KhALeD HOsSeini

خالد حسینی  lingua dari - persiano

KABUL - 4 MARZO 1965

 

È meglio essere feriti dalla verità che consolati da una menzogna
...

La scrittura narrativa è l'atto di tessere una serie di bugie per arrivare a una verità più grande

Khaled Hosseini

 

 

Figlio di un diplomatico e di un’insegnante -  nato a Kabul il 4.3.1965 -  ultimo di cinque fratelli. Nel 1980 dopo l’arrivo dei russi la sua famiglia ha ottenuto l’asilo politico negli Stati Uniti e si è trasferita a San José in California.
Laureato in medicina all’università di San Diego nel 2003 ha scritto il suo primo ROMANZo - Il cacciatore di aquiloni - diventato uno straordinario caso editoriale tradotto in più di trenta paesi.
Nel 2006 è stato insignito del prestigioso UNHCR Humanitarian Award da parte dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati per l’impegno profuso a favore dei bambini rifugiati.

Vive nel nord della California con la moglie  roya e i due figli Harris e Farah . dal 2004 ha dismesso il camice a favore della scrittura .

hosseini.it

Nell’Afghanistan dove sono nato e cresciuto la famiglia con le sue contraddizioni e tensioni è l’elemento centrale dell’identità di ogni individuo . anche volendo non potrei ignorarla .

il tema della famiglia è presente in tutte le mie opere mi fido ciecamente di  mia moglie roya  perché è onesta e non ha paura di dirmi che una pagina è da riscrivere .

 

 

THE KHALED HOSSEINI FOUNDATION

  

Khaled Hosseini was born in Kabul, Afghanistan, in 1965. His father was a diplomat with the Afghan Foreign Ministry and his mother taught Farsi and History in high school in Kabul. In 1976, the Afghan Foreign Ministry relocated the Hosseini family to Paris. They were ready to return to Kabul in 1980, but by then Afghanistan had already witnessed a bloody communist coup and an invasion by the Soviet army. The Hosseinis sought and were granted political asylum in the United States. In September of 1980, the Hosseini family moved to San Jose, California. Khaled graduated from high school in 1984 and enrolled at Santa Clara University where he earned a Bachelor of Science degree in Biology in 1988. The following year, he entered the University of California at San Diego's School of Medicine, where he earned a Medical Degree in 1993. He completed his residency at Cedars-Sinai Hospital in Los Angeles. Khaled was a practicing internist between 1996 and 2004.
While practicing medicine, Khaled began writing his first novel, The Kite Runner, in March of 2001. In 2003, The Kite Runner, was published and has since become an international bestseller, published in 70 countries. In 2006 he was named a Goodwill Envoy to the United Nations High Commissioner for Refugees, the UN Refugee Agency. His second novel, A Thousand Splendid Suns was published in May of 2007 and has been published in 60 countries.
Khaled has been working to provide humanitarian assistance to the people of Afghanistan through The Khaled Hosseini Foundation. The concept for The Khaled Hosseini Foundation was inspired by a trip to Afghanistan Khaled made in 2007 with the UNHCR. Khaled returned to Afghanistan with the UNHCR in 2009. He lives in Northern California.

 

When UNHCR asked me to work with them as a Goodwill Envoy, I didn't think twice. As a native of Afghanistan, a country with one of the world's largest refugee populations, the refugee issue is one that is close and dear to my heart. My role with the UNHCR is to speak on behalf of the refugee cause and to serve as a public advocate for refugees around the world. It will be my privilege to try to capture public attention and to use my access to media to give voice to victims of humanitarian crises. I look forward to a long and fruitful collaboration with UNHCR.
fb/kh - 2013

 

Raccontare l'Afghanistan non allevia il mio senso di colpa
Sono un po' come Idris uno dei personaggi del mio ultimo romanzo: è un esule che torna a casa dopo tanto tempo ed è felice di essere scappato prima che la situazione precipitasse, ma allo stesso tempo si sente in colpa.

ho scelto di diventare dottore per assicurarmi la stabilità economica che era mancata alla mia famiglia quando è arrivata negli Stati Uniti, esule dall'Afghanistan.  Ma dentro di me ho sempre voluto scrivere.

Il mio punto di forza come scrittore è la capacità di descrivere i rapporti umani, soprattutto quelli familiari. Forse perché sono afghano e per me la famiglia è il nucleo pulsante della vita, è ciò che mi dà l'identità.
repubblica.it - 2013


UNHCR Goodwill Ambassador Khaled Hosseini, a former refugee from Afghanistan, met Syrian refugees during a trip to northern Iraq. The best-selling novelist talked to many of the refugees, including an aspiring young writer.
http://youtu.be/jt_KbgGXHbs  -   video - khaled hosseini visit - iraq   -  fb/kh 2014

 

2017 James C. Morgan Global Humanitarian Award
So honored to receive this recognition from the Tech Museum and to be part of The Tech for Global Good Initiat
ive.
  -kh
fb/kh - 8.9.2017

 

Have spent a few days in & around Catania, Italy

meeting with refugees and hearing their stories. As always, I am in awe of their strength & resilience in the face of unimaginable adversity.
fb/kh - 2.7.2018
  -   https://youtu.be/zbe0YSAMpak

.

