bombardeo, ataque, misión… Moviéndome con ellos, con esos grafiteros, he recordado mi época de corresponsal de guerra”.
La novela arranca en 1990 con dos jóvenes pintores de grafitis, simple infantería del colectivo, que patrullando su territorio se encuentran con uno de los admirados grandes, un tipo solitario cuyo tag es la palabra “Sniper” en grandes letras y el punto de la i convertido en la mira telescópica de un francotirador…
Pérez-Reverte matiza que él personalmente no ha empuñado el aerosol, aunque "he estado con ellos, los grafiteros, he vivido su mundo, su música".

jacinto anton - cultura.elpais.com - 2013

Si es legal no es grafiti. ¿Está de acuerdo el autor con el evangelio de sus personajes?
Sí, completamente. Todo lo que aparece en la novela me lo han dicho. Yo no tenía formación grafitera. Cuanto hay en ella lo he adquirido en este proceso, con lo cual todo es de ellos. Lo que yo he hecho es administrarlo narrativamente.

Y estoy de acuerdo en que el grafiti tiene que ser ilegal
alfonso armada - abc.es - 2013

Lo que me fascinó del grafiti es que es un mundo con su épica, sus héroes y villanos, sus chivatos y confidentes - Un mundo en que el respeto es muy importante. Y uno se gana el respeto siendo bueno en su trabajo, y osado, y omnipresente en el lienzo de la ciudad. Esa épica y el aspecto de guerrilla urbana me encantaron.  Hay un sector del grafiti muy radical, de lucha social que es ya terrorismo urbano –incruento– agresivo y gallardo y ese es el que me sedujo.   Es gente dura y a mí me gusta la gente dura, literariamente es mucho más rentable.   
jacinto antón - elpais.com - 2013

IL LIBRO HA ANCHE UNA 'BANDA SONORA' - open.spotify.com - alfaguara -  fb/apr 2013

Gli eroi di oggi sono i writers metropolitani
Ero a Verona, sono andato a vedere il balcone di Romeo e Giulietta e mi sono accorto che l'attenzione del pubblico era tutta per il tunnel d'ingresso tappezzato di lucchetti, bigliettini, graffiti. L'arte non è più l'oggetto in sé ma la sua manifestazione sociale.
Ho visto eroi diciottenni. I writers sono terroristi urbani. Mi è capitato di infilarmi con loro la notte in stazioni ferroviarie, li ho visti saltellare prima di entrare in un posto pericoloso per vedere se facevano rumore. Una cosa che fanno i soldati nelle zone di guerra.

federica manzon - ilpiccolo.gelocal.it - 2014

L'obiettivo di Lex è convincerlo a esporre le sue opere e a raccoglierle in un libro ma l'impresa non è semplice. Oltre a Lex, c'è però qualcun altro che sta cercando Sniper e per ragioni tutt'altro che artistiche. Pedinare l'esperta di arte urbana diventa fondamentale per arrivare a lui. Così da cacciatrice Lex diventa preda.
Il romanzo è una riflessione sul destino che è "un cacciatore paziente" e sull'arte oggi che per Sniper è "una frode gigantesca. Una disgrazia. Oggetti senza valore sopravvalutati da idioti e da negozianti d'elite che si chiamano galleristi, con i loro complici al soldo, che sono i mezzi di comunicazione e i critici influenti che possono fare arrivare in alto chiunque, o distruggerlo".

ansa - 2014

http://video.repubblica.it/il-mio-viaggio-tra-i-guerrieri-urbani

Erano lupi notturni  

cacciatori clandestini di muri e superfici   

bombardieri senza pietà che si muovevano nello spazio urbano

...

Il Fato è un cacciatore paziente

Certe coincidenze sono scritte in anticipo

come cecchini acquattati con un occhio nel mirino

e un dito sul grilletto, in attesa del momento adatto

...

