marguerite duras       3

 

l’écriture ne m’a jamais quittée

...

Écrire

c'est aussi ne pas parler

C'est se taire

C'est hurler sans bruit

ècrire

  

L’écrit ça arrive comme le vent, c’est nu

c’est de l’encre, c’est l’écrit, et ça passe

comme rien d’autre ne passe dans la vie

rien de plus, sauf elle, la vie

what  I  wanted more than  anything

else  in the  world  was to  write

nothing else but that  ..  nothing  ..

ingrandisci

 

je suis quelqu'un

qui écrit avant tout

Il y a une folie d’écrire,   qui est en soi-même,    une folie d’écrire furieuse mais ce n’est pas pour cela qu’on est dans la folie.    Au contraire. L’écriture c’est l’inconnu.     Avant d’écrire on ne sait rien de ce qu’on va écrire.     Et en toute lucidité. C’est l’inconnu de soi, de sa tête, de son corps.
...
Écrire .   Je ne peux pas .   Personne ne peut .   Il faut le dire, on ne peut pas .   Et on écrit .
C’est l’inconnu qu’on porte en soi écrire, c’est ça qui est atteint. C’est ça ou rien. On peut parler d’une maladie de l’écrit .
Ce n’est pas simple ce que j’essaie de dire là, mais je crois qu’on peut s’y retrouver, camarades de tous les pays .
Il y a une folie d’écrire qui est en soi-même, une folie d’écrire furieuse mais ce n’est pas pour cela qu’on est dans la folie. Au contraire .
L’écriture c’est l’inconnu.    Avant d’écrire, on ne sait rien de ce qu’on va écrire. Et en toute lucidité .
C’est l’inconnu de soi, de sa tête, de son corps.    Ce n’est même pas une réflexion, écrire, c’est une sorte de faculté qu’on a à côté de sa personne, parallèlement à elle-même, d’une autre personne qui apparaît et qui avance, invisible,douée de pensée, de colère, et qui quelquefois, de son propre fait, est en danger d’en perdre la vie .
Si on savait quelque chose de ce qu’on va écrire, avant de le faire, avant d’écrire, on n’écrirait jamais. Ce ne serait pas la peine .
Écrire, c’est tenter de savoir ce qu’on écrirait si on écrivait - on ne le sait qu’après - avant, c’est la question la plus dangereuse que l’on puisse se poser .   Mais c’est la plus courante aussi .
L’écrit ça arrive comme le vent, c’est nu, c’est de l’encre, c’est l’écrit et ça passe comme rien d’autre ne passe dans la vie, rien de plus, sauf elle, la vie .
MD  -  neauphle-le-château 1993
écrire - books.google.it
https://youtu.be/GWnnIz-nGvQ
   - MD -  écrire
.
Si potrebbe dire che questo testo è pura idiozia .    Ho smesso di capire quello che sto scrivendo .     Quando una certa musica è presente, so che il testo progredisce .    Quando la musica si ferma, mi fermo.    Quando ricomincia, ricomincio anch’io .
l’amore

Ce livre n’a ni commencement ni fin, il n’a pas de milieu.      Du moment qu’il n’y a pas de livre sans raison d’être, ce livre n’en est pas un .     Il n’est pas un journal, il n’est pas du journalisme, il est dégagé de l’événement quotidien .     Disons qu’il est un livre de lecture .     Loin du roman mais plus proche de son écriture - c’est curieux du moment qu’il est oral - que celle de l’éditorial d’un quotidien .      J’ai hésité à le publier mais aucune formation livresque prévue ou en cours n’aurait pu contenir cette écriture flottante de  'La vie matérielle',  ces aller et retour entre moi et moi,  entre vous et moi dans ce temps qui nous est commun . 
la vie matérielle

duras ne maîtrise qu'une seule chose
 l'écriture et ce « bruit » très particulier
que font les mots lorsqu'elle les assemble.
 n'est-ce pas déjà beaucoup ? tout ce qu'elle sent, elle l'écrit en enfilant les syllabes
comme un artiste des perles. c'est avec l'oreille, plus encore qu'avec les yeux,
qu'il faut lire ses livres ou voir ses films.

diplomatie.gouv.fr

 