It is a balmy June morning here in Catania on the eastern coast of Sicily, and I am visiting a small graveyard, joined by an imam from a nearby mosque. Next door, a few yards away, sits another cemetery: clean, fenced-in grounds and tall, granite headstones, well-watered rows of neatly trimmed rosebushes, a few families paying their respects. But over on this side of the fence, the dead lie nameless. No loving tributes chiselled into marble, no groundskeepers, no flowers. Here the graves are unmarked, neglected mounds, the grass withered, the lot blown through with weeds and trash. The imam and I sidestep sun-warped orange soda bottles, balled-up cigarette packs, a pigeon carcass rotting in the sun at the foot of a grave, a frenzy of bees swarming inside the open gore of its chest.
https://amp.theguardian.com/books/2018/aug/17/khaled-hosseini-refugees-migrants-stories

.

.

.

Lei è un medico, che vive in California a San Josè
«Sì, ma  il mio permesso scadrà e non l’ho rinnovato. Ho lavorato come medico per otto anni e mezzo come internista, ma quando il libro ha cominciato ad avere un grande successo ho dovuto scegliere tra la scrittura e la medicina. E ho scelto la scrittura».

Lei ha una moglie straordinaria, anch’essa afgana, che corregge i suoi libri e con la quale ha due figli.
«Sì, lei corregge e ricorregge due o tre volte i miei libri prima che io li mandi all’editore. E’ una afgana come me e vive negli Stati Uniti da molti anni perché i suoi genitori emigrarono molto presto». 
Leggono i suoi libri a Kabul?
«Purtroppo il 70-80% della gente è analfabeta e non conoscono né me né i miei libri».
Quali sono i suoi scrittori preferiti?
«I poeti persiani, sui quali mi sono formato. E soprattutto Ferdowsi, che ha scritto un grande poema epico “Il libro dei re”. Ho letto Hemingway, McEwan, Fleming. Quando ero ragazzino, e vivevo con i miei genitori in esilio a Parigi, ho letto Verne e Hugo».
lastampa.it

 

GR: Do you approach the work like a journalist? Do you record transcripts, take notes, etc?
No, no. The thing is, I've never done research with the intention of writing, it's just things that I have absorbed.

I went in 2003, for instance, on my own, and I just wanted to educate myself. I just wanted to gain sort of a human dimension to this new story, just for personal reasons. A lot of those stories stayed with me. Since then, I've gone to Afghanistan three separate times on a sort of official capacity with the United Nations Refugee Agency, and there I've had a chance to sit with people and conduct interviews with them somewhat journalistically, to get their perspective on what it's been like to be away from Afghanistan, what life's been like for them since they returned there for the fall of the Taliban, what are the challenges facing them now, so that I can use their stories to provide a backbone for my advocacy for refugees.
You also take a new approach with this novel for you, working with multiple points of view.
I became interested in so many different characters

and I saw how what had happened between the brother and the sister would have impact on so many different people that I just trusted to see where it went. It was like listening to a choir, but one voice at a time and then eventually the cumulative effect was this collective song sung by all these different voices. I had more fun writing this book than either one of my previous two because it was difficult. It was challenging; it really kind of pushed me.
You stopped practicing medicine in 2004. Tell us about your writing process.
When I'm writing a manuscript, I typically take my kids to school at 8 and then I try to do some exercise and I sit down to write at about 9:30 in the morning.

I write on the computer in a small office I have in my house, and I write till about 2, at which point I go and pick up my kids. Once I've picked up my kids from school, then I'm a full-time dad and I try not to write. Although I'm not actually doing any writing, the characters are with me everywhere I go and I'm constantly thinking about it.
interview - goodreads.com - 2013

.

Describe your ideal reading experience (when, where, what, how)
The only two places where I can read for long stretches are in airplanes and in bed at nighttime .

I read actual physical books and have thus far avoided the electronic lure .
If you could meet any writer, dead or alive, who would it be? What would you want to know?
I would download a video of a typical debate of creationism versus evolution in public education   and then I would time-travel to the 19th century and play the clip for Charles Darwin.  

Show him what he started.  And then I would watch for his reaction.
nytimes.com - 2013



 

Progress for women
Afghans are increasingly connected via the Internet and telecommunication.    I have seen, even in remote villages, peasants using cellphones. Indeed, 20 million Afghans today use cellphones, and a recent study showed that nearly half of women own a mobile phone.       Urban women are back in the workforce and voting.      Women occupy 27% of the seats of the lower house of the parliament, and Afghanistan has its first ever female district governor.
Do these improvements go as far and as deep as we all would like?
No.
KH - usatoday.com -  facebook/hosseini - 2013

 

 


