marguerite duras      4

c'est tout

 


 

. . . QUI ES-TU ? . . .
TU ME PLAIS

QUEL ÉVÉNEMENT

TU ME PLAIS 
QUELLE LENTEUR TOUT À COUP
QUELLE DOUCEUR   
TU NE PEUX PAS SAVOIR

 

 

 

 

 

 


https://youtu.be/He3dO1R0mk8

Voi e il mare
siete una cosa sola
per me
un unico oggetto
quello della mia parte
in questa avventura
Anch’io guardo il mare
Voi dovete guardarlo come me
come io lo guardo
con tutte le mie forze
al vostro posto
l'uomo atlantico


                 
regardant la mer    -   sur la plage


C’est la nuit à Calcutta .    Quel enfer, le Gange qui charrie les morts, les ordures .
Je n’y arriverai pas .   Impossible .   Une agonie  . Tout simplement impossible  .
Alors quoi dire, que faire ?

vice‑consul  1965

 


 

1914

4 avril - Naissance de Marguerite Donnadieu à Gia Dinh en Indochine.

Son père est professeur de mathématiques, et sa mère institutrice. Marguerite a deux frères plus âgés qu’elle.

1918

Mort du père

1921

Retour en France

1922

Retour en Indochine. Elle vit à Phnom-Penh, Vinh-Long, Sadec. Sa mère achète une concession incultivable à Prey-Nop (Cambodge).

1930

Saigon. Loge à la pension Lyautey. Etudes secondaires au lycée Chasseloup-Laubat.      Huynh Thuy Le

1932   -  1933

Retour définitif en France après le baccalauréat. Vit à Paris. Etudes de mathématiques, de droit, de sciences politiques.

1937

Emploi au Ministère des Colonies.

1939

Mariage avec Robert Antelme

1942

Publie en collaboration avec Philippe Roques, L’Empire français, Gallimard. Travaille au Cercle de la Librairie. La Famille Taneran est refusé par Gallimard. Mort de son premier enfant. Mort de Paul, son plus jeune frère durant la guerre sino-japonaise. Rencontre avec

Dyonis Mascolo

1943

Publication des Impudents sous le pseudonyme de Marguerite Duras - village du Lot et Garonne ou se trouvait la maison de son pere.  Vit au 5, rue Saint-Benoît, Paris VIème. Fréquente Genêt, Michaux, Bataille, Merleau-Ponty, Leibowitz, Morin … Adhère avec Robert Antelme et D. Mascolo au Mouvement national des prisonniers de guerre. Activités dans la Résistance aux côtés de François Mitterrand - Morland .

1944

Arrestation et déportation de Robert Antelme à Buchenwald, puis Dachau (voir La Douleur).
Adhésion au parti communiste.

Publication de La Vie tranquille.

1945

Libération de Robert Antelme.
Fonde avec Robert Antelme les Editions de la Cité universelle, qui publient, en 1946, L’An zéro de l’Allemagne d’Edgar Morin, les œuvres

de Saint-Just présentées par D. Mascolo et, en 1947, L’Espèce humaine de Robert Antelme

1947

Divorce de Robert Antelme.
Naissance de son fils Jean Mascolo, dit
Outa

1950

Publication du Barrage contre le Pacifique.

Exclusion du Parti communiste.

1852

Le Marin de Gibraltar

1953

Les Petits Chevaux de Tarquinia

1954

Des journées entières dans les arbres

1955

Première pièce de théâtre : Le Square

1957

Se sépare de D. Mascolo
Première expérience journalistique à France-Observateur

1958

Moderato Cantabile
Lutte depuis 1955 contre la poursuite de la guerre d’Algérie, puis contre le pouvoir gaulliste.

1959

Scénario de Hiroshima mon amour pour Alain Resnais  - mort en 2014 -

1960

Entre au jury du prix Médicis, dont elle démissionne quelques années après.
Déclaration sur le droit à l’insoumission dans la guerre d’Algérie.

Fréquente Maurice Blanchot.

1961

Ecrit Une aussi longue absence pour le film d’Henri Colpi. Ce scénario est le fruit d’une collaboration avec Gérard Jarlot, prix Médicis  1963.