 

 

 

 

 

DUE UOMINI BUONI

Sul finire del XVIII secolo, due intellettuali spagnoli intraprendono un viaggio avventuroso per portare l’Encyclopédie nella loro patria.
“Anche nei tempi più oscuri, ci sono sempre stati uomini buoni che hanno combattuto per la luce e il progresso. E altri che hanno cercato di fermarli."
Alla fine del XVIII secolo, l’Accademia Reale di Spagna incarica il bibliotecario Hermògenes Molina e l’ammiraglio Pedro Zàrate di recarsi a Parigi per recuperare i ventotto volumi della prima edizione dell’Encyclopédie di D’Alembert e Diderot, bandita in Spagna. Dopo un viaggio rocambolesco, i due accademici iniziano le loro ricerche del testo nella Parigi dei caffè, dei salotti, della vita libertina e delle agitazioni politiche. Ma il compito dei due si rivela tutt’altro che facile: dietro ogni angolo, ad attenderli ci sono intrighi e agguati, orditi dai loro nemici. Riusciranno a portare l’Encyclopédie a Madrid con successo?

ibs - 2015
HOMBRES BUENOS

Una intriga histórica en el París prerrevolucionario, basada en hechos reales y documentada con extremo rigor, que narra la heroica aventura de quienes se atrevieron a cambiar el mundo con libros.
.   En España, en tiempos de oscuridad, siempre hubo hombres buenos que, orientados por la Razón, lucharon por traer a sus compatriotas las luces y el progreso. Y no faltaron quienes intentaban impedirlo .

alfaguara.com - 2015

Basata su fatti reali, popolata di personaggi veramente esistiti, la trama è ricca e complessa.    Con un messaggio universale ed estremamente attuale per tutti i lettori: che la ragione sempre avrà la meglio su fanatismi e oscurantismi.
cuentame.it - 2015

Somos más bien de etiqueta fácil: si no eres mi amigo, eres mi enemigo.
apr

Londra, 1940. Noel Bostock, orfano di dieci anni, viene evacuato dalla città a causa della guerra e finisce a casa di Vera Sedge, una vedova sommersa dai debiti. I due non potrebbero essere più diversi. Se Noel, educato da un’ex suffragetta, ha sviluppato la capacità di pianificare minuziosamente ogni attività intrapresa, Vee si arrabatta tra le varie opportunità di guadagno – legali e non – offerte dal conflitto. Da sola Vee è un disastro; con Noel, costituisce una squadra infallibile, che setaccia la periferia di Londra con grande profitto. Ma Noel e Vee non sono gli unici a lucrare sulla guerra e rischiano continuamente di imbattersi in loschi individui pericolosi quanto le bombe sganciate dai tedeschi.
lafeltrinelli.it - 2015
L’ammiraglio in pensione Pedro Zárate e don Hermógenes Molina, traduttore di Virgilio e Tacito, sono membri della prestigiosa Real Academia Española, ma soprattutto sono Due uomini buoni, colti e di ampie vedute in una Spagna che invece, alla fine del Settecento, sembra ancora sorda al richiamo dei Lumi, ai sommovimenti che di lì a poco sconvolgeranno la Francia e il mondo intero. Quando i due ricevono dai loro colleghi della Accademia l’incarico di andare a Parigi per acquisire, quasi clandestinamente, i ventotto volumi della prima edizione dell’Encyclopédie di Diderot e d’Alembert, all’Indice nei due paesi, nessuno sospetta che il viaggio si trasformerà in un’avventura piena di pericoli e soprassalti, di difficoltà e di agguati. Luncgo strade fangose e infestate dai banditi, i due raggiungono la capitale dei caffè e dei salotti, della vita libertina e delle agitazioni politiche alla vigilia della Rivoluzione, ma anche quella delle banlieues più povere e miserabili, alla ricerca del libro che, più di tutti, incarna l’ansia di libertà e fa vacillare troni e governi. In Due uomini buoni, romanzo d’avventura e di idee, basato su avvenimenti reali mescolati alla più spericolata finzione, Pérez- Reverte mostra come i suoi grandi successi siano il risultato di una riflessione profonda sull’arte della narrazione e ci regala un libro che è un inno all’amicizia e alla cultura in tempi di crisi come i nostri.
amazon - 2015