Sembra che davanti alle macchine fotografiche e alle telecamere metta una sua controfigura e lui stia lì a guardarsi dall’esterno come non fosse ancora entrato nella parte dell’autore di successo ... è diventato portavoce di chi la voce non ce l’ha di quei milioni di profughi che la storia dell’Afghanistan  - o la storia più vasta che ha al centro l’Afghanistan -  ha lasciato senza casa e disperso.
Pensa che si riuscirà a vederlo in qualche modo in Afghanistan?
Purtroppo il film non sarà distribuito in Afghanistan perché il film e il libro trattano temi che sono seri, rilevanti, importanti, e reali ma che sono ancora argomenti tabù nella società afgana oggi. Non sono sorpreso ma mi dispiace Probabilmente la gente li vedrà in copie pirata di Dvd. Penso che il film avrà lo stesso tipo di reazioni che ha avuto il libro, cioè molti lo ameranno perché riconosceranno i loro problemi, la ,oro cultura le loro tragedie. Ma con il film non sarà lo stesso, non perché le cose che si vedono non sono reali, ma perché sentono che non se ne può parlare. la prospettiva del libro e del film è di affrontare temi di cui non è facile parlare, sono cose che ci dividono, spero che prima o poi ci sia una specie di “prima” del Cacciatore di aquiloni in una sala cinematografica anche in Afghanistan, ma non è una cosa di oggi.
La battaglia degli aquiloni è raccontata molto bene nel film oltre che nel libro. Che rapporto c’è tra il rito della “battaglia degli aquiloni” e il clima che si vive oggi in Afghanistan.
Penso si tratti di una gara esattamente come è una gara il football. Si potrebbe sostenere che lo stesso football è una specie di guerra. Ogni forma di competizione può sfociare in una battaglia. Nella tradizione afgana era una sorta di rito di passaggio, una fase nella crescita di un ragazzo in Afghanistan. Un’immagine indelebile della mia infanzia, un’immagine centrale nei miei ricordi dell’Afghanistan sono proprio gli aquiloni, che hanno plasmato i miei giorni, insieme ai miei fratelli, i miei cugini, ciò che facevamo nelle gare in inverno. Non erano solo gli aquiloni, non era solo la gara, ma il senso di cameratismo, l’essere uniti nel gioco. È stato davvero qualcosa di molto speciale. Ma la battaglia degli aquiloni è una tradizione antica, un gioco che si è fatto per tanto tempo e gli Afgani sono dotati di spirito competitivo. Amano il football, amano le battaglie di aquiloni, la boxe, il wrestling. C’è questa tradizione di essere soldati, una sorta di spirito tribale che li spinge a essere competitivi e tenaci. Fa parte del DNA afgano. Io penso che le battaglie di aquiloni riflettano questo spirito.
In “Mille splendidi soli” parla di un gioco che la piccola Mariam fa con dei sassolini per rappresentare la sua condizione di “bastarda”. Ce ne può parlare?
Entrambi i libri possono essere riassunti come storie di persone salvate dal senso di appartenenza e dall’amore. C’è una terribile solitudine nella vita di Mariam, che vive in una capanna con sua madre, a cui lei sente di non appartenere.
Lei fa questo gioco, usando un ciottolo per ogni fratellastro e sorellastra, che sono i figli legittimi di suo padre, socialmente accettati. Mette tutti i sassolini da una parte e ce n’è uno isolato che sarebbe lei. In effetti lei vive fisicamente lontana da tutti gli altri e si sente emotivamente isolata e estraniata. La cosa interessante per me è stato raccontare la storia di questa persona così sola, il suo semplice bisogno di appartenere a qualcuno, di trovare amicizia, di contare qualcosa nella vita di qualcuno, e fare in modo che i suoi sogni semplici fossero il motore di tutto IL ROMANZo , fino alla fine quando lei può guardarsi indietro e dirsi “anche se sembravo essere una persona irrilevante, alla fine ho fatto qualcosa, ho contato qualcosa per qualcuno”. Scrivere quei passi mi ha davvero commosso.

luciano minerva rainews24

 

SEA PRAYER - 2018
AND THE MOUNTAIN ECHOED - 2013
I cieli di Kabul - Interviste - 2007
MILLE SPLENDIDI SOLI
- 2007
IL CACCIATORE DI AQUILONI
- 2004
+ EDIZIONE SPECIALE ILLUSTRATA 2006
.
PRESENTE AL SALONE DEL LIBRO TORINO  2014
.
hosseini at PEN's
First Editions/Second Thoughts - 2014
     to advance literature and defend  freedom of expression
.
Steinbeck Award & San Jose State University 2014
.

www.unhcr.org/khaled-hosseini

 http://khaledhosseini.com

https://twitter.com/KhaledHosseini

www.facebook.com/khfoundation

khaledhosseinifoundation.org

http://instagram.com/khosseini

John Steinbeck Award
I am greatly honored to be given an award named after John Steinbeck, not only an icon of American literature but an unrelenting advocate for social justice who so richly gave voice to the poor and disenfranchised . both as a person and a writer, I count myself among the millions on whose social consciousness Steinbeck has made such an indelible impact.

blogs.sjsu.edu - 2014

 

 

 

sea prayer - PREGHIERA DEL MARE
A short, powerful, illustrated book written by beloved novelist Khaled Hosseini in response to the current refugee crisis, Sea Prayer is composed in the form of a letter, from a father to his son, on the eve of their journey. Watching over his sleeping son, the father reflects on the dangerous sea-crossing that lies before them. It is also a vivid portrait of their life in Homs, Syria, before the war, and of that city’s swift transformation from a home into a deadly war zone.
- We are living in the midst of a displacement crisis of enormous proportions, SEA PRAYER is an attempt to pay tribute to the millions of families, like Alan Kurdi’s, who have been splintered and forced from home by war and persecution -

- Ci troviamo nel mezzo di una crisi migratoria di enormi proporzioni. Sea Prayer vuole essere anzitutto un tributo a milioni di famiglie che come quella di Alan sono state costrette ad abbandonare il proprio paese e la propria vita e sono state distrutte e violentate dalla guerra e dalla persecuzione -

fb/kh - 21.2.2018   -   penguinrandomhouse.com - 2018

Thank you everyone for the overwhelmingly kind messages about the release of Sea Prayer. It is my hope that this short illustrated book will shine a human light on the struggles and suffering of countless refugees around the planet whose lives have been shattered by violence and persecution. Sea Prayer, intended for Both YA and adult readers, will feature truly gorgeous illustrations by the London based artist Dan Williams. All of my proceeds from this book will benefit refugees through UNHCR, the UN Refugee Agency, and the work of The Khaled Hosseini Foundation. I thank all of you for your support, loyalty, and kindness.
Peace and blessings,
Khaled
fb/kh - 21.2.2018