1962

L’Après-midi de M. Andesmas

1964

Le Ravissement de Lol. V. Stein

1965

Le Vice-Consul

1966

Coréalise La Musica avec Paul Seban. Rencontre avec Delphine Seyrig

1967

l'amante anglaise

"L'Amante Anglaise devait être représentée sur un podium avancé, devant le rideau de fer baissé, dans une salle restreinte, sans décors ni costumes". Marguerite Duras.
t-n-b.fr/fiche

1968

Participe aux événements de Mai. Lire dans Les Yeux verts le texte politique sur la naissance du Comité d’action étudiants-écrivains,

texte rejeté par le Comité qui se disloque rapidement.

1969

Porte au cinéma Détruire, dit-elle

1970

Abahn Sabana David

1971

L’Amour

1975

Réalise India Song qui obtient le prix de l’Association française des cinémas d’art et d’essai au Festival de Cannes.

1976

Réalise Son nom de Venise dans Calcutta Désert.
Des journées entières dans les arbres est récompensé par le prix Jean Cocteau.

1977

Réalise Le Camion. Se consacre régulièrement au cinéma et publie les textes de ses films.

1978   -   1980

Tourne Le Navire Night, Césarée, Les Mains négatives, Aurélia Steiner. Publie L’Eté 80.

Rencontre Yann Andréa son dernier compagnon

1981

Voyage au Canada pour une série de conférences de presse à Montréal. Agatha, Outside - série d’articles réunis avec Yann Andréa.

Aux Etats-Unis, en Italie : Dialogue de Rome.

1982

Cure de désintoxication à l’Hôpital américain de Neuilly (voir M.D. de Yann Andréa).

Publication de L’Homme atlantique et de La Maladie de  la mort.

1984

Prix Goncourt pour L’Amant.

1985

Publication de La Douleur. La prise de position de Marguerite Duras dans l’affaire criminelle dite " affaire Villemin " soulève, à partir

d’un article publié dans Libération le 17 juillet, l’hostilité d’une partie des lecteurs et la polémique chez plusieurs féministes.
Tourne Les Enfants.

1986

Prix Ritz-Paris-Hemingway pour L’Amant, " meilleur ROMAN publié dans l’année en anglais "

1987

Publie Emily L. et La Vie matérielle

1988   -   1989

Grave coma. Hospitalisation

1990

Publication de La Pluie d’été. Mort de Robert Antelme - Sartène 5 gennaio 1917 – Parigi 26 ottobre 1990

1991

L’Amant de la Chine du Nord

1992

Yann Andréa Steiner

1993

Ecrire 

1995

C'EST TOUT

1996

MEURT  a son domicile parisien   -  5 rue Saint-Benoît - LE DIMANCHE 3 MARS .  81 ans - cancer de la gorge.

2014

muore yann andrea a 62 anni -   nel centenario della nascita di m.d.
24 dicembre 1952  Guingamp  -   10 luglio  2014 6e arrondissement de Paris 

librairie-gallimard.com   -   alalettre.com

 

le tre vite di marguerite duras
Alcuni studiosi sono concordi nel dividere la sua vicenda biografica in tre fasi o tre vite
1 - La giovinezza e la prima maturità risentirono del clima della seconda guerra mondiale e del forte slancio che portò la giovane scrittrice di St Germain des Près ad impegnarsi sul fronte della resistenza insieme al marito Robert Antelme deportato a Dachau e all’amico Dionys Mascolo che diventerà in seguito suo compagno.
2 - una seconda fase che coincide con il successo di Una diga sul Pacifico 1950 - di ispirazione autobiografica che la rivelerà al grande pubblico dando inizio agli anni della cosiddetta diversificazione.
3 - i decenni della gloria professionale e della decadenza umana coronata nel 1984 con il prix Goncourt per il romanzo L’amante - riscritto  1991 e pubblicato con il titolo L’amante della Cina del Nord ... La sua ultima opera C’est tout 1995 .
sara rania/mondolibri - blog.graphe.it - 2014

 


 

 

Molto in fretta voi rinunciate
non la cercate più
né nella città
né nella notte
né nel giorno.
Avete potuto vivere questo amore
nel solo modo possibile per voi
perdendolo prima che si realizzasse

testi segreti

 

ina.fr - 1984  

  *

È curioso lo scrittore
È una contraddizione e anche un nonsenso
Scrivere è anche non parlare
È tacere -  è urlare senza rumore
È riposante uno scrittore - ascolta di continuo

 

.