 

 

***

  TERRITORIO COMANCHE  

  là dove non vedi i fucili ma i fucili vedono te 

 

 

Per un reporter in guerra “territorio comanche” è il posto dove l'istinto ti dice di fermare l'auto e fare marcia indietro.    Il posto dove le strade sono deserte e le case sono rovine bruciate, dove sembra sempre l'imbrunire e cammini stretto ai muri verso gli spari che risuonano in lontananza, ascoltando il rumore dei tuoi passi sui vetri rotti. In guerra, il suolo è sempre coperto di vetri rotti. “Territori comanche” è là dove li senti scricchiolare sotto i tuoi scarponi e anche se non vedi nessuno, sai che ti stanno guardando. Là dove non vedi i fucili ma i fucili vedono te 

brianzapopolare.it

 

Territorio comanche 

el lugar donde el instinto dice que pares el coche

y des media vuelta
icorso.com

 

 

I libri per Pèrez Reverte sono una sorta di barriera per l’orrore vissuto in ventenni di guerre che sono alla fine “la stessa grande battaglia”. Forse per questo oggi riesce a parlare di guerra solo attraverso le sue storie. In particolare attraverso le avventure del suo ultimo personaggio, il capitano Alatriste, veterano delle guerre fiamminghe che vive nella Madrid del Seicento.
di chiara basso   lab.iulm.it

 

intervista

L'avventura e la passione sono al centro della sua scrittura e ben sette ROMANZI sono diventati dei film: questo è Arturo Pérez-Reverte, uno scrittore spagnolo erede della grande tradizione europea della narrativa di genere.
Tutti i suoi ROMANZI sono d'avventura, ma ambientati in periodi storici molto diversi: in che modo decide il periodo in cui collocare il racconto?
UN ROMANZo è un fatto tecnico che richiede alcune adeguate modalità narrative a seconda di quello che si vuole raccontare e siccome io voglio narrare storie, così come scelgo dei personaggi adeguati alla vicenda che ho in mente, ugualmente decido il periodo in cui collocare quanto racconto. Per quanto riguarda il mio ultimo ROMANZo , avevo pensato a vari tipi di naufragi, a seconda delle epoche (il naufragio ROMANo ad esempio, dato che il Mediterraneo ha presentato molti episodi del genere) ma poi ho capito che, per il mio scopo, era meglio ambientare la vicenda nel secolo XVIII ...

grazia casagrande - wuz.it - 2000

intervista
www.lainsignia.org/2004/enero/cul_043.htm

 

alatriste

Quel periodo infame veniva chiamato Secolo d'Oro; ma quel che possiamo dire noi che l'abbiamo vissuto e patito è che di oro ne abbiamo visto assai poco, e d'argento il giusto.    Sacrifici vani, sonore sconfitte, malavita, corruzione, miseria e poca decenza:   di queste cose sì ne abbiamo avute a badilate.

di marcella musacchia
rivistaprometheus.it

Ho scritto libri per non essere un triste cronista di guerra
Quanto hanno venduto i suoi romanzi di cappa e spada, ambientati nel Siglo de Oro, con le avventure del capitano Alatriste?
Sei milioni tra Spagna e America latina di lingua spagnola (i primi sei titoli, ndr). Alatriste è nato perché mia figlia, allora tredicenne, si lamentava che quel periodo storico non fosse trattato sufficientemente bene sui libri di scuola. Così è scattata la molla e ho inventato questo personaggio. Il successo è arrivato soprattutto con i ragazzi
marina gersony - ilgiornale.it