Friends,    I am so delighted to reveal the first illustration from 'Sea Prayer.'
Available in the UK on August 30th and the US on September 18th. Gorgeously illustrated by Dan Williams. Some proceeds will go to UNHCR, the UN Refugee Agency and The Khaled Hosseini Foundation to help fund life-saving relief efforts to help refugees around the globe.
'Sea Prayer' holds deep personal significance to me, and I am counting the days until I can share it with you all.  - Khaled
fb/kh 4.7.2018

I have written this short book, SEA PRAYER, in the hope that it will spark compassion and much-needed conversation  ...  I wanted to highlight this unimaginable despair, unfathomable desperation .
fb/kh - 5.9.2018 - channel4.com

A reminder to all my readers that Sea Prayer is not a novel. It is a short and illustrated book with beautiful artwork by artist Dan Williams. I hope you will share it with friends and family.
fb/kh - 8.9.2018

Preghiera del mare è la lettera di un padre al suo bambino, di notte, su una spiaggia buia, con persone che parlano ‘lingue che non conosciamo’.

fanpage.it - 2018

Preghiera dal Mare raccoglie in forma di lettera le riflessioni di un padre che guarda il proprio figlio dormire durante il viaggio che sperano li porterà verso una vita migliore. L’uscita avverrà in occasione del terzo anniversario della morte di Aylan Kurdi, il bambino siriano di 3 anni il cui corpo era stato sospinto dalla marea su una spiaggia turca.
semlibri.com - 2018

. ricavato TOTALE delle vendite all’UNHCR e Fondazione Khaled Hosseini .

.

MIO CARO MARWAN

Figlio mio, guardo il tuo profilo alla luce dello spicchio di luna che rischiara il cielo

il tuo sonno innocente    le ciglia che sembrano disegnate
Ti ho detto :  Dammi la mano .   Non ti succederà niente di male

lettera del padre al  bambino

Oh, but if they saw, my darling.     Even half of what you have

If only they saw.     They would say kinder things, surely
facebook.com/videos  - kh reads from sea prayer

 

 

 

And the Mountains Echoed
I am forever drawn to family as a recurring central theme of my writing . My earlier novels were, at heart, tales of fatherhood and motherhood. My new novel is a multi-generational-family story as well, this time revolving around brothers and sisters, and the ways in which they love, wound, betray, honor, and sacrifice for each other. I am thrilled at the chance to share this book with my readers.

novel-discussions.blogspot.it - facebook.com/khfoundation  -   facebook.com/KhaledHosseini   -   2012
The author, who now works as a Goodwill Envoy for the United Nations High Commissioner for Refugees, said it was fine for the war to be used in popular entertainment, such as the series Homeland, "as long as it is done in a responsible way" and not simply to provide an edge or to push an agenda. "People do have to be told a story. And people who pick up my books want to be told a story too," he said.
vanessa thorpe - guardian.co.uk - 2012

a new novel about how we love, how we take care of one another, and how the choices we make resonate through generations.

Hosseini is a Goodwill Envoy to the United Nations High Commissioner for Refugees, the UN Refugee Agency, and the founder of The Khaled Hosseini Foundation, a nonprofit which provides humanitarian assistance to the people of Afghanistan.

amazon.com 2012  -   facebook/hosseini

In your book one of the main characters is an Afghan-born physician in America, like you. He is embarrassed that he’s sweating the details of his new home theater while his countrymen are suffering. Do you have similar guilt?
Of course. I always have. The only reason I’m not where they are is just pure luck, it’s just a stupid genetic lottery. It’s an unmerited gift to have this life. My books became successful way beyond any reasonable expectation and were about those people on the streets. I felt that in some way I had profited from their wretchedness.

abdrew goldman - nytimes.com - 2013

Mi dicono che devo guadare acque dove presto annegherò.       Prima di immergermi lascio questo sulla spiaggia per te.       Prego che tu lo possa trovare sorella -  perché tu sappia cosa c’era nel mio cuore quando sono finito sott’acqua .

.

È là che sono nata.   Ah bon?   Guarda fuori.   Sei fortunata.
Perché ?   A sapere da dove vieni.   Non credo di averci mai fatto caso.
Bah, certo che no.   Ma è importante saperlo.    Conoscere le proprie radici.    Sapere dove hai cominciato a formarti come persona. Altrimenti la vita finisce per sembrarti irreale.   Come un puzzle.    Vous comprenez ?    Come se ti mancasse l’inizio di una storia e ora che ti ritrovi a metà cerchi di capire.

.

La verità è che, malgrado le difficoltà insormontabili, tutti noi aspettiamo sempre che ci succeda qualcosa di straordinario.

.

Imparai che il mondo non vede la tua anima, che non gliene importa un accidente delle speranze, dei sogni e dei dolori che si nascondono oltre la pelle e le ossa. Era così: semplice, assurdo e crudele. I miei pazienti lo sapevano. Capivano che gran parte di ciò che erano dipendeva, o poteva dipendere, dalla simmetria della loro struttura ossea, dallo spazio tra gli occhi, dalla lunghezza del mento, dalla punta del naso, se il naso si univa alla fronte con un angolo ideale o meno.

La bellezza è un dono gigantesco, immeritato, dato a caso, stupidamente.

.