  .   J'ECRIS POUR TOI 

On écrit pas pour soi seule … J’écris pour toi ... pour vous. Si l‘autre n’est pas là, on n’écrit pas. Sur une île déserte on n’écrit pas. Il y a ça aussi, cette hypocrisie en postulat, de croire que c’est pour soi qu’on écrit…

jcdjian.blogemploi.com

 http://marguerite-duras.blogspot.it

ROMANZo GIOVANILE RITROVATO
md scrisse in gioventù UN ROMANZo senza grandi pretese, dal titolo   Heures chaudes” - Ore calde - che poi non riconobbe mai come proprio. Pubblicato nel 1941 con la firma di M. Donnadieu, il libro servì a pagarsi da mangiare negli anni bui della seconda guerra mondiale. Questa la conclusione cui è giunto lo scrittore francese Dominique Noguez, che ha recentemente ritrovato una copia DEL ROMANZo in un negozio si libri vecchi sul lungo Senna di Parigi.
...volume di 195 pagine con copertina gialla e titolo stampato in inchiostro verde.... La trama propone degli “amori estremi”.. tra i protagonisti anke Pierre - nome del fratello della scrittrice.
adnkronos

 

I suoi ROMANZI sono considerati difficili e per pochi, ma nonostante tutto il mito per cui solo la letteratura

facile e di consumo vende, viene sfatato.  La Duras, infatti, ha inventato una scrittura particolarissima, piena di silenzi e di risonanze interiori. Le sue opere sono nello stesso tempo racconti, poemi in prosa e sceneggiature.

In gran parte della sua produzione, inoltre, assistiamo alla completa distruzione della trama (procedimento di stampo avanguardistico, desunto dalle punte più avanzate della letteratura sperimentale), e alla rivelazione della vita interiore dei suoi personaggi attraverso un lavoro di scavo moibilissimo. Dal 1970 in poi, inoltre, saranno frequenti le apparizioni della Duras nel giornalismo, comunque già praticato tra il 1955-60.  

Gli anni '80 sono decisamente movimentati, sia per i suoi viaggi (Normandia, Montréal, Italia), sia per i suoi nuovi successi editoriali, ma soprattutto poiché nel 1982 si sottopone a una cura di disintossicazione dall'alcool in un ospedale americano.

Fra il 1988 e il 1989 passa cinque mesi in coma in ospedale.  Marguerite Duras è morta nel 1996 a Parigi all'età di ottantuno anni.

https://youtu.be/kBhHolfS5A8   -   https://youtu.be/9d-ty00VGO8  -   https://youtu.be/TPiv0EKzd8k   -   écrire  -  worn out with desire to write

la solitudine della scrittura

 

ha scritto 34 ROMANZI e oltre alla scrittura
ha praticato anche la
settima arte dirigendo ben 16 film.
Per la pellicola "India Song" del 1975 vinse il Gran Premio

Accademico del Cinema francese

http://biografieonline.it/biografia.Marguerite+Duras

 

 

Ecrire ce n'est pas raconter des histoires

C'est le contraire de raconter des histoires

C'est raconter tout à la fois

C'est raconter une histoire et l'absence de cette histoire

C'est raconter une histoire qui en passe par son absence

scrivere non è raccontare storie  .    è il contrario del raccontare storie 
è raccontare tutto insieme  .  raccontare una storia e l'assenza di una storia
una storia che si svolge attraverso la sua assenza
la vie matérielle

 

 

  exercice de style durassien  .PDF 

clicnet.swarthmore.edu  

Scrivere era la sola cosa che popolava la mia vita

e la rendeva magica

L'ho fatto

La scrittura non mi ha mai abbandonato

 

 

Scrivevo tutte le mattine, ma senza un orario, mai, se non per cucinare.   

Sapevo quando dovevo intervenire perché il cibo bollisse o perché non si bruciasse.    

E anche per i libri lo sapevo.    Lo giuro. Tutto, lo giuro, non ho mai mentito in un libro.    

E neppure nella vita.    

Eccetto agli uomini.   

Mai.

...

La liberazione è quando si fa buio. Quando cessa il lavoro. Rimane il nostro lusso di poter scrivere nel buio. Possiamo scrivere a qualunque ora. Non siamo penalizzati da ordini, da orari, da capi, da armi, da multe, da poliziotti, da capi e ancora da capi. E da chi sta covando i fascismi di domani.
scrivere

 

*

 

Si crede che
quando una cosa finisce
un’altra ricominci immediatamente
No 

Tra le due cose  c’è lo scompiglio
hiroshima mon amour

 

GLI OCCHI VERDI

Chaplin   n o n   è una persona normale .     

