POESIAPOESIAPOESIAPOESIAPOESIA

poesia preghiera citazioni natives

 

pagina   1  -  2

 


Oh ! Sole, Luna, Stelle, voi che vi muovete nel cielo

vi prego di ascoltarmi!
Tra di voi c’è ora una nuova vita.
Accoglietela con il vostro favore, vi imploro!
Fate che il suo sentiero sia senza ostacoli e che gli permetta di
raggiungere la cima della prima collina!
Oh! Venti, Nuvole, Pioggia, Nebbia, voi che vi muovete nell’aria
vi prego di ascoltarmi!
Tra di voi c’è ora una nuova vita.
Accoglietela con il vostro favore, vi imploro!
Fate che il suo sentiero sia senza ostacoli e che gli permetta di
raggiungere la cima della seconda collina!
Oh! Colline, Valli, Fiumi, Laghi, Alberi, Erba, voi che appartenete
alla terra
vi prego di ascoltarmi!
Tra di voi c’è ora una nuova vita.
Accoglietela con il vostro favore, vi imploro!
Fate che il suo sentiero sia senza ostacoli e che gli permetta di
raggiungere la cima della terza collina!
Oh! Uccelli, grandi e piccoli, che volate nell’aria
oh! Animali, grandi e piccoli, che vivete nella foresta
oh! Insetti che vi muovete strisciando nell’erba e vi nascondete
nella terra
vi prego di ascoltarmi!
Tra di voi c’è ora una nuova vita.
Accoglietela con il vostro favore, vi imploro!
Fate che il suo sentiero sia senza ostacoli e che gli permetta di
raggiungere la cima della quarta collina!
Oh! Voi del cielo, dell’aria, della terra
vi prego tutti di ascoltarmi!
Tra di voi c’è ora una nuova vita.
Accoglietela, voi tutti, con il vostro favore, vi imploro!
Fate che il suo sentiero sia senza ostacoli, e che possa proseguire
oltre le quattro colline!

il bambino appena nato viene presentato al cosmo Omaha
fb/nativiamerica

Perché io guarisca
lo stregone ha dipinto
la tua immagine nel deserto.
Sabbia dorata per gli occhi
rossa per la bocca
azzurra per i capelli
e bianca per le mie lacrime.
Tutto il giorno ha dipinto.
Tu crescevi come una dea
sul grande canovaccio giallo.
Di sera il vento disperderà
la tua ombra multicolore.
Secondo la legge, nulla resta
se non il simbolo delle mie lacrime :
la sabbia d’argento.
XIX sec. d.c.

 


 

 

the last warrier


High on bleak, stony rag,
Unmoving, he sits astride
His ragged coated pony.
Only telltale frozen breaths,
Separate them from
The still, winter black boles
Of ancient leafless trees.
The pony, blown and lame,
Stands with lowered head,
Ears flattened to the sound
Of a distant wolf pack.
The man on his back,
All weapons lost,
Ignores the trickling blood
From savage wounds,
Mingling his war paint.
Eyes burning fiercely
He strains to find
The sign he seeks:
Behind, the sound of enemy
Draws ever closer.
At last, faith rewarded,
He sees far below
In the deep valley,
Arriving at the edge
Of the fast flowing river,
The great she bear
With two gamboling cubs:
To fish the racing salmon,
Drawn relentlessly toward
Their age-old spawning ground.
Silently, the wounded brave
Offers his final prayer
To the eternal clan bear;
Totem and guardian
Of his battle slain tribe.
The enemy, exultant,
Are almost upon him,
Yet he looks not behind:
He sees only the Great Spirit,
Surrounding him kindly
In loving, firm embrace.
While the enemy closes in,
He straightens himself;
His voice rings loud and clear,
Echoing across the land
To the distant cloudless sky.
One last defiant war cry
As he spurs on his pony,
And leaps...
Into the world of his ancestors.

 

TODAY

Today, I am more native than yesterday,
I didn't hurry so fast, running from my past,
I sat real still when I was alone,
didn't have to call someone on the phone,
listening to the silence until my head heard,
my heart speaking to me....
And my heart spoke of purpose in my life,
of seeking integrity in myself,
of walking a solitary path of peace,
seeking harmony instead of wealth,
of seeing the strength in a prayer,
sharing with my children the power there,
of honoring everything that is alive,
being one with nature, not strife....
On this journey I walk,
my heart continues to talk,
turning me into what I was born this day,
for I am more Native than yesterday....
summerwine1.tripod.com

 

rainbow

Shimmering color arched against grey sky,
Painted by dancing light on air-borne mist.
Wide flung by a sacred hand...
The Hand that formed of dust nothingness
The solid Earth below.
Beauty and promise together blended,
Beauty ethereal, promise divine.
Given to grace the clouds and the rain,
Given to bless the world-weary heart...
Shimmers... fades... brightens...
To vanish in brilliance...
Shines through the dark in my soul.