Ben oltre le idee di giusto e di sbagliato c’è un campo. Ti aspetterò laggiù' .

http://youtu.be/GYaLVi_vLzw    -  KH  signing book - bloomsbury institute  - 2013

E l'eco rispose

Che cosa ha detto sua moglie del libro?
Roya è la mia editor privata. Non mi dà idee però è bravissima a capire cosa funziona e cosa non funziona nel racconto, a distinguere il vero dall’artificioso. È un dono molto raro il suo, e anche se non ha mai vissuto in Afghanistan, mi fido ciecamente di lei perché è onesta e non ha paura di dirmi che una pagina è da riscrivere.

lei sceglie accortamente di tenersi lontano da facili “happy ending”.
Il libro inizia con una favola ma finisce con la vita che, per definizione, è caotica e non è mai fatta di convenienti simmetrie. La realtà se ne frega delle nostre aspirazioni e dei nostri desideri: va avanti per la sua strada, ferendoci e facendoci soffrire.
alessandra farkas - corriere.it/sette - 2013

E’ un romanzo che esplora i diversi modi di amare, di prendersi cura gli uni degli altri, e di come le scelte che facciamo vadano a ricadere sulle generazioni future. In questa storia che ruota attorno non solo a genitori e figli, ma anche a fratelli e sorelle, Hosseini esplora i molti modi in cui i membri delle famiglie possono amarsi, ferirsi ma anche sacrificarsi l'uno per l'altro. E’ lo snodarsi di un viaggio attorno al mondo - da Kabul a Parigi passando per San Francisco e le isole greche - attraverso lo sguardo di diverse generazioni sul complesso universo che regola gli affetti tra fratelli e delle diverse sfumature che può assumere l’amore.
La famiglia è un tema ricorrente e centrale della mia narrativa. Il mio nuovo romanzo attraversa la storia di una famiglia lungo diverse generazioni, concentrandosi questa volta sul rapporto tra fratelli e sorelle, su come si amano, si feriscono e tradiscono, ma anche su come si stimano e si sacrificano l’uno per l’altro. Sono emozionato alla prospettiva di condividere questo nuovo libro con tutti i miei lettori.

marina jonna - cultura.panorama.it -   ansa.it - 2013

La struttura non è lineare, è fatta di tanti piccoli episodi che però non ho pianificato; ho descritto una serie di personaggi che per diversi motivi sono da vedersi al di fuori dello stile narrativo. Vedo questo libro come un albero, che ha un tronco ma poi una serie di rami che sono diramazioni della storia principale.
sara bauducco - gliamantideilibri.it - 2013

Voglio lasciarmi andare, voglio farmi catturare, rinunciare ai miei punti di riferimento, sgusciar fuori dalla persona che sono, abbandonarmi tutto alle spalle, come un serpente che si libera della sua vecchia pelle.

. TRADOTTO IN MOLTE LINGUE E PRIMO NELLA CLASSIFICA  2013

. Goodreads Choice Award for Fiction  2013

. winner for the CBC Bookie Award 2014

 

 

Ho imparato che si deve fare appello

a un certo grado di umiltà e indulgenza

quando si giudicano i meccanismi del cuore

di un’altra persona

e l'eco rispose

nothing good came free -  even love

you paid for all things

and if you were poor suffering was your currency
and the mountain echoed

 

.

http://youtu.be/9Zph_3MRq6Q -   mountains echoed

http://youtu.be/tY2Kjgsd5l4   -   http://youtu.be/QuhZNj8etvY 

www.rai.tv/dl/RaiTV  -  ospite a che tempo che fa - 12.10.2013

http://video.repubblica.it/edizione/milano/hosseini  - milano - KH racconta barzelletta al pubblico

.

 

Sono profondamente grato a voi lettori italiani  .  Grazie per aver letto i miei libri So che siete persone di buona volontà  e spero di avervi regalato intrattenimento e sollievo con i miei romanzi
fb/KH-opiemme - 2013

I miei libri raccontano un Afghanistan diverso da quello conosciuto in Occidente
Personalmente, quando io sono tornato in Afghanistan ho avuto un tremendo shock culturale. Ma non per quello che ho visto lì, bensì per quello che mi sono accorto era la California quando sono rientrato. È stato come se avessi aperto gli occhi per la prima volta su tutte le cose banali, mondane, superflue e ridicole della vita lì, alle quali noi diamo sempre troppa importanza. È come se avessi dovuto modificare tutto a un tratto la mia prospettiva sulla vita e venire a patti con questo senso di colpa nei confronti dell’Afghanistan. Ecco perché ho creato una mia Fondazione, il cui scopo è quello di sostenere i profughi, per trasformare questo senso di colpa, questo sentimento negativo, in qualcosa di positivo e utile per quelle persone.
libreriamo.it - 2013
http://youtu.be/fe49YtTPZo8

Khaled has been shortlisted for the International Author of the Year for the UK's Specsavers National Book Awards
nationalbookawards.co.uk - 2013

 

 

 

 

 

 


I cieli di Kabul - Interviste
La vita e l'opera letteraria di uno dei più nuovi e famosi scrittori dei nostri tempi. Il ricordo della sua infanzia è tutto concentrato su Kabul, la sua città natale che ricorre con le sue voci, la sua gente, i suoi cieli in tutta la sua opera. Non è solo nostalgia ma ricordo profondo, memoria di un paese martoriato dalla guerra e dalla violenza. Nelle sue parole ritorna la storia antica e civile di un Afghanistan che non c'è più. Un libro di straordinario impatto per conoscere i lati nascosti e i sentimenti di un grande scrittore.
unilibro

 

 