È un invalido geniale, un incidente fantastico nella storia dello spirito ... Si dice che la grande opportunità di Chaplin sia stata il muto, io dico che questa dimensione il sonoro non l'ha mai raggiunta.   -MD
Considerata una delle più grandi narratrici del secondo dopoguerra, Marguerite Duras ha scritto numerose sceneggiature di film d'avanguardia esistenzialisti, è stata inoltre protagonista di aspre polemiche iconoclaste contro la mentalità cinematografica degli anni Ottanta. Coerente a un percorso di ricerca critica attraverso la letteratura, non si è certo risparmiata nel porre spinose questioni etiche all'interno del dorato entourage di artisti e intellettuali della pellicola.
IIn questo volume "Cahiers du cinèma",  Marguerite Duras, esprime spietati e contraddittori giudizi sulla società utilizzando come metafora il cinema.
Gli occhi verdi,
interamente concepito, scritto e impaginato dalla scrittrice, si sofferma con penna tagliente, sugli aspetti più politici della produzione di immaginari, ampliando la riflessione sulla vita, sull'amore, sul lavoro dello scrittore, immergendosi ancora una volta nell'intimo dei personaggi che hanno popolato i suoi ROMANZI .

shake.it - durasmonamour.it
.

Duras Marguerite   -   Gia Dinh Vietnam 1914 - París 1995

Escritora francesa. Las experiencias que vivió junto a su madre en Indochina, donde residió hasta 1932, le  inspiraron la novela Un dique contra el Pacífico, con la que se dio a conocer en 1950, tras publicar varias  novelas de escaso éxito.

En París, Marguerite Duras participó en la Resistencia, por lo que fue deportada a Alemania. Una vez  terminada la contienda, inició su intensa actividad en los campos del periodismo, la novela, el teatro y  el cine, y escribió y dirigió varias películas y obras teatrales.

Encuadrada inicialmente en los moldes del neorrealismo de posguerra (Los caballitos de Tarquinia,  1953) y afín al movimiento existencialista, Marguerite Duras se acercó después a los postulados del  «nouveau ROMAN», aunque sus novelas no se limitan nunca al mero experimentalismo, sino que dejan traslucir un aliento intensamente personal y vivido, como sucede en Moderato cantabile.

Marguerite Duras Escribió el guión de la célebre película Hiroshima, mon amour (1958), dirigida por  Alain Resnais - muerto en 2014 -  con gran éxito. Los temas de Duras fueron siempre los mismos: el amor, el sexo, la muerte,  la soledad. En 1969 publicó Destruir, dice y dos años después El amor (1971), que anticipa en ciertos aspectos su obra más celebrada, El amante (1984), ganadora, entre otros, del Premio Goncourt.

Al año siguiente apareció el relato con fondo autobiográfico El dolor, que fue escrito en 1945, y en 1990  su última novela, La lluvia de verano. La agitada vida de Marguerite Duras rivaliza y se combina con su  obra hasta el punto de ser ambas difícilmente comprensibles por separado.

www.biografiasyvidas.com/biografia/d/duras.htm
.

Marguerite Duras, pseudonimo di Marguerite Donnadieu

è nata il 4 aprile 1914, a Gia Dinh, in Cocincina, l'attuale Vietnam del sud che a suo tempo era dominio francese e qui trascorre l'infanzia e l'adolescenza.  Il padre è originario di Lot-et-Garonne, mentre la madre proviene dalla Francia del Nord. I suoi due fratelli si chiamano Pierre e Paulo. Il padre muore quando Marguerite ha quattro anni.

Nel 1924 la famiglia si trasferisce a Sadek, e quindi a Vinhlong, sulle rive del Mekong. La madre, in seguito, acquisterà in Cambogia una piccola concessione che però non potrà mai essere coltivata poiché viene periodicamente inondata dal mare.  Ed è proprio durante una terribile alluvione che la madre muore.   Nel 1930 studia in un pensionato a Saigon e incontra l'amante cinese". L'esistenza di Marguerite Duras verrà profondamente segnata da queste circostanze e verrà rivissuta in alcuni libri.      Dopo le scuole superiori a Saigon, Marguerite lascia l'Indocina e dal 1932 si trasferisce a Parigi, in Francia, dove studia diritto, matematica e scienze politiche.  Nel 1937 è assunta come segretaria presso il Ministero delle Colonie francese , ma già nel 1939, dopo il suo matrimonio con Robert Antelme, comincia a lavorare per alcune case editrici.      Nel 1942 muoiono il suo primo figlio e il fratello Paulo e incontra Dionys Mascolo, da cui avrà un figlio nel 1947.      Nel 1943 entra nella resistenza, mentre il marito viene arrestato e deportato.      Nel 1946 divorzia, mentre nello stesso periodo (1944-1950) è iscritta al Partito Comunista.     Dal 1955 al 1960 si impegna nella lotta contro la guerra d'Algeria, e quindi contro il potere gaullista.     Nel 1957 si separa da Dionys Mascolo    Ormai, nonostante la ritrosia del grande pubblico a causa della difficoltà delle sue opere, il suo successo è inarrestabile. 