ALATRISTE DIVENTA FILM 2005

Non sarà stato l'uomo più onesto e neanche il più caritatevole della terra ma era un uomo valoroso. Si chiamava Diego Alatriste y Tenorio…

da tempo gli ammiratori di Arturo Pérez-Reverte attendevano questo incipit, che dà il via alla fortuna italiana del capitano più amato di Spagna. E ora eccolo, l'eroe taciturno dagli occhi di ghiaccio – un eroe che, come tutti i personaggi di Pérez-Reverte, vive ai margini: della vita, della solitudine, della legalità. Un hidalgo senza antenati, di quella virilità antica che solo l'autore spagnolo ha il coraggio di raccontare senza pudori, senza concessioni al politically correct, e con partecipe compiacimento. Forse perché lo stesso Reverte è uno di questi uomini che sembrano usciti dalla penna di Dumas: reporter di guerra, non si vergogna di fare il "lavoro sporco", ma lo abbandona quando si accorge che i media si sono impossessati dell'arte bellica per trasformarla in evento da audience.    

infinitestorie.it

Non sarà l’uomo più onesto della terra

ma è saldo su buoni valori a fronte di congiunture non favorevoli: perfetto misto di D’Artagnan, Zorro e Don Chisciotte. Parla per lui lo sguardo e, sotto i fieri mustacchi, quel suo mezzo sorriso, indecifrabile, che non scopre i denti, non ha traccia di ilarità e può risultare minaccioso come una stoccata. A teatro, mentre sta per soccombere a un agguato di emissari dell’Inquisitore, viene riconosciuto da uno degli stranieri risparmiati, che con gratitudine lo indica al proprio inclito accompagnatore: ma Alatriste sparisce subito dribblando un ceffo legnoso d’italiano che sarebbe un ottimo “Fracassa” da Commedia dell’Arte, se non fosse un sicario autentico. Il finale rimanda a puntate successive, non meno galvanizzanti: dove ci si troverà nuovamente schierati a fare un tifo appassionato per Alatriste filosofo guerriero, che delle parole sa fare schermaglia affilata al pari della lama e che per il suo giusto agire, perfino i nemici stimano come un cavaliere di stampo antico. 

opinione.it 

.

2016  -  Todo Alatriste

Por primera vez en un solo volumen las siete novelas que componen la serie de Las aventuras del capitán Alatriste.
fb/apr - 2016

No era el hombre más honesto ni el más piadoso, pero era un hombre valiente ...
Con esta frase ya legendaria, Arturo Pérez-Reverte daba comienzo, hace veinte años, a la primera de las novelas protagonizadas por el capitán Alatriste, un soldado veterano de los tercios de Flandes que malvive como espadachín en el Madrid del siglo XVII. Sus aventuras constituyen uno de los grandes hitos de la historia editorial reciente en lengua española: la serie, compuesta por siete novelas, ha vendido millones de libros en todo el mundo, ha inspirado cómics, películas, obras de teatro, series televisivas y juegos de rol, y con ella han crecido como lectores miles de jóvenes.
megustaleer.com - 2016

 

 

 

una ventana a la guerra   - articolo integrale

www.perezreverte.com/articulo/perez-reverte/281/una-ventana-a-la-guerra/

 

 

Solo tiene dos amores

que son la vida e la muerte

de ellas tiene sus favores 

mi amigo Pérez-Reverte

 

www.infinitestorie.it

 

 

 

 

 

 

ibs.it

 

 

 