MILLE SPLENDIDI SOLI
A quindici anni, Mariam non è mai stata a Herat. Dalla sua kolba di legno in cima alla collina, osserva i minareti in lontananza e attende con ansia l’arrivo del giovedì, il giorno in cui il padre le fa visita e le parla di poeti e giardini meravigliosi, di razzi che atterrano sulla luna e dei film che proietta nel suo cinema. Mariam vorrebbe avere le ali per raggiungere la casa del padre, dove lui non la porterà mai perché Mariam è una harami, una bastarda, e sarebbe un’umiliazione per le sue tre mogli e i dieci figli legittimi ospitarla sotto lo stesso tetto. Vorrebbe anche andare a scuola, ma sarebbe inutile, le dice sua madre, come lucidare una sputacchiera. L’unica cosa che deve imparare è la sopportazione.
Laila è nata a Kabul la notte della rivoluzione, nell’aprile del 1978. Aveva solo due anni quando i suoi fratelli si sono arruolati nella jihad. Per questo, il giorno del loro funerale, le è difficile piangere. Per Laila, il vero fratello è Tariq, il bambino dei vicini, che ha perso una gamba su una mina antiuomo ma sa difenderla dai dispetti dei coetanei; il compagno di giochi che le insegna le parolacce in pashtu e ogni sera le dà la buonanotte con segnali luminosi dalla finestra.
Mariam e Laila non potrebbero essere più diverse, ma la guerra le farà incontrare in modo imprevedibile. Dall’intreccio di due destini, una storia indimenticabile che ripercorre la Storia di un paese in cerca di pace, dove l’amicizia e l’amore sembrano ancora l’unica salvezza.

isbn - bol

VERSIONE TEATRALE  A san diego e SAN FRANCISCO  E   8 BETTY MITCHELL AWARDS NOMINATIONS - fb/kh - 20.4.2018

 

 

Imparalo adesso e imparalo bene figlia mia

Come l’ago della bussola segna il nord

 così il dito accusatore dell’uomo

trova sempre una donna cui dare la colpa

Sempre

Ricordalo Mariam

...

Capire quando non si può più cambiare nulla

è la giusta punizione per chi è stato spietato

...

One could not count the moons that shimmer on her roofs
Or the thousand splendid suns that hide behind her walls
a thousand splendid suns

 

 

Dopo aver finito Il cacciatore di aquiloni, ho accarezzato per qualche tempo l’idea di scrivere una storia che parlasse di donne afghane. Quel primo romanzo era una storia tutta al maschile: tutti i personaggi principali, forse con l’eccezione della moglie di Amir, Soraya, erano uomini.

.
Mariam aveva cinque anni la prima volta che sentì la parola harami. Accadde di giovedì. Doveva essere per forza un giovedì,
perché ricordava di essersi sentita inquieta e pensierosa tutto il giorno, come le capitava di sentirsi soltanto di giovedì, il giorno in cui Jalil veniva a trovarla alla kolba.

mille splendidi soli

Animato della stessa straordinaria forza narrativa che ha fatto del precedente ROMANZo un classico amato in tutto il mondo, Mille splendidi soli è a un tempo un’incredibile cronaca della storia dell’Afghanistan degli ultimi trent’anni e una commovente storia di famiglia, amicizia, di fede e della salvezza che possiamo trovare nell’amore. Nate a distanza di una generazione e con idee molto diverse, Miriam e Laila sono due donne che la guerra e la morte hanno costretto a condividere un destino comune. Mentre affrontano i pericoli che le circondano – sia nella loro casa che per le strade di Kabul – Miriam e Laila danno vita a un rapporto che le rende sorelle e che alla fine cambierà il corso delle loro vite e di quelle dei loro discendenti. Con grandissima sensibilità, Hosseini mostra come l’amore di una donna per la sua famiglia possa spingerla a gesti inauditi e a eroici sacrifici, e come alla fine sia l’amore, o persino il ricordo di esso, l’unica via per sopravvivere. La storia di una stagione indimenticabile, di un'amicizia e di un amore indistruttibili.
unilibro

he published A Thousand Splendid Suns—and helped his audience see the faces of the women under the burqas.
Hosseini's stories are set against the backdrop of Afghanistan's tumultuous history. His complex portrayal of human nature, however, transcends geographic boundaries. In more than 40 languages, readers everywhere can recognize the best and worst in humanity in his characters—often in the same person.

time.com

La descrizione dura e violenta di una società in cui le donne non hanno diritti, dove l'unica legge è quella religiosa e la sopraffazione è la regola. Un romanzo dalla trama avvincente, animato da personaggi delineati con intelligenza e scritto con passione.

mondadorieducation.it

www.youtube.com/watch?v=S4kyalTT_wY  -   thousand splendid suns

www.khaledhosseini.com

  

 

 

 

 

Vorrei essere guardato e non soltanto visto

essere ascoltato e non soltanto udito
...