Dal 1970 in poi, inoltre, saranno frequenti le apparizioni della Duras nel giornalismo, comunque già praticato tra il 1955-60.  Gli anni '80 sono decisamente movimentati, sia per i suoi viaggi (Normandia, Montréal, Italia), sia per i suoi nuovi successi editoriali, ma soprattutto poiché nel 1982 si sottopone a una cura di disintossicazione dall'alcool in un ospedale americano. Fra il 1988 e il 1989 passa cinque mesi in coma in ospedale.   Marguerite Duras è morta nel 1996 a Parigi  all'età di ottantuno anni.        Scrisse 34 ROMANZI dal 1943 al 1993 e divenne parte integrante dell'elite culturale di Parigi. Oltre alla scrittura, diresse anche circa 16 film. Per il film "India Song" (1975), vinse il Gran Premio Accademico del Cinema francese.     La produzione teatrale e filmica di Marguerite Duras, come anche i suoi ROMANZI più difficili, sembrano, in un primo momento, essere riservati solo ad un pubblico circoscritto, ma, come dimostrano i successi di critica e vendita che costellano la sua carriera, le sue opere sono note anche ad un pubblico meno sofisticato. Il linguaggio che la Duras utilizza nelle sue opere, assieme alla ritmica e alle sue proprietà musicali, rapiscono il lettore, sottraendolo all'abituale ambientazione quotidiana per trasportarlo in una realtà senza confini. 

Fra i numerosissimi libri scritti da Marguerite Duras, numerose sono le opere in cui compaiono elementi decisamente autobiografici, legati soprattutto alle esperienze vissute dalla scrittrice in Indocina.   I primi ROMANZI della Duras, pubblicati da Gallimard, spiccano per la loro ambientazione provinciale e per le passioni familiari che ne costituiscono i temi principali.     Nei ROMANZI della seconda metà degli anni '50, il contenuto narrativo dei ROMANZI della Duras tende a perdere il suo consueto spessore, mentre acquista spazio una dimensione simbolica sempre più accentuata, portando la stile della scrittrice verso una piena maturità.  Marguerite Duras inventa una scrittura particolarissima, piena di silenzio: la scrittrice crea opere che sono nello stesso tempo racconti, poemi in prosa, sceneggiature... In gran parte della produzione di Marguerite Duras assistiamo alla completa distruzione della trama, e alla rivelazione della vita interiore dei suoi personaggi, dall'interno.   Nel 1959, con "Hiroshima mon amour" . Marguerite Duras ottiene il suo primo successo cinematografico.   E' necessario comunque aggiungere che il cinema e la letteratura non saranno le uniche forme della scrittura durassiana, la quale abbraccerà anche generi come il teatro e il giornalismo.

margueriteduras/homestead.com

www.durasmonamour.it/it/index.htm

 


 
 
TEATRO  - L'amante anglaise
L'Amante Anglaise devait être représentée sur un podium avancé, devant le rideau de fer baissé, dans une salle restreinte, sans décors ni costumes. md
t-n-b.fr/fiche/index.asp
Un delitto avvenuto nei dintorni di Parigi è l'oggetto del libro che Marguerite Duras scrisse nel 1967, L'amante inglese. Il corpo della vittima viene fatto a PEZZI CHE vengono gettati dal parapetto di un viadotto sui treni merci di passaggio diretti in varie direzioni, e quindi ritrovati in Francia un po'' dappertutto. L'autrice ricostruisce la storia immaginando una sorta di intervista alle persone coinvolte, al fine, come lei stessa dirà, di esercitare "...una specie di sorveglianza sulla libertà dei prigionieri, sulla libertà delle persone che vengono ascoltate...in modo da lasciare alle cose il modo di dirsi..." Ed è dal modo personale di ognuno di raccontare l'accaduto e la sua propria visione del rapporto con gli altri personaggi all'interno di una storia in definitiva comune, che si costruisce l'evento del delitto che isolato dal contesto non avrebbe senso di essere ...
caterina renna - durasmonamour.it - teatro.org


 