Siede sul bordo della poltrona come se fosse pronto a balzare fuori dal cuoio e correre via: i gomiti sono appoggiati sulle ginocchia, ma le mani si muovono in continuazione, segnando l'aria con la brace della sigaretta perennemente accesa. Fuma pesante, in un mondo di neo-salutisti. D'altronde Arturo Pérez-Reverte non segue mai la corrente, se non quand'è sulla sua barca, su cui si concede lunghi mesi di solitudine, lontano dal mondo. Lo rivedo dopo diversi anni: oggi porta la barba e sembra ancora più giovane di allora, eppure ha 52 anni, dei quali più di venti passati a fare l'inviato di guerra, mestiere che di solito non distende esattamente i lineamenti. Ha un fisico scattante, nodoso, direi. Forse un patto con il diavolo de Il club Dumas, IL ROMANZo che l'ha reso famoso, l'ha fatto veramente. Chissà. O forse è soltanto un uomo che fa quello che gli piace, senza concedere nulla a ciò che il mondo dell'immagine gli chiede. Quasi nulla: oggi è a Milano per presentare il suo ultimo ROMANZo , La Regina del Sud, e questo non rientra nella sua lista delle cose preferite. Ma Teresa Mendoza, la protagonista DEL ROMANZo , una messicana che diventa la Signora della Droga, lo pretende, e lui, da hidalgo, obbedisce. Perché la Mendoza è l'ultima, la più completa delle sue eroine, che cambiano viso e colori, ma sono in fondo sempre la stessa donna.

Ed è la prima volta che Pérez-Reverte sceglie una protagonista femminile

www.infinitestorie.it    intervista alessandra casella

 

 

 

    da reporter a scrittore per sopravvivere all'orrore 

arturo perez reverte

 

 

un giornalista spagnolo spiega i motivi che lo hanno portato lontano dalla guerra

È conosciuto come l’autore del fortunato ROMANZo “Il Club Dumas” da cui ROMAN Polanski  ha tratto l’ancor più noto film “La nona porta”, interpretato da Jonny Depp. Ma in pochi sanno che Arturo Pèrez-Reverte, nato a Cartagena, in Spagna, 53 anni fa, è stato reporter di guerra per 21 anni. Dal Libano all'Eritrea, dal Salvador alle Falklands, dal Ciad all'Iraq alla Bosnia,  Pèrez–Reverte è stato una delle penne d’oro de “El Pueblo” e uno dei migliori collaboratori  della televisione spagnola. I colleghi lo chiamano l’ ‘intrepido’ o ‘Rambito’ per la sua audacia.

Tuttavia anche nella vita di Perez-Reverte arriva il giorno in cui decide di scendere dalla macchina  della guerra. Una decisione che arriva dopo due anni a Sarajevo. “Avevo visto troppe brutte cose in  anni e anni di guerre” ha confessato al Festivaletteratura di Mantova lo scorso settembre  “avevo bisogno di riappacificarmi con me stesso”. Così ora si dedica interamente alla letteratura, soprattutto a storie d’avventura che si leggono d’un fiato grazie al ritmo serrato del sua scrittura.
Niente a che fare con la guerra. Da quella si licenzia con “Territorio Comanche”, un libro leggero  per numero di pagine ma pesante per i giudizi durissimi sui giornalisti di guerra,   spesso cinici e preoccupati solo di filmare una strage e andare in onda in tempo per il telegiornale della sera.
Territorio Comanche per un reporter di guerra” scrive “ è il posto dove l’istinto ti dice di fermare l’auto e tornare indietro. Dove, anche se non vedi nessuno, sai che ti stanno guardando.

 

 

no plagió   ELMUNDOLIBRO.COM | 4 de febrero de 2004

Arturo Pérez-Reverte no plagió el guión de la película Gitano. Así lo ha entendido el juzgado  de instrucción número 29 de Madrid, que ha archivado la querella por plagio presentada  por el guionista Antonio González Vigil hace dos años.                

capitanalatriste.com

 

 

 

Discurso de D. Arturo Pérez Reverte

como doctor honoris-causa de la

Universidad Politécnica de Cartagena

www.upct.es/politecnica/honoriscausa/discurso_perezreverte.mp3

www.perezreverte.com


Charla coloquio de Arturo Pérez Rever Parte 1

Charla coloquio de Arturo Pérez Rever Parte 2

um.es  > download

 

 

 

I miei romanzi sono falsamente storici

Le ricostruzioni sono molto rigorose, ma io non sto parlando di storia, io la uso come pretesto per parlare degli uomini di oggi, del XXI secolo, del loro mondo. La storia mi fornisce una prospettiva, ma in fondo i romanzi che scrivo sono sempre la storia dell'uomo che si è perduto in un territorio nemico, pericoloso e ostile.