In ogni vita ci sono amicizie che non possiamo tradire

il cacciatore di aquiloni


IL CACCIATORE DI AQUILONI
Si dice che il tempo guarisca ogni ferita. Ma, per Amir, il passato è una bestia dai lunghi artigli, pronta a inseguirlo e a riacciuffarlo quando meno se lo aspetta.
Sono trascorsi molti anni dal giorno in cui la vita del suo amico Hassan – il ragazzo dal viso di bambola, il cacciatore di aquiloni – è cambiata per sempre in un vicolo di Kabul. Quel giorno, Amir ha commesso una colpa terriSan Francisco, capisce di non avere scelta: deve partire, tornare a casa, per trovare il figlio di Hassan e saldare i conti con i propri errori mai espiati. Ma ad attenderlo, a Kabul, non ci sono solo i fantasmi della sua coscienza. C’è una scoperta sconvobile. Così, quando una telefonata inattesa lo raggiunge nella sua casa di lgente, in un mondo violento e sinistro dove le donne sono invisibili, la bellezza è fuorilegge e gli aquiloni non volano più.
Trent’anni di storia afgana – dalla fine della monarchia all’invasione russa, dal regime dei Talebani fino ai giorni nostri – rivivono in questo ROMANZo emozionante e pieno d’atmosfera, diventato ormai un caso internazionale.
Pubblicato in sordina negli Stati Uniti nel 2003, grazie al passaparola dei lettori e ai suggerimenti dei librai il “bestseller silenzioso” ha già venduto quattro milioni di copie solo sul mercato americano, e in Italia ha raggiunto il vertice di tutte le classifiche.

isbn - bol
Il cacciatore di aquiloni è la storia di un'amicizia dolorosamente spezzata, di un ragazzino che per conquistare l'affetto del padre è disposto a commettere una colpa terribile, di un Paese - l'Afghanistan - che decenni di guerre hanno trasformato in una landa desolata.Amir e Hassan, nutriti al seno della stessa balia, sono amici inseparabili, compagni di giochi, affiatati e forti nella gara di aquiloni che ogni anno, d'inverno, colora il cielo di Kabul. Il legame, però, si infrange. Nel 1978, al momento dell'invasione russa, Amir e il padre fuggono negli Stati Uniti, mentre Hassan rimane in Afghanistan. Molti anni dopo, una telefonata sorprende Amir nella sua casa in California: dovrà tornare a Kabul e cercare il figlio di Hassan. Ad attenderlo un Paese distrutto, affamato, dove non volano più gli aquiloni, dove le donne sono invisibili e «ci sono tanti bambini, ma manca l'infanzia». Il viaggio di Amir sarà un viaggio attraverso i tormenti dell'animo, l'orrore, la sofferenza. Ma il libro si chiude con l'immagine di un cielo solcato dagli aquiloni. E con un sorriso. «Abbozzato, ma pur sempre un sorriso». Struggente e bellissimo, IL ROMANZo , nella sua edizione per la scuola, si presta a un lavoro interdisciplinare tra letteratura e storia contemporanea, grazie anche agli apparati didattici presenti nel volume.
unilibro

gli aquiloni di Kabul
Il famoso bestseller non è mai uscito in patria. L'autore sotto accusa: «Il suo Afghanistan è falso»
Il ROMANZo «Il cacciatore di aquiloni»
è stato scritto in inglese, tradotto in una quarantina di lingue, ha venduto sette milioni di copie, ha ispirato un film, ma non è mai stato tradotto in Afghanistan. Cioè i primi, naturali, certamente scarsi e non facoltosi destinatari di quel racconto, i lettori che vivono nella terra d’origine dell’autore Khaled Hosseini, sono rimasti in disparte, esclusi dal grande banchetto editoriale e commerciale. Eppure il libro racconta una storia afghana, scritta da un uomo nato e vissuto in quel Paese fino a dodici anni, emigrato prima di conoscere tutte le stagioni della guerra che ancora oggi continua in quelle contrade. Gli agenti letterari americani di Hosseini, protettivi come le guardie del corpo di un cantante o di un attore cinematografico, si rifiutano di dire quante volte l’autore sia ritornato nel suo Paese, quanto tempo della sua vita sia trascorso effettivamente in Afghanistan, come se avesse una nazionalità originaria molto fragile, appannata, virtuale. Lo stesso scrittore, dopo un viaggio a Kabul lo scorso settembre con una delegazione dell’Onu, scriveva su «Newsweek»: noi occidentali abbiamo l’imperativo morale di assistere questo popolo, come ci dicono i sondaggi.       ...

valerio pelizzari -  lastampa.it 

.

Khaled Hosseini shows his support of ‪#‎BannedBooksWeek‬, highlighting one of his favorite banned books. The Kite Runner is a commonly challenged book ...
fb/kh - 2014

 

there are a lot of children in afghanistan but little childhood

In Afghanistan oggi esistono tanti bambini ma non esiste più l’infanzia
.

Non è vero, come dicono molti, che si può seppellire il passato

Il passato si aggrappa con i suoi artigli al presente

the kite runner

***

banned and challenged YA books
. The Bluest Eye -  Toni Morrison
. The Kite Runner -  Khaled Hosseini
. The House on Mango Street
- Sandra Cisneros

. 1984 - george orwell
latimes.com - 2015

 

 

 

 

 

The animal’s scientific name Aquilonifer spinosus got the inspiration of its name from the 2003 novel The Kite Runner by Khaled Hosseini, with the first word in its name a combination of the Latin words for eagle/kite and carry.
melissa taylor - modernreaders.com - fb/khf - 2016

 

 

 

 

. Khaled Hosseini scrisse Il cacciatore di aquiloni di getto in un anno tra le 5 e le 8 del mattino prima di andare a lavorare come medico tirocinante.
 
luigi mascheroni - ilgiornale.it - 2013

. diventa una graphic novel per iPhone. La storia di Amir e Hassan interamente illustrata con splendide tavole a colori la trovi solo sull’App Store.

. IL CACCIATORE DI AQUILONI IN FORMA GRAFICA DIGITALE   -    www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=KEHM_JuCfQI#!