la tranquilla campagna francese

“Jérôme, piegato in due, si è rimesso in marcia verso le Bugues. Ho raggiunto Nicolas che, subito dopo la rissa, si era lasciato cadere sulla scarpata della ferrovia.
Mi sono seduta vicino a lui, ma credo che non se ne sia neanche accorto.
HHa seguito Jérôme con lo sguardo fin là dove la strada si perde nel bosco.
“ Anche il lettore segue avido con lo sguardo - “le droit de regard”, il diritto dello sguardo, rivendicato da alcuni scr
ittori - la scena descritta come da una telecamera da colei che già si intravede essere la grande sceneggiatrice di Hiroshima mon amour e Moderato cantabile.
Stiamo parlando di Marguerite Duras che, con La Via tranquilla (Feltrinelli, 1998, L. 12.000), ROMANZo scritto nel 1944 e rivisto nel 1972, già rivela le caratteristiche della sua scrittura.
UUn nucleo familiare vive chiuso in se stesso: i protagonisti sono Françou, suo fratello Nicolas, per cui la ragazza nutre un amore impossibile, Thiène, un amico, Jérôme, lo zio, i genitori.
La vita è fastidio e caos ed è difficile agire. Atti violenti costituiscono il solo momento di rottura: alle morti di Jérôme (con cui si apre il libro), di Nicolas e di uno sconosciuto (con cui si conclude IL ROMANZo ), non riesce a fare da contrappunto nessun evento positivo e vitale, neppure quello di una vita che nasce, quella di Noël, il figlio di Nicolas e di sua moglie Clémence.
La famiglia abita in una proprietà agricola sperduta nella campagna del Périgord, regione del sud-ovest della Francia.
Il Périgord beneficia grazie alla sua posizione geografica di un clima particolarmente temperato e i suoi quattro colori ne esprimono tutta la sua diversità.
A Nord, il Périgord verde, vero scrigno di natura è attraversato da valli e ruscelli.
Qui si trova il Parco Regionale Périgord-Limousin. Il Périgord bianco, al centro del dipartimento della Dordogna, è il paese delle pianure calcaree e delle vaste valli, solcate dall’Auvézère e dall’Isle.
Il Périgord nero domina le valli della Vézère e della Dordogne. I paesaggi sono quelli della preistoria: Lascaux, le Bugue, Saint-Cyprien e Sarlat.
E’ risalendo verso la foce della Dordogna che si scopre il Périgord porpora, nome dato al paese di Bergerac.
Sulle terre di Montaigne, il Vino e il Tabacco dominano. Périgueux, capitale nel cuore del Périgord, conserva vestigie preistoriche, gallo-ROMANe, medioevali e rinascimentali.
Non bisogna dimenticare d’altronde che, al confine del Périgord, si trova la regione di Duras.
Infatti, il nome di Duras è stato scelto da Marguerite Donnadieu fin dal suo primo ROMANZo , Les Impudents, nel 1943.
Gli elementi di questa campagna - “tranquilla”, come la vita che vi si svolge - e dell’economia della regione sono tutti presenti nel libro della Duras: le ugues (“Sono belle di là, le Bugues“), la pianura del fiume Rissole, nella cui valle “spuntano piccole fattorie circondate da campi, boschi e bianche collinette”, la collina delle Ziès, la città di Périgueux.
Il disordine delle anime che si lasciano vivere, che sono dominate dalla noia e dal niente (“Non c’è niente da fare contro la noia e io mi annoio“, dice Françou) è ritmato dai gesti semplici della vita di campagna: mungere le vacche, dare da mangiare alle galline e ai conigli, andare a fare legna, vendemmiare, fare il burro, potare i germogli di tabacco, trinciarne le foglie e riunirle a mazzetti, mettere il grano al coperto, con alcuni accenni alla gastronomia, “frittelle, formaggio di capra, zuppa di pane e latte”.
D’altronde lo stesso linguaggio comunica una fusione perfetta con la natura, sottolineando una sintonia perfetta tra gli esseri e le cose ed una sensazione di accordo, di felicità, di pace : “Luce camminava là nella stanza come fosse ancora a cavallo”, Nicolas e Luce “sembravano due giovani animali che giocano”, Clément sembra “un albero tra gli alberi”, la mamma di Françou ha dita “dure e nodose come radici”, “Nicolas è come quegli uccelli che dormono nella corsa del tempo, negli anfratti degli scogli flagellati dal mare”.
Stile asciutto, personaggi poco indagati sul piano psicologico, assenza di descrizioni, scarsità di avvenimenti, capacità di cogliere l’attimo, amore per la natura: ecco le caratteristiche della scrittura di Marguerite Duras.
Leggere i suoi libri è qualcosa di più di una bella avventura, è qualcosa di misterioso, di profondamente magico e noi non possiamo fare altro che dire di sì -

 

 

dire oui à tout ce qu’elle dit

come faceva Yann il suo ultimo dolcissimo compagno

Articolo fornito da: Fausta  Genziana Le Piane   -  faustartepoesia.org

 

  

 

GIORNATE INTERE FRA GLI ALBERI - 1997  

Il volume contiene quattro racconti. A fare da leit-motiv, da tratto comune a tutti i personaggi dell'opera, è una forma di immaturità esistenziale.