 

 

 

RAINBOW MAN - THE INDALO SYMBOL
Concedimi la serenità di accettare le cose che non posso cambiare
il coraggio per cambiare quelle che posso
e la saggezza per riconoscerne la differenza

preghiera cherokee
CREE PROPHECY
Warriors of the Rainbow
Last century an old wise woman of the Cree Indian nation, named "Eyes of Fire", had a vision of the future. She prophesied that one day, because of the white mans' or Yo-ne-gis' greed, there would come a time, when the earth being ravaged and polluted, the forests being destroyed, the birds would fall from the air, the waters would be blackened, the fish being poisoned in the streams, and the trees would no longer be, mankind as we would know it would all but cease to exist. There would come a time when the "keepers of the legend, stories, culture rituals, and myths, and all the Ancient Tribal Customs" would be needed to restore us to health, making the earth green again. They would be mankind's key to survival, they were the "Warriors of the Rainbow".


SIOUX PROPHESY
There will come a time when the earth is sick and the animals and plants begin to die. Then the Indians will regain their spirit and gather people of all nations, colors and beliefs to join together in the fight to save the Earth: The Rainbow Warriors.
Ancient Native American prophecy

HOPI PROPHESY
When the earth is dying there shall arise a new tribe of all colours and all creeds. This tribe shall be called The Warriors of the Rainbow and it will put its faith in actions not words.
Prophecy of the Native American Hopi people
manataka.org


Non avvicinarti alla mia tomba piangendo.
Non ci sono
Non dormo lì
Io sono come mille venti che soffiano
Io sono come un diamante nella neve splendente
Io sono la luce del sole sul grano dorato
Io sono la pioggia gentile attesa in autunno
Quando ti svegli la mattina tranquilla
sono il canto di uno stormo di uccelli
Io sono anche le stelle che brillano
mentre la notte cade sulla tua finestra
Perciò non avvicinarti alla mia tomba piangendo
Non ci sono
Io non sono morto

canto navajo



The Native American Day - annuale evento culturale
Lo
He Sapa Wacipi é un impressionante evento culturale dei Nativi d’America che si tiene ogni anno al Rushmore Plaza Civic Center della cittadina di Rapid City, porta d’accesso alle Black Hills del South Dakota. In occasione dell’ultimo Powwow dei Nativi, della stagione estiva nelle Rocciose del Nord Ovest, centinaia di nativi americani, cantanti e danzatori, si danno appuntamento al Civic Center per competere in una gara di canto e di danza nativa per un premio di migliaia di dollari. E’ un evento pubblico che offre l’opportunità di ammirare la cultura tradizionale non solo dei Lakota, Dakota e Nakota, bensì anche di molte altre tribù che giungono da lontano: dall’ Oklahoma, dal New Mexico, dall’Arizona, da tutto il nord-ovest ed il nord-est degli Stati Uniti, dal Canada ed anche da talune regioni del sud-est ...
lorenzo lovato - ilturista.info


 

 

Edward S. Curtis

il fotografo degli Indiani d'America

 

 

che documentò, tra la fine dell'Ottocento e i  primissimi anni del Novecento, i volti di capi-tribù e di semplici uomini e donne, la vita quotidiana, gli ultimi villaggi degli Indiani d'America - quello che restava di un popolo, e di una civiltà, che stavano per sparire.

 

www.encanta.it 

 

 

INUITS

 

TORO SEDUTO

 

SACAJAWEA

 

POESIA INDIANA

 

 

Some time in the future,

the Indians said,

  the animals would begin to disappear.

People would no longer see the wolf,

or the bear, or the eagles.

And, the story goes, the giant trees

would also disappear.

And people would fight with each

other and not love each other.

And, the story goes, the beautiful

rainbow in the sky would

 fade away, and people would not

see the rainbow anymore.
Well, children would come.

And these children would love the

animals, and they would bring

back the animals.

They would love trees, and they

would bring back the giant trees.

And these children would love other

people and they would

 help people to live in peace with,

each other.
And these children would love the

rainbow, and they would  bring

back the beautiful

rainbow in the sky.

For this reason the Indians called

these children  the rainbow warriors.

 

The "Warriors of the Rainbow" would show the peoples that this "Ancient Being" (the Great Spirit), is full of love and understanding, and teach them how to make the Earth (Elohi) beautiful again. These Warriors would give the people principles or rules to follow to make their path right with the world. These principles would be those of the Ancient Tribes. The Warriors of the Rainbow would teach the people of the ancient practices of Unity, Love and Understanding.

www.firstpeople.us       

 

 

 

 

 

mitakuye oyasin   -   PACE

SIAMO TUTTI FRATELLI   -   SALUTO RITUALE LAKOTA

Inuit
Inuktitut
Comanche 
Navajo
Lakota
Lakota
Sioux
Mahican
Cherokee
Cheyenne

USA Native
Eskimo people
 USA native
 USA Native
 USA Native
 USA Native
 USA Native
 USA Native
 USA Native
 USA Native