LA SOLITUDINE DELLA SCRITTURA
Esiste un rapporto sotterraneo tra lo scrittore e il libro ancora da scrivere: il ‘non nato’ che urge sotto la nostra pelle, e riempie di vita ulteriore la nostra vita. In questo brano Marguerite Duras ci parla di questo particolare legame, e di come respiri dentro la nostra solitudine.
La solitudine della scrittura è una solitudine senza la quale lo scritto non si realizza o si sbriciola esangue nel cercare cosa scrivere ancora.
Ci vuole sempre una separazione dagli altri intorno a chi scrive libri. È una solitudine, la solitudine dell’autore, quella dello scritto. Tanto per cominciare, ti chiedi che cos’era quel silenzio intorno a te e praticamente a ogni passo che fai in una casa, a ogni ora del giorno, sotto tutte le luci, quella di fuori o quella delle lampade accese anche durante il giorno. La solitudine reale del corpo diventa quella, inviolabile, dello scritto.
Trovarsi in un buco, in fondo al buco, in una solitudine quasi totale e scoprire che soltanto la scrittura ci salverà. Essere senza alcun argomento di libro, senza alcuna idea di libro significa trovarsi, ritrovarsi, davanti a un libro. Un’immensità vuota, un libro eventuale. Davanti a niente. Davanti a una scrittura viva e spoglia, in un certo senso terribile, terribile da sormontare.
Credo che la persona che scrive non abbia nessuna idea di libro, ha le mani vuote, la testa vuota e conosce dell’avventura del libro soltanto la scrittura asciutta e nuda, senza futuro, senza eco, remota, con le sue regole auree elementari: ortografia, senso.
Nella vita viene un momento, credo sia fatale, cui non si può sfuggire, in cui si mette tutto in dubbio:     il matrimonio, gli amici, soprattutto gli amici della coppia. Non il figlio. Il figlio non è mai messo in dubbio. E il dubbio ci cresce intorno. Questo dubbio è solo, è il dubbio della solitudine, nato dalla solitudine. Si può già dire la parola. Credo che molti non potrebbero sopportare quello che dico, scapperebbero. Forse per questo ogni uomo non è uno scrittore. Ecco la differenza, ecco la verità, nient’altro. Il dubbio, è scrivere. Dunque è anche lo scrittore. E con lo scrittore tutti scrivono, lo si è sempre saputo.

Finché c’è il libro che esige di essere terminato, si scrive. Si è costretti a mettersi dalla sua parte. È impossibile buttare un libro per sempre prima che sia completamente scritto, vale a dire: solo e libero da te, che lo hai scritto. È intollerabile quanto un delitto. Non credo a quelli che dicono: “Ho strappato il manoscritto, l’ho gettato”. Non ci credo. O per gli altri non esisteva, ciò che era scritto, o non era un libro. Quando non è un libro, si sa, sempre. Quando non sarà mai un libro, no, non si sa. Mai.
Tutto scriveva nella casa quando scrivevo. La scrittura era ovunque.
Scrivere comunque, nonostante la disperazione. No: con la disperazione. Quale disperazione, non so darle un nome. Scrivere senza imboccare subito la via che porta allo scritto è pur sempre lavorarlo. E tuttavia si deve accettare questo: lavorare lo “scarto” significa tornare indietro verso un altro libro, verso un altro possibile di quello stesso libro.
Quando un libro è terminato, un libro che hai scritto, intendo, non puoi più dire, leggendolo, che è un libro che hai scritto, né quali cose vi siano state scritte, né con quale disperazione o quale felicità, quella di una trovata oppure di un fallimento di tutta te stessa. Perché, alla fine, nel libro non si può vedere niente di simile. La scrittura è in certo qual modo uniforme, placata. Non succede più niente in un libro terminato e distribuito. Esso raggiunge l’innocenza indecifrabile della sua venuta al mondo.
Esser soli con il libro non ancora scritto, significa trovarsi ancora nel primo sonno dell’umanità. Significa anche esser soli con la scrittura ancora incolta. Significa tentare di non morirne.
Non so che cos’è un libro. Nessuno lo sa, ma si sa quando ce n’è uno. E quando non c’è, si sa, come si sa che si è, non ancora morti».
scrivere - 1994     -     www.franceculture.fr/marguerite-duras-ecrire-cest-hurler-sans   -  audio

.

Duras a toujours été une créatrice contre. Elle a écrit contre l’écriture, elle a fait du cinéma contre le cinéma, elle a fait du journalisme contre le journalisme, elle a traduit contre la traduction.
simona crippa - diacritik.com - 2018

amante della scrittura

.

 

 


- La storia della mia vita non esiste.

- Proprio non esiste.