Il rapporto tra un figlio viziato e una madre ricca ed egoista, ai margini della normalità borghese; una collegiale che impara dall'osservazione del pasto del boa il senso della fatalità; una portinaia intrigante che sogna di morire per non dover svuotare i pesanti bidoni della spazzatura; un uomo e una donna in un albergo in riva ad un lago, che intessono la trama di una relazione, nell'attesa fatale dell'incontro: il panorama umano che emerge è segnato dal bisturi della psicologia  come sempre nelle opere della Duras.
Giornate intere fra gli alberi come se al mondo non ci fossero che gli alberi . ti ritrovarono sugli alberi a caccia di nidi -  giornate intere fino a notte -  sui rami e ti chiamavamo -  ti chiamavamo -  tu non rispondevi . I suoi fratelli erano studiosi e che lui stesse sugli alberi era qualcosa di diverso .
amazon

 

 

 

 

 

La solitudine non si trova, si fa.

La solitudine viene da sé. Io l’ho fatta, perché ho deciso che qui avrei dovuto essere sola, che sarei stata sola per scrivere libri. È avvenuto così, sono stata sola in questa casa, mi ci sono rinchiusa, con un po’ di paura, certo. E poi l’ho amata. È diventata la casa della scrittura. I miei libri escono di qui, anche da questa luce, dal parco, da questa luce riflessa dallo stagno. Mi ci sono voluti venti anni per scrivere quello che ho detto ora .

scrivere

 

 

 

la passione sospesa   -   la passion suspendue
estratto da intervista di leopoldina pallotta della torre

L’amore resta la sola cosa che davvero conti. E’ stupido pensarlo circoscritto alle storie tra un uomo e una donna   .
come si descrive da bambina?
Piccola lo sono sempre stata. Nessuno mi ha mai detto che ero graziosa, né c’erano specchi dove vedersi, in casa.
quali sono le ragioni che l’hanno indotta a scrivere?
Il bisogno di rendere sulla pagina qualcosa di cui sentivo l’urgenza senza avere la forza di farlo completamente. Leggevo molto, all’epoca, e inevitabilmente la fretta di scrivere era tanta che non mi rendevo conto di quanto mi stava influenzando. È solo con il secondo libro che si comincia a veder chiaro la direzione della propria scrittura nel suo lento distac  carsi dal fascino che l’idea della letteratura esercita su di noi.
come cominciò?
A undici anni vivevo in Cocincina, trenta gradi all’ombra, ogni giorno. Scrivevo poesie – si comincia sempre da lì – sul mondo, la vita di cui non sapevo niente.
perché secondo lei si comincia a scrivere?
Penso al mio ultimo romanzo, Emily L. Emily legge, scrive poesie: tutto, a dire il vero, è iniziato con la lettura, suggeritale dal padre, dei versi di Emily Dickinson cui il libro, da lontano, si ispira. Non so davvero che cosa spinga la gente a scrivere se non, forse, la solitudine di un’infanzia. Per me come per Emily ci sono stati un padre, o un libro, o un’insegnante, o una donna sperduta tra le risaie della Cocincina. Sa una cosa? Non penso di aver conosciuto nessuno senza pormi questa domanda: la gente, quando non scrive, cosa fa? Ho una segreta ammirazione per le persone che non lo fanno; e non so proprio come possano.
cosa provava scrivendo l’amante?
Una certa felicità. Il libro è uscito al buio – il buio dove avevo relegato la mia infanzia – ed era privo di ordine. Una serie di episodi sconnessi che io trovavo e abbandonavo senza soste, premesse, o conclusioni .
flavia piccinni – nuoviargomenti.net  -  scritture.blog.kataweb.it  -  bookblog.salonelibro.it

Nel 1989, mentre stava scrivendo "L'amante della Cina del Nord", Marguerite Duras ebbe una serie di incontri, durati diverse settimane, con una giovane studiosa italiana, con la quale accettò di confidarsi. Questa lunga conversazione tratteggia, con estrema sincerità, la vita e l'opera della scrittrice, i suoi film, i suoi libri, l'infanzia, gli amori, l'impegno politico, la sua epoca. Confrontandosi con l'ambiente letterario e sociale in cui si è formata, Marguerite Duras ritorna su alcuni temi privati, familiari o politici che ha trattato nei suoi scritti. Analizza opere letterarie e film per tornare infine alle proprie creazioni. Il fatto di avere una giovanissima interlocutrice straniera le consente una libertà di tono del tutto inedita. Il libro, pubblicato originariamente in italiano, è stato "scoperto" e pubblicato in Francia a oltre vent'anni di distanza, arricchito dalle note di René de Ceccatty.  
ibs  - books.google.it

Una intervista-confessione che tratteggia con estrema sincerità la vita e l’opera della grande scrittrice francese, analizzando i film e i libri che hanno contribuito alla sua formazione, l’infanzia, gli amori e l’impegno politico.
archinto.eu