. la casa bianca pubblica la lista dei libri acquistati da barack obama  - comprendente  anche kite runner - dic 2013

.

http://youtu.be/KEHM_JuCfQI -  il cacciatore di aquiloni - fumetto

http://youtu.be/2oWstZMSMVo  - intervista 2013

http://youtu.be/A0_4sH7yAN8  -   scena finale del film

 

Non mi era mai passata per la mente l’idea che qualcun altro potesse leggere questo libro. Sapevo che mia moglie Roya l’avrebbe fatto, così come i miei genitori, fratelli e parenti acquisiti. Immaginavo che uno o due cugini si sarebbero persuasi a dargli un’occhiata ...  

Grazie per aver letto questo libro e che i vostri aquiloni volteggino sempre più in alto .

prefazione - facebook/hosseini
Hosseini never expected it to succeed but when success arrived he realized he had to make a choice.   He gave up his medical practice and focused on writing.

georgia rowe - mercurynews.com -  facebook/hosseini  -  2013

 

 

KITE RUNNER
In The
Kite Runner, do you create characters and events that are based on personal recollections or is the story purely fictional?
The story line of my novel is largely fictional. The characters were invented and the plot imagined. However, there certainly are, as is always the case with fiction, autobiographical elements woven through the narrative. Probably the passages most resembling my own life are the ones in the US, with Amir and Baba trying to build a new life for themselves. I, too, came to the US as an immigrant and I recall vividly those first few years in California, the brief time we spent on welfare, and the difficult task of assimilating into a new culture. My father and I did work for a while at the flea market and there really are rows of Afghans working there, some of whom I am related to.
I wanted to write about Afghanistan before the Soviet war because that is largely a forgotten period in modern Afghan history. For many people in the west, Afghanistan is synonymous with the Soviet war and the Taliban. I wanted to remind people that Afghans had managed to live in peaceful anonymity for decades, that the history of the Afghans in the twentieth century has been largely pacific and harmonious.

newsline.com.pk
You had mentioned that the character Hassan was the original protagonist of the novel. Why did you change it to
Amir?
Amir is so much more conflicted than Hassan. He is such a troubled character, so flawed. He is often a contradiction. He wants to be a good person and is horrified at his own moral shortcomings even as he can't stop himself. In other words, he is a better protagonist for a novel -maybe I should say more dynamic-- than Hassan, who is so firmly rooted in goodness and integrity. There was a lot more room for character development with Amir than Hassan.
afghanmagazine.com

You wrote “The Kite Runner” every morning before going to work as an internist. At 4 a.m., were you envisioning a life of lucrative best sellers?
Oh, no, no. I never intended to publish the thing. I never thought it would be any good. I just wanted to tell myself that I had written a novel. My wife is my in-home editor and reads everything I write. I was two-thirds of the way through on Sept. 11. She said: “If you finish this book, you really have to send it, because every story about Afghanistan is the same horrible things — terrorists, drugs, Bin Laden, the Taliban. Our book is beautiful in a way. It’s a different take on Afghanistan.”
andrew goldman - nytimes.com - 2013

.

DOPO 10 ANNI dalla prima pubblicazione  -  edizione con  nuova prefazione dello scrittore - 2013

versione teatrale dal 2009

.

When Khaled Hosseini took his family to see a theatrical version of his best-selling novel The Kite Runner, it had an unexpected effect on him.
'I hadn’t read the book in years -  he explains - and so some of the really emotionally powerful moments in the story took even me by surprise.
'I knew what was coming. But seeing it on stage it did affect me – and it really did connect with the audience, they loved it.'
Writing books is an often solitary, even lonely existence, so finding himself in the midst of a crowd, all watching the interpretation of his original thoughts was, the 49-year-old admits -   'an intense and bizarre experience'.

catherine jones - liverpoolecho.co.uk -   fb/kh 2014

 

 


1   -   PAST AND PRESENT

english

 

2  -  VIDEO RAI INCONTRI  -   italiano

 

http://youtu.be/9uXFuJgFzcU  -  takeaction.unhcr.org -  UNHCR goodwill envoy

https://youtu.be/4i9GmYU7LPU - KHFoundation - 2018

https://youtu.be/wKT32LaAjYk - giornata mondiale del rifugiato - 2018

 

 

 

have you ever considered writing a play?
I struggle enough doing the thing that I’m supposed to be doing, let alone trying on something new. I have enough humility to appreciate that writing plays is an entirely different art form and not something that I would just approach flippantly. It’s difficult enough to write books. I can only imagine that writing a play would be even more difficult for me. I can hit the ground running if I’m writing a book. I can get into a groove and get going. I’m not saying it’s easy. A lot of times what comes out is not very good. But at least I know where to start. But writing a play, I wouldn’t know how to begin.
suzy evans - americantheatre.org - 2017

*

.

So enormously proud of my son Haris for coming in third in Oratory on the big stage at the National Speech & Debate Association National Tournament in Fort Lauderdale. I appreciate your hard work and many sacrifices, Haris. Keep at it. I love you.
fb/kh - 24.6.2018

.

 

books always have been & always will be our most effective devices of empathy

- a virtue urgently needed nowadays
happy #worldbooksday

fb/kh - 23.4.2017

.

But that is what art is for

for us to overcome our limitations and encounter something true
fb/kh - 4.5.2018

 

 

 

 

 

 

If my book generates any sort of dialogue among Afghans 

then I think it will have done a service to the community

 

un buon scrittore   deve sensibilizzare la gente  di fronte alla guerra e alle tragedie

 

 

 

 

 

 

4 marzo  - HBD !

 

 

 

 

altri autori          home

PRIVACY