- Non c’è mai un centro, non c’è un percorso, una linea. Ci sono vaste zone dove sembra che ci fosse qualcuno, ma non è vero, non c’era nessuno.

- La storia di una piccola parte della mia giovinezza l’ho già più o meno scritta, insomma l’ho lasciata intravedere, intendo la parte di cui parlo, quella dell’attraversamento del fiume. Ora faccio qualcosa di diverso e di uguale. Prima ho parlato dei periodi limpidi, chiari. Ora parlo dei periodi nascosti di questa stessa giovinezza, di fatti, sentimenti, eventi che avevo dissimulato.

- Ho cominciato a scrivere in un ambiente in cui dovevo farlo con pudore. Scrivere, allora, era ancora un impegno morale. Adesso scrivere sembra che spesso non sia più niente. Talvolta me ne rendo conto: scrivere, o è mescolare tutto in un viaggio che ha per destinazione la vanità e il vento, o non è niente; o si mescola tutto in un’unità per sua natura indefinibile, o si fa soltanto della pubblicità. -

...

One day, I was already old, in the entrance of a public place a man came up to me. He introduced himself and said: ‘I’ve known you for years. Everyone says you were beautiful when you were young, but I want to tell you I think you’re more beautiful now than then. Rather than your face as a young woman, I prefer your face as it is now. Ravaged'.

.

Un jour, j'étais âgée déjà, dans le hall d'un lieu public, un homme est venu vers moi. Il s'est fait connaître et il m'a dit : « Je vous connais depuis toujours. Tout le monde dit que vous étiez belle lorsque vous étiez jeune, je suis venu pour vous dire que pour moi je vous trouve plus belle maintenant que lorsque vous étiez jeune, j'aimais moins votre visage de jeune femme que celui que vous avez maintenant, dévasté.

.

Un giorno, ero già avanti negli anni, in una hall mi è venuto incontro un uomo. Si è presentato e mi ha detto: “La conosco da sempre. Tutti dicono che da giovane lei era bella, io sono venuto a dirle che la trovo più bella ora, preferisco il suo volto devastato a quello che aveva da giovane”. Penso spesso a un’immagine che solo io vedo ancora e di cui non ho mai parlato. È sempre lì, fasciata di silenzio, e mi meraviglia. La prediligo fra tutte, in lei mi riconosco, m’incanto.

.

Presto fu tardi nella mia vita . A diciott’anni era già troppo tardi . Tra i diciotto e i venticinque anni il mio viso ha deviato in maniera imprevista . Sono invecchiata a diciott’anni .  Non so se succeda a tutti, non l’ho mai chiesto .

l'amante - 1984

...
Quel giorno porta in testa
un cappello da uomo con la tesa piatta, un feltro morbido color rosa, con un largo nastro nero. A creare l’ambiguità dell’immagine è quel cappello. Come fosse capitato in mio possesso l’ho dimenticato. Non vedo chi potrebbe avermelo dato. Credo che me l’abbia comprato mia madre, e su mia richiesta. Unica certezza: è un saldo di saldi. Come spiegare quell’acquisto? Nessuna donna, nessuna ragazza porta cappelli da uomo nella colonia, a quei tempi. Neppure le indigene. Ecco come deve essere successo: io mi sono provata quel cappello, tanto per ridere, mi sono guardata nello specchio del negozio e ho visto, sotto il cappello maschile, la magrezza ingrata della mia persona, difetto dell’età, diventare un’altra cosa. Ha smesso di essere un dato grossolano e fatale della natura. È diventato l’opposto, una scelta che contrastava la natura, una scelta dello spirito. ...
alessandro canzian - wordpress.com - 2015

 

 

Lei non lo guarda in viso ... E’ innamorato in modo abominevole

 

 

 

 

Una notte. Lei gli chiede se potrebbe farlo con la mano, senza per questo avvicinarsi, senza neppure guardare. Lui dice che non può. … Se accettasse rischierebbe di non volerla più vedere, mai, e forse anche di farle del male. Dovrebbe lasciare la camera, dimenticarlo. Lei dice che è il contrario, non può dimenticarlo.

Che, dal momento che fra loro non avviene niente, resta il ricordo, ossessivo, di ciò che non avviene .
occhi blu, capelli neri

 

*


Collage autour de la figure de Marguerite Duras dans le village

dont elle tira son nom de plume

artist delphine delas -  misstic


*



WELCOME       DURAS_1      DURAS_2      DURAS_3       DURAS_4
      DURAS_5




altri autori           home

 

 

PRIVACY