 Tutkium
Anusdake
Tsumukikiatu
 K’é
Wolakota
Wowanwa
Wo’okeyeh
Anachemowegan
Dohiyi
Nanomonsetotse

www.brianzapopolare.it/sezioni/cultura/20030223_pace_varie_lingue.php 

 

indian

termine legale che indica i nativi americani iscritti (o iscrivibili)

nei registri  delle 562 tribù (indiani e inuit)

riconosciute dal governo federale
osservatoriosullalegalita.org

 

 

Prima del 1992, cinquecentenario della conquista delle Americhe, ben poche persone in Italia si interessavano dei popoli indigeni americani, quelli che Colombo chiamò     “indios”   essendo convinto di essere approdato nelle Indie. Anche quando si comprese che le terre “scoperte” non erano le Indie, si continuò a definire gli abitanti originari con il termine “indios” e più tardi “indians”. La consapevolezza che dietro lo sbrigativo termine indiani si celassero in realtà centinaia di popoli, nazioni e tribù, ognuna con le proprie tradizioni, culture e lingue, si è fatta strada con molta fatica e fra lo scetticismo di chi pensava che gli indiani si fossero estinti insieme ai bisonti.
associazioneilcerchio.it

 

 

 

LA DONNA CHE UCCIDE GLI UOMINI    -    WILMA  PEARL MANKILLER
la prima donna eletta a capo della Nazione Cherokee, è morta a 64 anni in Oklahoma  ...
era stata per dieci anni la leader della seconda tribù di indiani d’America ...
Nel 1998 Medaglia della libertà, la più alta onorificenza civile americana ...
si era dedicata alla politica dopo aver partecipato all’occupazione dell’isola di Alcatraz con altri 19 indiani d’America. Fu il primo atto della militanza a favore dei pellerossa che nel 1994 l’aveva portata a marciare su Washington per uno storico incontro alla Casa Bianca con Clinton alla testa di delegazioni di tutte le oltre 500 tribù riconosciute dal governo federale.

blitzquotidiano.it
Personal life - november 18, 1945 – april 6, 2010
In 1979, she was involved in a near fatal car accident which required multiple surgeries. She had multiple other health problems including myasthenia gravis, a kidney transplant, breast cancer, and lymphoma. After many years working together on Cherokee community development projects, Mankiller married her longtime friend, Charlie Lee Soap, a full-blood Cherokee traditionalist and fluent Cherokee speaker, in 1986. They lived on Mankiller’s ancestral land at Mankiller Flats. In March 2010 she was reported to be seriously ill with pancreatic cancer. She died of the disease at her home in rural Adair County, Oklahoma, on April 6, 2010. She is survived by her husband and both her daughters. About 1,200 people attended her memorial service at the Cherokee National Cultural Grounds in Tahlequah on April 10.

FB/nativeamericanencyclopedia.com - 2013

NATIVA AMERICANA SANTA DAL 2012

Una donna della tribù dei Mohawk-Algonquin sarà la prima nativa americana a essere fatta santa.
Il Vaticano ha annunciato la canonizzazione . Nata nel 1656 nello stato di New York, figlia di un capo tribù Mohawk e di una donna della tribù Algonquin, di fede cattolica.
A Kateri, morta nel 1680, all’età di 24 anni, e beatificata da papa Giovanni Paolo II nel 1980 sono stati riconosciuti due miracoli, l’ultimo nel 2006.

Martina Albertazzi - america24.com

 

pagina   1  -  2

 

 

 

POESIA SENZA FRONTIERE

ORIGINI 

MODERNA

AMERICANA

AFRICANA 

FIAMMINGA_OLANDESE

GRECA_MODERNA

INDIANA

INUIT

HAIKU

SENZA FRONTIERE  &   FEMMINILE
FUTURISMO GRAMMELOT

GRIOT

SLAM_FLUXUS_VISIVA_CONCRETA_&_ALTRO

GRAFFITI STREET ART - DA NOF4 A BANKSY & OLTRE

NOBEL  -  STORIA NEWS EVENTI LETTERARI & ALTRO

 

 

INUITS        TORO SEDUTO        SACAJAWEA       POESIA INDIANA

links native

www.facebook.com/native.encyclopedia

www.greatdreams.com/wisdom.htm
www.nativetech.org/poetry/index.php

www.artnatam.com

www.hanksville.org/voyage/indpoem.html
www.thirdworldtraveler.com/History/American_Holocaust.html  
http://web.tiscali.it/wakanlives/index2.html    songs

amazon.com    libri

www.alaskanative.net

www.qualcosadime.net/NN_indiani.htm

www.narf.org

www.nativeculturelinks.com/indians.html

www.farwest.it

www.nativeweb.com

http://en.wikipedia.org/wiki/AIROS_Native_Radio_Network

www.matoska.com

http://indianiamerica.it

www.nativeamericanmusicawards.com/home.cfm

 

 

pagina   1  -  2

 

 

      home

PRIVACY