Io - riferendomi all'esperienza di giornalista al fronte - ho avuto lo sfortunato privilegio di vivere una vita con molta azione. Questi ricordi mi sono utili per scrivere, il mio lavoro nasce in parte dalla creatività letteraria e in parte dai miei ricordi
notizie.virgilio.it - 2010

 

usted, ¿en qué cree?
Creo en varias cosas.      Que la mejor puñalada se da en la ingle, de abajo arriba.      En guerreros silenciosos y mujeres valientes.     Creo en quienes toda su vida procuran pensar como griegos, pelear como troyanos y morir como romanos.     Creo en que todos morimos solos y a ciegas.      Y que para hacerlo con dignidad se requiere un largo entrenamiento.       Creo en las piedras viejas y en los cuadros oscuros y en los atardeceres rojizos sobre el mar.     Y en parejas jóvenes que se besan.      Y creo en algunas otras cosas que no le contaré nunca.
pepo sàez - tomandounacopa.wordpress.com - 2012

 

 

 

la sindrome della spalla silenziosa

vi è sicuramente capitato di dormire almeno una volta nella vita

accanto ad una spalla silenziosa

 


donne sconosciute

dopo anni di buon matrimonio   lei dice  'me ne vado'

in quel momento vi rendete conto che non avete mai saputo chi fosse quella persona

rainews24 

 

 

NON ERA UNA SIGNORA

www.zendalibros.com/no-una-senora  fb/apr - 2016

Nunca pensó en sí misma - nunca se consideró libre.
mai penso a se stessa - mai si considero libera.
En treinta siglos de literatura y de Historia creo que nunca nadie resumió de modo tan preciso tan bello tan justo y tan triste la historia de las mujeres como la resumen esas nueve palabras.

www.perezreverte.com/articulo/patentes-corso/738/una-mujer-de-treinta-siglos

 

ERA SOLO UNA CAGNA

www.perezreverte.com/articulo/patentes-corso/740/era-solo-una-perra   -  2013

50 tweets ad  APR  sulla letteratura

zendalibros.com/tuiteos-literatura-perezreverte-especial-recomendaciones   -   2018

 

 

 

 

Jodía Pavía - battaglia di pavia  -  nuova edizione 2016
inicialmente publicado por un periódico y es un relato irreverente y muy divertido sobre la Batalla de Pavía de 1525.   Desde su cárcel madrileña, en una carta a su amante Mimí la Garce, el rey Francisco I de Francia rememora la batalla en que fue derrotado y preso en Italia por las tropas de Carlos V.
Esta nueva edición que te ofrecemos ha sido ampliada y retocada en mayo de 2016 por Arturo Pérez-Reverte en exclusiva para Amazon  ...
amazon.es - 2016

https://it.wikipedia.org/wiki/Battaglia_di_Pavia_(1525)

 

 

 

 

 

Vargas Llosa

La literatura no va a desaparecer, pero será cada vez más marginal.

La poesía, la novela, los ensayos… Será un margen muy grande, numeroso, pero ya no representará, de ninguna manera, la orientación central de la cultura, de la vida creativa.

.
Pérez-Reverte

Mario, ¡ es que somos los últimos pistoleros !   -  Se ríen a carcajadas -

.
Vargas Llosa

Estamos cerrando un ciclo …
fernando goitia - zendalibros.com - 2017

 

 

 

 

 

 

PAGINA  1  -  2

 

 

altri autori            home

 

 

PRIVACY