- Pendant des années, j’ai eu une vie sociale et la facilité avec laquelle je rencontrais les gens ou je leur parlais se reflétait dans mes livres. Jusqu’à ce que je connaisse un homme, et peu à peu, toute cette mondanité a disparu. C’était un amour violent, très érotique, plus fort que moi, pour la première fois. J’ai même eu envie de me tuer, et ça a changé ma façon même de faire de la littérature : c’était comme de découvrir les vides, les trous que j’avais en moi, et de trouver le courage de les dire. La femme de Moderato Cantabile et celle de Hiroshima mon amour, c’était moi : exténuée par cette passion que, ne pouvant me confier par la parole, j’ai décidé d’écrire, presque avec froideur. - MD
Entre 1987 et 1989, après le succès foudroyant de L’Amant qui fait d’elle un écrivain mondialement reconnu, Marguerite Duras se confie en toute liberté à une jeune journaliste italienne sur sa vie, son œuvre, son obscurité, puis sa gloire, la politique, la passion. Ce dialogue a paru une fois en langue italienne et avait disparu, ignoré des admirateurs de Duras qui vont ici réentendre sa voix.
amazon

Io scrivo per volgarizzarmi, massacrarmi, e poi per alleggerirmi d'importanza: che il testo prenda il mio posto, in modo da farmi esistere meno.   Mi accade di liberarmi da me stessa solo in due casi:   l'idea del suicidio o quella della scrittura.

...

non credo si possa fare a meno della passione, pur sapendo di viverla nella piu grande delle solitudini.   qualcosa che getta ognuno degli amanti in un isolamento tragico.
pag 122 - la passione sospesa

 

 

 

 

              paris 1965

 

 

 

La fine di ogni libro è la fine del mondo

è così ogni volta. E poi torna, come la vita.
il nero atlantico - 1998

 

 

 

2014 - centenario della nascita

4 aprile 1914  GIA DINH  -  saigon  - 3 marzo 1996  paris

. l'institut francais - firenze  - rende omaggio a marguerite duras con cinema e teatro

. teatro - MODERATO CANTABILE – Duras Mon Amour - reading musicale a torino 

. MODERATO CANTABILE RI_TRADOTTO E RI_PUBBLICATO - 2014

. il dialogo di roma  -  film  1982
--- IL SOGGETTO DI QUESTO FILM È LA CONVERSAZIONE TRA UN UOMO E UNA DONNA. DURANTE QUESTA CONVERSAZIONE, NON VEDREMO ALTRO CHE LA CITTÀ DI ROMA. VORREI TRASMETTERE CIÒ CHE ROMA SUSCITA IN ME, LA SENSAZIONE D’UNA MATERIA INTRINSECA, INDISSOLUBILE, CONTRARIAMENTE A PARIGI, FATTA DI PIAZZALI E SPAZI APERTI, ATTRAVERSATI DAL CIELO E D A L VENTO. MANO A MANO CHE LA PELLICOLA SI SVOLGE, LA DIFFICOLTÀ DEI DUE AMANTI ASSUME UNA FORMA PIÙ CHIARA, PIÙ ESPLICITA. MA COSÌ COME, SECONDO IL MIO PARERE, È IMPOSSIBILE DESCRIVERE E FILMARE ROMA, LA DIFFICOLTÀ NELL’AMORE DI UNA COPPIA NON POTRÀ MAI ESSERE COMPRESA FINO IN FONDO  ---  md

libreria Fandango Incontro  - rende omaggio  con la proiezione del film Dialogo di Roma - Germania 1983-
la città eterna raccontata dalla Duras per mezzo di un percorso che inizia da Piazza Navona per poi svilupparsi attraverso ruderi, vicoli e i '
buchi vuoti' come lei ebbe a definire spazi e tempi dell’Urbe.

corriere.it - 2014
la malattia della morte - teatro
Un uomo chiederebbe ad una donna sconosciuta di recarsi ogni notte, per più notti, presso di lui. Il proposito sarebbe incontrarla, conoscere il suo corpo, abituarsi al suo profumo, alla sua pelle nuda. Provare, attraverso di lei, ad amare. È un uomo che mai ha amato né desiderato alcuna donna. È una parola molto teatrale quella della Duras, capace, nella sua asciuttezza e rarefatta essenzialità, di scavare profondamente nell’animo del protagonista, e di far vivere i personaggi e le loro situazioni con una evidenza ancora maggiore che se questi fossero presenti fisicamente sulla scena.
edn / portalegiovani.comune.fi.it  -  institutfrancais-firenze.com - 2014

centenario della  nascita
di Sandra Petrignani il romanzo  Marguerite che celebra la storia di questa donna eccezionale che ha attraversato il colonialismo francese, la Resistenza, l’adesione e la ribellione al Partito comunista francese, il '68 -partecipò alla contestazione sesantottina sulle barricate, e creò lo slogan Sous le pavés, la plage - Sotto i sampietrini c’è la spiaggia- il femminismo, l'Ecole du Regard, la Nouvelle Vague fino al delirio megalomane e alcolico della vecchiaia in cui la scrittrice parla di sé in terza persona autocitandosi con il solo cognome: Duras.
Una protagonista del Novecento vissuto e attraversato con impeto e coraggio fino alla morte, a 81 anni, per un tumore alla gola.
è sepolta nel cimitero parigino di Montparnasse.

enciclopediadelledonne.it - sapere.it - 2014

libro scritto grazie anche all'incontro con Jean Outa Mascolo nella casa di campagna di famiglia a Neuphle-le-Chateau "un incontro magico con un figlio che porta in sè molto forte i ricordi, i pensieri e il carattere della madre".
Sono cresciuta nell'acqua, mi piace l'acqua -  diceva la Duras anche se ne aveva timore e la sua scrittura evocava sempre qualcosa di fluido.

huffingtonpost.it - 2014

 .

Sono vecchia e sola pensa Marguerite
«Grido. Amerò chiunque ascolterà questo grido». È ancora innamorata di quella frase. Anche lei – come l’artista misterioso di Les mains negative – ha impresso e dipinto la forma delle mani nella roccia; la sua roccia sono i fogli di carta.
Sono una cretina, sono una pazza. Un’alcolizzata.  Nemmeno.  Sono un’alcolizzata che non può bere se no muore. Sono una stronza, come dice Yann quando si arrabbia. Yann Lemée. Yann L’Amato.   È un gioco di parole il suo nome.  Come la menthe anglaise/l’amante anglaise. Gliel’ha cambiato, ora è Yann Andréa -  Andréa è il nome di battesimo della madre. «Questo nome è indimenticabile» gli ha detto. Lui ha accettato, come accetta tutto.

da marguerite - sandra petrignani - 2014

 

*

perché un libro

è l’ignoto

è il buio

è chiuso .

il libro

avanza

cresce

va nelle direzioni che crediamo di aver esplorato

avanza verso il suo destino e quello dell’autore

annientato dalla sua pubblicazione .

il distacco da lui

il libro sognato

come il bambino più piccolo

sempre il più amato
scrivere

Un essere umano a parte
Così era Marguerite Duras, che ho amato tanto, una donna che è riuscita a far parlare il silenzio. Molti di quelli che ci vengono presentati come scrittori straordinari non hanno una carnalità. Marguerite invece aveva una carnalità, una carnalità incredibile, inquieta. Era legata alla terra, molto più immediata e manipolatrice di coloro che l’adulavano. Anche lei era terribile, come poteva esserlo Picasso. O Simenon.
Come tutti i grandi, i veri poeti sono terribili.
gérard depardieu - repubblica.it - 2016

À PROPOS DE L'AN 2000
facebook.com/brutofficiel/videos   -    https://youtu.be/QCIL59S3tqg  - intervista 1985

 

 

LA MAISON PLATIER
Désormais, la vie de Marguerite ce sera Paris, la rue Saint-Benoît, Neauphle- le -Château. Lors du décès de Marguerite Duras, on a beaucoup parlé du «Platier» … Finalement, «En laissant du temps au temps», Marie-Laurence Giraud (94 ans) a accepté de vendre «le Platier» pour la somme de 65000€.

ladepeche.fr - 2018
La maison Platier - Duras  -  Lot et Garonne
Henri Donnadieu achète en 1921 la maison de Platier près de Duras et y meurt quelques mois plus tard, loin de sa famille. Après la mort de son père, Marguerite a peine âgée de 8 ans rejoint la France. Elle passe deux années dans la maison paternelle avec sa mère, Pierre le frère aîné et le "petit frère" Paul. Elle y reviendra en 1931, à l'âge de 17 ans, quelques mois, pour la vente du domaine, puis en 1965 avec Jeanick Ducot un ami peintre et photographe de La Réole.
Suite à un incendie en 1953, la maison est restée en ruine et en friche. Marguerite eut un moment le désir de la racheter, mais cela ne se fit pas. Yann Andréa, son dernier compagnon, rapporte que près de mourir elle le supplia de la ramener "dans cette maison où son père était mort loin d'elle". Elle était déjà très affaiblie, et il lui dit "non" pour la première fois de sa vie. En 1996, après le décès de Marguerite Duras le 3 mars, il y reviendra tout seul "pour que cela fut fait".
meplna.fr - fb/durasmonamour - 3.6.2018

*

 

 

 


      

WELCOME       DURAS_1      DURAS_2      DURAS_3     DURAS_4     DURAS_5


altri autori           home

 

PRIVACY